Bal­zo del Car­roc­cio al 25%

Il par­ti­to di Sal­vi­ni uni­co a cre­sce­re, FI scen­de al 12% Il cen­tro­de­stra uni­to al 41,4. Il Pd fer­mo al 18

Corriere della Sera - - Da Prima Pagina - di Ce­sa­re Zap­pe­ri

La Le­ga è l’uni­co par­ti­to che con­ti­nua a cre­sce­re e ar­ri­va al 25%. Il M5S in leggero ca­lo ri­spet­to a 15 gior­ni fa.

MI­LA­NO Quat­tro pun­ti in più ri­spet­to a due set­ti­ma­ne fa che di­ven­ta­no ad­di­rit­tu­ra ot­to se si fa il con­fron­to con il ri­sul­ta­to emer­so dal­le ur­ne il 4 mar­zo scor­so. Se­con­do le in­ten­zio­ni di vo­to ri­le­va­te dall’isti­tu­to Ip­sos tra il 16 e il 17 mag­gio, la cre­sci­ta di con­sen­si del­la Le­ga assume di­men­sio­ni sem­pre più ri­le­van­ti e toc­ca un tet­to, il 25,4 per cen­to (un elet­to­re su quat­tro), che con­so­li­da Mat­teo Sal­vi­ni nel ruo­lo di pro­ta­go­ni­sta del­la sce­na po­li­ti­ca na­zio­na­le.

Il raf­fron­to con il Mo­vi­men­to 5 Stel­le, e con Lui­gi Di Ma­io con cui in que­ste set­ti­ma­ne è im­pe­gna­to nel ten­ta­ti­vo di da­re vi­ta al co­sid­det­to «go­ver­no del cam­bia­men­to», è in­di­ca­ti­vo. Per­ché è ve­ro che i pen­ta­stel­la­ti so­no ri­ma­sti fer­mi dov’era­no il 4 mar­zo (32,6 per cen­to, lo 0,1 in me­no) ma ne­gli ul­ti­mi 15 gior­ni han­no per­so un pun­to (il 4 mag­gio era­no ac­cre­di­ta­ti del 33,7). I le­ghi­sti per con­tro han­no gua­da­gna­to l’8 per cen­to (4 so­lo nel­le ul­ti­me due set­ti­ma­ne) ed ora la di­stan­za si è più che di­mez­za­ta, scen­den­do da 15 a 7 pun­ti. Se­gno che an­che nel­le con­vul­se gior­na­te del­le trat­ta­ti­ve sul «con­trat­to di go­ver­no» e del­la cac­cia al pre­mier giu­sto la stra­te­gia del lea­der le­ghi­sta, per­ce­pi­ta co­me più coe­ren­te e prag­ma­ti­ca, fa brec­cia tra gli elet­to­ri, an­che tra quel­li che ave­va­no vo­ta­to per al­tri par­ti­ti.

Val la pe­na di os­ser­va­re, in­fat­ti, che al net­to bal­zo in avan­ti del­la Le­ga fa da con­tral­ta­re so­lo il re­la­ti­vo stal­lo del M5S men­tre tut­ti gli al­tri sog­get­ti del pa­no­ra­ma po­li­ti­co ac­cu­sa­no de­fe­zio­ni. Guar­dia­mo an­zi­tut­to nel cen­tro­de­stra, per ri­le­va­re che, a di­spet­to di chi lo di­pin­ge co­me ere­de na­tu­ra­le dei vo­ti di Ber­lu­sco­ni, Sal­vi­ni «ru­ba» sì vo­ti a For­za Ita­lia ma in mi­su­ra li­mi­ta­ta. Gli az­zur­ri (12 per cen­to) scen­do­no di un pun­to ri­spet­to al­la ri­le­va­zio­ne del 4 mag­gio scor­so e di due nel con­fron­to con le ele­zio­ni del 4 mar­zo. Per con­tro, la re­cen­te ria­bi­li­ta­zio­ne giu­di­zia­ria di Ber­lu­sco­ni al mo­men­to non ha in­ver­ti­to il trend ca­lan­te. La ten­den­za al ri­bas­so non esen­ta nem­me­no Fra­tel­li d’ita­lia (3,4 per cen­to, qua­si un pun­to in me­no ri­spet­to al ver­det­to del­le ur­ne) e Noi con l’ita­lia (0,6 per cen­to, con­sen­si di­mez­za­ti).

Sul fron­te op­po­sto, il Pd che a me­tà apri­le era ap­par­so in ri­sa­li­ta scon­ta un ca­lo di po­co più di mez­zo pun­to ri­spet­to al 4 mar­zo (og­gi 18,1 per cen­to), men­tre Li­be­ri e ugua­li pas­sa dal 3,4 al 2,4 per cen­to e bru­sche fre­na­te ac­cu­sa­no pu­re +Eu­ro­pa di Em­ma Bo­ni­no (dal 2,6 all’1,8 per cen­to) e le al­tre li­ste di cen­tro­si­ni­stra (dall’1,6 al­lo 0,8 per cen­to).

Per con­so­li­da­re la sua cre­sci­ta la Le­ga ha pe­sca­to tra­sver­sal­men­te. Ed è cu­rio­so no­ta­re che an­che il fron­te degli in­de­ci­si e del­le sche­de bian­che ha per­du­to un pun­to (dal 29,4 al 28,3 per cen­to). Se­gno che in que­sti due me­si e mez­zo elet­to­ri che si era­no chia­ma­ti fuo­ri han­no cam­bia­to idea.

In ter­mi­ni di seg­gi, le in­ten­zio­ni di vo­to rac­col­te da Ip­sos as­se­gna­no all’as­se M5s-le­ga al­la Ca­me­ra una mag­gio­ran­za an­co­ra più lar­ga: pas­sa da 347 a 385 (ne ba­sta­no 316). Il Car­roc­cio gua­da­gna 41 de­pu­ta­ti e i 5 Stel­le ne per­do­no 3. L’emor­ra­gia è mar­ca­ta per il Pd, che la­scia sul cam­po 14 seg­gi men­tre cu­rio­sa­men­te For­za Ita­lia, mal­gra­do il ca­lo di vo­ti, ag­giun­ge un de­pu­ta­to.

347 la som­ma dei par­la­men­ta­ri su cui può con­ta­re l’as­se M5s-le­ga al­la Ca­me­ra sul­la ba­se dei ri­sul­ta­ti del 4 mar­zo

41,4 la per­cen­tua­le com­ples­si­va di cui è ac­cre­di­ta­ta la coa­li­zio­ne di cen­tro­de­stra al­la Ca­me­ra se­con­do le in­ten­zio­ni di vo­to di Ip­sos

20,7 la per­cen­tua­le com­ples­si­va che vie­ne at­tri­bui­ta al­la coa­li­zio­ne di cen­tro­si­ni­stra al­la Ca­me­ra dal­le in­ten­zio­ni di vo­to Ip­sos

I seg­gi Il Car­roc­cio pas­se­reb­be da 125 a 166 de­pu­ta­ti e il cen­tro­de­stra in­sie­me da 262 a 304

Si­ni­stra sot­to il 3 Li­be­ri e ugua­li ri­spet­to al vo­to per­de un pun­to scen­den­do al 2,4%

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.