LA­VO­RO DA QUAN­DO AVE­VO 10 AN­NI E LA NOT­TE MI SVEGLIO ANGOSCIATO

Corriere della Sera - - Cronache -

Ca­ro Al­do in me­ri­to al­la sua ri­spo­sta do­ve pro­spet­ta gio­va­not­ti di 60 an­ni pen­sio­na­ti, de­vo am­met­te­re che la pen­so co­me lei. Ma ci so­no dei pe­rò. Io so­no un ar­ti­gia­no di 60 an­ni che ha ini­zia­to a la­vo­ra­re a 20, uf­fi­cial­men­te. Cre­sciu­to die­tro il ban­co di un pic­co­lo ne­go­zio di pe­ri­fe­ria, di mia ma­dre, a 11 an­ni ser­vi­vo a bot­te­ga. Dai 13 poi, du­ran­te le va­can­ze sco­la­sti­che esti­ve, ho fat­to tut­ti i la­vo­ri: sca­ri­ca­to­re, mu­ra­to­re, im­bian­chi­no, im­pie­ga­to, ecc. Per non gra­va­re sul mi­se­ro bi­lan­cio fa­mi­glia­re. Que­sto fi­no al di­plo­ma. Su­bi­to do­po il ser­vi­zio mi­li­ta­re e poi, qua­si su­bi­to, pri­mo im­pie­go per 10 an­ni e, per i suc­ces­si­vi 30 a og­gi, pic­co­lo ar­ti­gia­no. Ha pre­sen­te que­gli ar­ti­gia­ni che vi­vo­no an­dan­do in va­can­za 15 gior­ni l’an­no, se va be­ne, che si sve­glia­no nel cuo­re del­la not­te e non rie­sco­no a ri­pren­de­re son­no per­ché so­praf­fat­ti dai pen­sie­ri per ti­ra­re avan­ti la ba­rac­ca? (vo­glia­mo un po’ ra­gio­na­re sul­le ca­te­go­rie dei la­vo­ri usu­ran­ti?). Ec­co pro­prio quel­li. Con il mer­ca­to glo­ba­le che sta por­tan­do la di­stru­zio­ne di un cer­to mon­do, io ci so­no ca­du­to den­tro. Non lo di­co per au­to­com­mi­se­ra­zio­ne, ma per pre­sa d’at­to. Ora ve­do so­lo il ba­ra­tro da­van­ti. Ve­de, io so­no uno di quel­li che la­vo­re­reb­be­ro fi­no all’ul­ti­ma goc­cia di ener­gia, ma que­sto non è più la­vo­ro, è ago­nia. Per cui, ca­ro Al­do, im­ma­gi­ni un po’ se, dal­la mia po­si­zio­ne, pos­so con­di­vi­de­re la vi­sio­ne del gau­den­te gio­va­not­to di 60 an­ni pen­sio­na­to. Vi­ni­cio Poz­za, Vi­cen­za G Ca­ro Vi­ni­cio, ra­zie per la sua bel­lis­si­ma let­te­ra. Il ter­mi­ne che usa­vo — «gio­va­not­to­ni» — era af­fet­tuo­so (il co­py­right è del gran­de Giam­pie­ro Mu­ghi­ni). Su­bi­to pri­ma era scrit­to che oc­cor­re ov­via­men­te ac­co­star­si al­le vi­te ope­ra­ie e ar­ti­gia­ne con gran­de ri­spet­to.

L’im­ma­gi­ne di lei che si sve­glia di not­te con il pen­sie­ro del­la ba­rac­ca da man­da­re avan­ti mi ri­cor­da quel­lo dei miei non­ni, gar­zo­ni e ve­te­ra­ni di guer­ra, di­ve­nu­ti pic­co­li im­pren­di­to­ri in set­to­ri mol­to con­cre­ti co­me la ter­ra e la car­ne.

Ci fos­se più gen­te co­me lei, ca­ro Vi­ni­cio, ci sa­reb­be­ro più po­sti di la­vo­ro e me­no do­man­de per il red­di­to di cit­ta­di­nan­za. © RIPRODUZIONE RISERVATA

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.