L’av­vo­ca­to «col­le­ga» del ni­po­te di Gril­lo e i le­ga­mi tra­sver­sa­li

Corriere della Sera - - Primo Piano Il Caso - Eri­ka Del­la­ca­sa An­drea Duc­ci

RO­MA Il mon­do del­la po­li­ti­ca ha at­ti­ra­to Lu­ca Lan­za­lo­ne fin da gio­va­nis­si­mo. A Ge­no­va, cit­tà do­ve è na­to nel 1969, lo ri­cor­da­no al­to e ma­gro al se­gui­to dei so­cia­li­sti lo­ca­li. «Mol­to im­pe­gna­to nel par­ti­to», co­sì vie­ne ri­cor­da­ta la con­sue­tu­di­ne con il grup­po dei gio­va­ni del Psi (area Fa­bri­zio Cic­chit­to). Di fa­mi­glia bor­ghe­se, Lan­za­lo­ne ospi­ta fe­ste elet­to­ra­li nel­la ca­sa del centro sto­ri­co di Ge­no­va, tan­to che il suo at­tua­le stu­dio di av­vo­ca­to è nei «ca­rug­gi», in via dei Giu­sti­nia­ni a Pa­laz­zo Sa­luz­zo, af­fre­sca­to dal Pio­la. Nell’elen­co de­gli as­so­cia­ti an­che la mo­glie Ve­ra Ta­glia­fer­ri, no­ta­io in car­rie­ra con in­ca­ri­co, tra gli al­tri, di con­si­glie­ra nel board di Or­se­ro Group, so­cie­tà quo­ta­ta in Bor­sa e lea­der nel set­to­re or­to­frut­ti­co­lo. Lan­za­lo­ne con la mo­glie con­di­vi­de la pas­sio­ne per il golf (rac­con­ta di aver gio­ca­to sul green con Bill Clin­ton e di ave­re poi brin­da­to a cham­pa­gne). Uno dei pri­mi in­ca­ri­chi dell’ex pre­si­den­te di Acea, fi­ni­to ai do­mi­ci­lia­ri, è al se­gui­to di Ri­nal­do Ma­gna­ni, espo­nen­te del Ga­ro­fa­no, già pre­si­den­te del­la Re­gio­ne Li­gu­ria e poi pre­si­den­te del por­to di Ge­no­va. Lan­za­lo­ne lo af­fian­ca all’au­to­ri­tà por­tua­le, in ve­ste di as­si­sten­te. È l’ini­zio di un per­cor­so do­ve col­ti­va ami­ci­zie tra­sver­sa­li, af­fi­nan­do il cur­ri­cu­lum di av­vo­ca­to am­mi­ni­stra­ti­vi­sta.

Il bal­zo suc­ces­si­vo so­no gli in­ca­ri­chi nel­le mu­ni­ci­pa­liz­za­te ge­no­ve­si du­ran­te il man­da­to del sin­da­co di Sel, Marco Do­ria. Sta­gio­ne che tra­ghet­ta Lan­za­lo­ne nell’or­bi­ta gril­li­na. Nel ca­po­luo­go li­gu­re la vul­ga­ta se­gna­la con­tat­ti con il ni­po­te di Gril­lo, Enrico, av­vo­ca­to che si è oc­cu­pa­to del­lo sta­tu­to dei 5 Stel­le, poi re­dat­to da Lan­za­lo­ne. Re­sta che il suo ar­ri­vo a Li­vor­no a fian­co del sin­da­co M5S, Fi­lip­po No­ga­rin, è con­tras­se­gna­to dal­le cre­den­zia­li del neo mi­ni­stro del­la Giu­sti­zia, Al­fon­so Bo­na­fe­de e di Ca­sa­leg­gio (con cui era a ce­na la se­ra pri­ma dell’ar­re­sto). In To­sca­na cu­ra il con­cor­da­to di Aamps, la mu­ni­ci­pa­liz­za­ta dei ri­fiu­ti. Lo sbar­co a Ro­ma è il tram­po­li­no de­fi­ni­ti­vo. Nel 2016 af­fian­ca la sin­da­ca Rag­gi sbloc­can­do la vi­cen­da del­lo sta­dio del­la Ro­ma. Un ruo­lo che gli va­le co­me «premio» la pre­si­den­za di Acea, in­ca­ri­co con­tras­se­gna­to da una con­dot­ta da pro­fes­sio­ni­sta ram­pan­te or­ga­ni­co al nuo­vo po­te­re. Ad af­fian­car­lo in ogni oc­ca­sio­ne, a co­min­cia­re dal­la tri­bu­na au­to­ri­tà dell’olim­pi­co, è Gia­da Gi­ral­di, a cui ac­cor­da una con­su­len­za da cir­ca 60 mi­la eu­ro tar­ga­ta Acea.

I pro­ta­go­ni­sti L’intesa

Tra il ca­po po­li­ti­co del M5S e mi­ni­stro per lo Svi­lup­po eco­no­mi­co Lui­gi Di Ma­io, 31 an­ni, e Lu­ca Lan­za­lo­ne, 49 an­ni, pre­si­den­te dell’acea (da cui si è di­mes­so ie­ri) il rap­por­to di co­no­scen­za ri­sa­le al 2015 quan­do il sin­da­co M5S di Li­vor­no Fi­lip­po No­ga­rin chia­mò il ma­na­ger per sal­va­re la Aamps, mu­ni­ci­pa­liz­za­ta dei ri­fiu­ti

Lu­ca Par­na­si Co­strut­to­re, 41 an­ni, è pro­prie­ta­rio del­la Eur­no­va, so­cie­tà in­ca­ri­ca­ta di rea­liz­za­re il nuo­vo sta­dio del­la Ro­ma

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.