Li­bri dell’esta­te: gui­da per ra­gaz­zi

I dub­bi su co­sa con­si­glia­re: ob­bli­go di let­tu­ra o li­ber­tà, in­tra­mon­ta­bi­li clas­si­ci o al­ter­na­ti­vi e mo­der­ni? «Ser­ve spa­ri­glia­re le car­te»

Corriere della Sera - - Cronache - Ro­ber­ta Scor­ra­ne­se rscor­ra­ne­se@cor­rie­re.it

For­se mai co­me in que­sto pe­rio­do le li­bre­rie dei ge­ni­to­ri si stan­no li­be­ran­do del­la pol­ve­re ac­cu­mu­la­ta. «Mam­ma, non è che hai una vec­chia co­pia di Cent’an­ni di so­li­tu­di­ne?». Op­pu­re: «Pà, ma dov’è Il giar­di­no dei Fin­zi-con­ti­ni?».

Qual­cu­no vor­reb­be for­se ne­ga­re che tan­te let­tu­re esti­ve as­se­gna­te agli ado­le­scen­ti si di­sco­sti­no di mol­to dai be­st sel­ler del se­co­lo scor­so? Per ca­ri­tà, vi­sto che l’elen­co è a di­scre­zio­ne de­gli in­se­gnan­ti, ma­ga­ri qual­cu­no si la­scia scap­pa­re una Mun­ro o fi­nan­co un Sa­ra­ma­go. «Ma poi al­la fi­ne tan­ti ra­gaz­zi si ri­tro­va­no sem­pre quel­li, Cas­so­la, Mo­ran­te, Le­vi, Cal­vi­no — iro­niz­za lo scrit­to­re Ti­to Fa­ra­ci, che par­la per espe­rien­za per­so­na­le e che su Twit­ter ha lan­cia­to que­sto di­bat­ti­to — e per di più so­no ob­bli­ga­ti a leg­ge­re. Cre­do che sia me­glio la­sciar­li li­be­ri di sco­pri­re qual­co­sa di nuo­vo, che sia un ro­man­zo, un sag­gio, un fu­met­to col­to».

E co­sì, men­tre il neo mi­ni­stro dell’istru­zio­ne Marco Bus­set­ti ha fat­to sa­pe­re di es­se­re fa­vo­re­vo­le al­la li­nea «me­no com­pi­ti esti­vi, più let­tu­re pia­ce­vo­li», mol­ti ge­ni­to­ri si chie­do­no per­ché tan­ti in­se­gnan­ti as­se­gni­no sem­pre le stes­se let­tu­re, «co­me se — os­ser­va Giu­sep­pe Straz­ze­ri, di­ret­to­re edi­to­ria­le del­la Lon­ga­ne­si — si ri­spet­tas­se un ca­no­ne non scrit­to: li­bri for­ma­ti­vi, che ri­spon­do­no a una for­te mis­sio­ne edu­ca­ti­va. E nes­su­no ne­ga che Cal­vi­no o Pri­mo Le­vi lo sia­no. Pec­ca­to, pe­rò, che il mon­do sia cam­bia­to e che og­gi la let­tu­ra per i ra­gaz­zi sia me­no iden­ti­ta­ria».

Tra­dot­to: se un tem­po per noi l’aver let­to Nar­ci­so e Boc­ca­do­ro o Tre­no di pan­na era un ri­to di pas­sag­gio, og­gi pur­trop­po la let­tu­ra per lo­ro con­ta po­co. Al­tri ri­ti, al­tri cul­ti. Ma, pur sa­pen­do be­ne que­sto, mol­ti in­se­gnan­ti sem­bra­no in­ti­mi­di­ti di fron­te a scel­te più ori­gi­na­li o sem­pli­ce­men­te «à la pa­ge». E lo con­fer­ma una ex do­cen­te e og­gi scrit­tri­ce raf­fi­na­ta: «Fac­cio una pro­vo­ca­zio­ne — sor­ri­de Pao­la Ma­stro­co­la —: vor­rei che ogni esta­te una com­mis­sio­ne su­per par­tes as­se­gnas­se die­ci li­bri, ma... agli in­se­gnan­ti! La let­tu­ra, quel­la ve­ra, è ever­sio­ne, non è pi­gro con­for­mi­smo. Pe­rò, dall’al­tra par­te, non mi con­vin­ce chi di­ce che sa­reb­be me­glio non for­ni­re agli stu­den­ti una li­sta di li­bri da leg­ge­re. Per­ché, ahi­mè, po­chi di lo­ro en­tre­ran­no spon­ta­nea­men­te in una li­bre­ria». È que­sta la ve­ra par­ti­ta da gio­ca­re og­gi: let­to­re ver­sus non let­to­re, non più tra let­to­ri sofisticati con­tro i me­no chic. È un pro­ble­ma di «al­le­na­men­to» al­la pa­gi­na scrit­ta, in un Pae­se in cui il 30% del­le per­so­ne non leg­ge per man­can­za di tem­po — da­ti Istat del mar­zo scor­so.

Straz­ze­ri os­ser­va: «Per­ché non spa­ri­glia­re le car­te? E, ma­ga­ri, guar­da­re le clas­si­fi­che let­te­ra­rie, sce­glie­re un au­to­re tra i pri­mi po­sti, far­lo leg­ge­re e spie­ga­re ai ra­gaz­zi per­ché ha tan­to con­sen­so?». L’idea di fon­do è: non as­se­gna­re di­ret­ta­men­te a un se­di­cen­ne Il ma­le oscu­ro di Giu­sep­pe Ber­to (li­bro bel­lis­si­mo ma al­tret­tan­to in­de­ci­fra­bi­le se non si è av­vez­zi al­le pa­gi­ne), ma ar­ri­var­ci per vie tra­ver­se. Ma­ga­ri con­si­glian­do una Aval­lo­ne o un Ba­ric­co.

Ma­stro­co­la ag­giun­ge un su­bli­me au­to­da­fé: «La ve­ri­tà è che quel­li del­la mia ge­ne­ra­zio­ne non si ras­se­gna­no al pen­sie­ro che i li­bri pos­sa­no mo­ri­re con lo­ro». Col­ti­va­re quin­di for­me di let­tu­ra al­ter­na­ti­ve? O, sem­pli­ce­men­te, tro­va­re il mo­do più di­ver­ten­te di al­le­na­re quel fa­mo­so mu­sco­lo in­vi­si­bi­le fat­to di at­ten­zio­ne, curiosità, vi­sio­ne?

Le ca­se edi­tri­ci ci pro­va­no e spe­ri­men­ta­no. Per esem­pio Sol­fe­ri­no lan­cia la col­la­na «Li­bri Cor­sa­ri», di­ret­ta da Pier­do­me­ni­co Bac­ca­la­rio: un po’ di sto­ria, un po’ di fan­ta­sy. E Fa­ra­ci con­clu­de: «Fa­te un fa­vo­re ai vo­stri ra­gaz­zi: re­ga­la­te­gli It di Ste­phen King». È com­po­sto da ol­tre 1.200 pa­gi­ne, ma tan­to si han­no tre me­si li­be­ri da­van­ti.

Il di­bat­ti­to

Tan­ti prof in­di­ca­no i «so­li­ti» gran­di del 900. Lo scrit­to­re Fa­ra­ci: «Io di­co Ste­phen King»

Gli au­to­ri ● Ga­briel Gar­cía Már­quez (Epa), co­lom­bia­no, mor­to a Cit­tà del Mes­si­co nel 2014, a 87 an­ni, è sta­to uno dei più gran­di scrit­to­ri su­da­me­ri­ca­ni. Il suo ca­po­la­vo­ro più ce­le­bre è «Cent’an­ni di so­li­tu­di­ne»

● Um­ber­to Eco (Afp), na­to ad Ales­san­dria e mor­to a Mi­la­no nel 2016 a 84 an­ni, è sta­to un se­mio­lo­go, fi­lo­so­fo, scrit­to­re, tra­dut­to­re e bi­blio­fi­lo. Il suo «Il no­me del­la Ro­sa» ha ven­du­to ol­tre 50 mi­lio­ni di co­pie

● Pri­mo Le­vi, to­ri­ne­se, ebreo, mor­to nel 1987 a 67 an­ni, par­ti­gia­no, chi­mi­co, è sta­to uno scrit­to­re e poe­ta.

«Se que­sto è un uo­mo» è il ro­man­zo che ha scrit­to do­po es­se­re so­prav­vis­su­to ad Au­sch­wi­tz

● Ita­lo Cal­vi­no (na­to a San­tia­go de las Ve­gas, Cu­ba, e mor­to a Siena nel 1985, a 62 an­ni), par­ti­gia­no, è sta­to uno dei più gran­di scrit­to­ri ita­lia­ni. Tra le ope­re mag­gio­ri, «Mar­co­val­do», e «Le co­smi­co­mi­che»

● El­sa Mo­ran­te (na­ta e vis­su­ta a Ro­ma do­ve è mor­ta nel 1985, a 73 an­ni) è sta­ta la pri­ma don­na a es­se­re in­si­gni­ta del Premio Stre­ga, nel 1957, con il ro­man­zo «L’iso­la di Ar­tu­ro». Nel 1974 ha scrit­to «La sto­ria»

● Gior­gio Bas­sa­ni (Ome­ga), emi­lia­no, ge­ni­to­ri ebrei, mor­to a Ro­ma nel 2000 a 84 an­ni, è sta­to uno scrit­to­re e sce­neg­gia­to­re. Da di­ver­si suoi li­bri ( co­me «Il giar­di­no dei Fin­zi-con­ti­ni») so­no sta­ti trat­ti film

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.