«Com­pro il tuo pa­ne an­che se non man­gi con me»

Corriere della Sera - - Cronache - Giu­lia, Sa­vo­na

Ho deciso di scri­ver­ti in un gior­no in cui pian­go per il mio amo­re per te. Non pian­go per­ché è suc­ces­so qual­co­sa di brut­to o per qual­co­sa che hai fat­to: pian­go per la pau­ra che a vol­te mi as­sa­le di do­ver vi­ve­re sen­za di te. Ci so­no gior­ni, co­me og­gi, nei qua­li è più evi­den­te quan­to tu sia en­tra­to nel­la mia vi­ta e quan­to la mia fe­li­ci­tà di­pen­da da te. Quante cose che mi cir­con­da­no mi ri­cor­da­no il no­stro «noi»; quan­ti luo­ghi, quan­ti ge­sti, quante abi­tu­di­ni di ogni gior­no so­no le­ga­te a te. Le cir­co­stan­ze so­no trop­po dif­fi­ci­li per non ave­re pau­ra di do­ver ri­nun­cia­re a que­sto me­ra­vi­glio­so amo­re che mi por­ta a com­pra­re il pa­ne che ti pia­ce an­che se non lo man­ge­rai con me; che mi fa so­gna­re di aver­ti in cu­ci­na con me men­tre io pre­pa­ro la pa­sta che ti pia­ce tan­to; che mi fa pen­sa­re che tu sia vi­ci­no a me men­tre sti­ro la se­ra; che mi fa sen­ti­re le tue ma­ni sul­la schie­na an­che quan­do sei lon­ta­no. Il tuo vo­ler­mi «trop­po be­ne» mi sta riem­pien­do co­sì tan­to il cuo­re che se non po­tes­si più vi­ver­lo mi spe­gne­rei, sof­fo­che­rei, soc­com­be­rei. È que­sta la pau­ra che mi as­sa­le a vol­te, e mi fa pian­ge­re, te l’ho vo­lu­to scri­ve­re per­ché ti pos­sa sem­pre ri­cor­da­re quan­to ti amo e in che mo­do tu mi ab­bia «ru­ba­to il cuo­re». Qual­sia­si co­sa suc­ce­da, vo­glio che tu ri­cor­di sem­pre quan­to mi hai re­so fe­li­ce e quan­to io mi sen­ta le­ga­ta a te: ti ame­rò sem­pre e sa­rai sem­pre par­te dal­la mia vi­ta.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.