«Pron­ti al­le scu­se ma di­fen­do l’ar­ma»

Corriere della Sera - - Da Prima Pagina - di Gio­van­ni Bian­co­ni

Ca­so Cuc­chi, par­la il co­man­dan­te dei ca­ra­bi­nie­ri Gio­van­ni Ni­stri: «In­fles­si­bi­li e pron­ti al­le scu­se, ma di­fen­do la di­gni­tà dell’ar­ma».

RO­MA «Quan­do tutto sa­rà de­fi­ni­to at­tra­ver­so gli ac­cer­ta­men­ti dell’au­to­ri­tà giu­di­zia­ria, e sa­rà fat­ta chia­rez­za su tut­ti gli aspet­ti di que­sta vi­cen­da di­so­no­re­vo­le, l’ar­ma pren­de­rà i pro­pri prov­ve­di­men­ti, e sa­prà far­lo con il mas­si­mo ri­go­re, sen­za re­mo­re e sen­za ri­guar­di per gli even­tua­li col­pe­vo­li», pro­met­te il co­man­dan­te ge­ne­ra­le dei ca­ra­bi­nie­ri Gio­van­ni Ni­stri. La mor­te di Ste­fa­no Cuc­chi, ar­ri­va­ta do­po il pe­stag­gio con­fes­sa­to da uno dei mi­li­ta­ri che ave­va­no ar­re­sta­to il ra­gaz­zo, è tor­na­ta a scuo­te­re l’isti­tu­zio­ne chia­ma­ta Be­ne­me­ri­ta, dal­le fon­da­men­ta al ver­ti­ce. Ed è dal ver­ti­ce che ora i cit­ta­di­ni si at­ten­do­no una rea­zio­ne ade­gua­ta al­la gra­vi­tà di quan­to è emer­so.

«Lo ca­pi­sco — di­ce il ge­ne­ra­le Ni­stri a due gior­ni dal col­po di sce­na —, ed è per que­sto che noi sia­mo al fian­co del­la ma­gi­stra­tu­ra che è riu­sci­ta ad apri­re que­sto spi­ra­glio di lu­ce. Per la pri­ma vol­ta un ca­ra­bi­nie­re ha de­ci­so di rac­con­ta­re ciò che ha vi­sto, e que­sto aiu­te­rà a chia­ri­re i fat­ti e ad agi­re in pie­na tra­spa­ren­za, sen­za guar­da­re in fac­cia 

Co­per­tu­re Bi­so­gna ve­ri­fi­ca­re ogni pas­sag­gio e va­lu­ta­re i li­vel­li di re­spon­sa­bi­li­tà nel­le co­per­tu­re e nel­le omis­sio­ni che han­no al­lon­ta­na­to la ve­ri­tà

nes­su­no». Pe­rò per no­ve an­ni il ca­ra­bi­nie­re Fran­ce­sco Te­de­sco, che da im­pu­ta­to ha ora de­ci­so di ve­sti­re i pan­ni del «pen­ti­to» ac­cu­san­do i suoi col­le­ghi, ha ta­ciu­to o rac­con­ta­to bu­gie. E il ge­ne­ra­le sa be­ne che que­sta im­ba­raz­zan­te real­tà met­te a du­ra pro­va la fi­du­cia ver­so l’isti­tu­zio­ne che di­ri­ge.

«Tut­ta­via sia­mo di fron­te a un sin­go­lo epi­so­dio — spie­ga —, i ca­ra­bi­nie­ri non so­no rap­pre­sen­ta­ti dal­le per­so­ne coin­vol­te nel ca­so Cuc­chi, ben­sì dal la­vo­ro quo­ti­dia­no che nell’ul­ti­mo an­no ha por­ta­to 6 dei no­stri uo­mi­ni a mo­ri­re in ser­vi­zio, ol­tre che a con­ta­re 1.092 fe­ri­ti. Per que­sto di­co che l’ar­ma non ha per­so né de­ve riac­qui­sta­re una di­gni­tà ga­ran­ti­ta ogni gior­no da tut­ti i ca­ra­bi­nie­ri che svol­go­no con scru­po­lo e di­li­gen­za il pro­prio la­vo­ro. La gra­vi­tà di ciò che è ac­ca­du­to non si di­scu­te, ma è un epi­so­dio che non ri­spec­chia la nor­ma­li­tà del mo­do di pro­ce­de­re dell’ar­ma».

Di­gni­tà a par­te, do­po le bot­te so­no ar­ri­va­ti i de­pi­stag­gi e le co­per­tu­re per evi­ta­re che l’ac­ca­du­to ve­nis­se al­la lu­ce, con­sen­ten­do che ve­nis­se­ro pro­ces­sa­ti (e in­fi­ne as­sol­ti) de­gli in­no­cen­ti. È scat­ta­to un «si­ste­ma di pro­te­zio­ne», co­me lo chia­ma l’av­vo­ca­to Fa­bio An­sel­mo, di fron­te al qua­le l’ar­ma non può non rea­gi­re, co­me se do­ves­se di­fen­der­si da se stes­sa. Il ge­ne­ra­le Ni­stri ne è con­sa­pe­vo­le e ri­spon­de: «Sia­mo di fron­te a una pa­to­lo­gia che non è sta­ta af­fron­ta­ta su­bi­to e ha pro­dot­to una ci­sti che s’è tra­sfor­ma­ta in un can­cro, una me­ta­sta­si. Ma è cir­co­scrit­ta a quel fat­to. Ades­so che tutto que­sto è emer­so, ol­tre a in­di­vi­dua­re i re­spon­sa­bi­li sia­mo chia­ma­ti ad ap­pro­fit­ta­re di que­sta si­tua­zio­ne cer­ta­men­te ne­ga­ti­va per mi­glio­ra­re le no­stre pro­ce­du­re in­ter­ne, e fa­re in mo­do che si­tua­zio­ni di que­sto ti­po non si ri­pe­ta­no. O al­me­no che non ar­ri­vi­no a que­ste con­se­guen­ze. Io pen­so che i si­ste­mi di con­trol­lo al nostro in­ter­no so­stan­zial­men­te fun­zio­ni­no, ma evi­den­te­men­te van­no mi­glio­ra­ti. Pro­prio a par­ti­re da que­sto ca­so, il co­man­do pro­vin­cia­le di Ro­ma ha isti­tu­to un ser­vi­zio ispet­ti­vo in­ter­no che ha già at­ti­va­to nuo­vi e più ef­fi­ca­ci mo­di di pro­ce­de­re. Aspet­tia­mo di co­no­sce­re tut­ta la ve­ri­tà su que­sta brut­tis­si­ma sto­ria per ade­gua­re le no­stre strut­tu­re e po­ter­ci muo­ve­re me­glio in fu­tu­ro. Sia sul pia­no del­la pre­ven­zio­ne che su quel­lo de­gli ac­cer­ta­men­ti suc­ces­si­vi».

Ma che co­sa non ha fun­zio­na­to nel ca­so Cuc­chi? Com’è pos­si­bi­le che oc­cul­ta­men­ti e ma­no­mis­sio­ni sia­no con­fi­na­ti a una pic­co­la «cric­ca» di per­so­ne, sen­za pro­te­zio­ni e si­len­zi a più al­to li­vel­lo? «Cre­do che dav­ve­ro sia ne­ces­sa­rio at­ten­de­re la fi­ne di tut­ti gli ac­cer­ta­men­ti per trar­re le con­clu­sio­ni ade­gua­te — di­ce il co­man­dan­te ge­ne­ra­le —; que­sta è una vi­cen­da che s’è sno­da­ta lun­go no­ve an­ni, e bi­so­gna ve­ri­fi­ca­re ogni pas­sag­gio. An­che per va­lu­ta­re i li­vel­li di re­spon­sa­bi­li­tà nel­le co­per­tu­re e nel­le omis­sio­ni che han­no al­lon­ta­na­to lo sve­la­men­to del­la ve­ri­tà. Do­po­di­ché pren­de­re­mo le mi­su­re con­se­guen­ti».

Nel frat­tem­po c’è una fa­mi­glia — i ge­ni­to­ri, la so­rel­la, i ni­po­ti di Ste­fa­no Cuc­chi — che at­ten­do­no le scu­se dell’ar­ma. Che Ni­stri of­fre co­sì: «So­no pron­to a far­mi ca­ri­co del­le re­spon­sa­bi­li­tà del­la mia isti­tu­zio­ne, ga­ran­ten­do di fa­re lu­ce e pren­de­re prov­ve­di­men­ti per ciò che mi com­pe­te in un even­to com­ples­so nei suoi mol­te­pli­ci aspet­ti. L’ar­ma si scu­sa, ed è sem­pre pron­ta a scu­sar­si, quan­do alcuni suoi com­po­nen­ti sba­glia­no e vie­ne ac­cer­ta­to che so­no ve­nu­ti me­no al lo­ro do­ve­re».

(fo­to di Clau­dio Pe­ri / An­sa)

Fa­mi­lia­re Ila­ria Cuc­chi, 44 an­ni, e nel ma­xi­scher­mo sul­lo sfon­do il vol­to di suo fra­tel­lo Ste­fa­no, mor­to a Ro­ma il 22 ot­to­bre 2009 do­po es­se­re sta­to fer­ma­to dai ca­ra­bi­nie­ri set­te gior­ni pri­ma per­ché ac­cu­sa­to di spac­cio

Su Cor­rie­re.it Leg­gi tut­te le no­ti­zie, guar­da le fo­to e i vi­deo dall’italia e dal mon­do sul nostro si­to www.cor­rie­re.it

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.