«Il se­gna­le da re­ce­pi­re»

Il go­ver­na­to­re Za­ia do­po le cri­ti­che dei 5 Stel­le: «Ser­ve, qui c’è il con­sen­so di tut­ti»

Corriere della Sera - - Da Prima Pagina - di Mar­co Cremonesi

MI­LA­NO «Se qual­cu­no nel cap­pel­lo ha il co­ni­glio, la gran­de idea, pre­go...». Lu­ca Za­ia par­te pia­no. L’usci­ta di Lui­gi Di Ma­io sul­la Pe­de­mon­ta­na ve­ne­ta («Un pro­ble­ma dal pun­to di vi­sta eco­no­mi­co e am­bien­ta­le») non gli è pia­ciu­ta, ma il go­ver­na­to­re ve­ne­to non lo la­scia tra­spa­ri­re: «Guar­di, io na­sco in cam­pa­gna. Se ci fos­se qual­cu­no che ha in ta­sca la so­lu­zio­ne per fa­re la su­per­stra­da fa­cen­do an­che ri­spar­mia­re dei sol­di, si fac­cia avan­ti».

Non sa­rà che i 5 Stel­le, sem­pli­ce­men­te, la Pe­de­mon­ta­na non vo­glio­no far­la?

«Co­sa de­vo di­re? I 5 Stel­le ne­gli an­ni han­no fat­to una cam­pa­gna spa­ven­to­sa con­tro que­st’ope­ra. Ora, co­min­cia­no a di­re che l’in­fra­strut­tu­ra ser­ve, ma che i con­ti so­no tut­ti sba­glia­ti, che in­gras­se­rà i pri­va­ti... In­tan­to, pren­do at­to che i 5 Stel­le non di­scu­to­no più dell’uti­li­tà dell’ope­ra ma so­lo sui con­trat­ti».

Pre­si­den­te, ha vi­sto? A To­ri­no, a fa­vo­re del­la To­ri­no-lio­ne ha ma­ni­fe­sta­to qual­che de­ci­na di mi­glia­ia di per­so­ne. La piaz­za non la ten­ta?

«Co­me le di­ce­vo, io ven­go dal­la cam­pa­gna. Nel­la mia ra­gio­ne so­cia­le c’è scrit­to “fa­re le ro­be”. Det­to que­sto, quel­la ma­ni­fe­sta­zio­ne è sta­ta un se­gna­le e da noi la Pe­de­mon­ta­na è un’ope­ra ple­bi­sci­ta­ria. Pro­prio i 5 Stel­le che par­la­no di po­po­lo e di Rous­seau do­vreb­be­ro sa­pe­re che qui da noi, tol­ti i mi­li­tan­ti po­li­ti­ci, fa­reb­be­ro fa­ti­ca a tro­va­re una per­so­na con­tra­ria. Si ri­cor­di che i 36 sin­da­ci in­te­res­sa­ti dal pro­get­to han­no da­to tut­ti pa­re­re fa­vo­re­vo­le. I ve­ne­ti l’aspet­ta­no ed è nor­ma­le che sia co­sì».

Ci può ri­cor­da­re il per­ché?

«La Pe­de­mon­ta­na è la mag­gior ope­ra pub­bli­ca in Ita­lia, va­le 2 mi­liar­di e 258 mi­lio­ni

per 94 chi­lo­me­tri di su­per­stra­da tra 36 Co­mu­ni con 14 ca­sel­li. Al ser­vi­zio di un ter­ri­to­rio che, pur es­sen­do la ve­ra pom­pa del pil, non di­spo­ne di un gran­de by­pass tra le aree di Tre­vi­so, Montebelluna, Bas­sa­no e Vi­cen­za. Ve­da lei».

Ma al­lo­ra per­ché i 5 Stel­le non la vo­glio­no?

«Ma non lo so... Chi rap­pre­sen­ta a qua­lun­que ti­to­lo le per­so­ne, in­ve­ce di par­la­re con i gior­na­li do­vreb­be par­la­re con i pro­cu­ra­to­ri. Una bel­la de­po­si­zio­ne vo­lon­ta­ria. Io da mia mam­ma e mio pa­pà so­no sta­to edu­ca­to all’one­stà, la po­li­ti­ca del­le in­si­nua­zio­ni con me non at­tac­ca».

E dun­que? Co­me se ne esce?

«Io pen­so che sia ra­gio­ne­vo­le per dei mi­ni­stri por­si dei pro­ble­mi. Quel che non pos­so ac­cet­ta­re è che si dia, nel­la mi­glio­re del­le ipo­te­si, de­gli in­ca­pa­ci agli am­mi­ni­stra­to­ri. E che nel­la peg­gio­re si fac­cia cre­de­re che qual­cu­no ci gua­da­gna. Per que­sto rin­no­vo la mia pro­po­sta».

Qua­le?

«L’ope­ra na­sce nel 2002, è sta­ta mes­sa a ga­ra e vin­ta, poi si è do­vu­to mo­di­fi­ca­re il pro­get­to sul­la ba­se con­trat­tua­le di un pro­get­to che, ri­pe­to, era sta­to ag­giu­di­ca­to. Ma se esi­ste qual­cu­no che ha un pia­no con­cre­to per mi­glio­ra­re le con­di­zio­ni eco­no­mi­che del­la Pe­de­mon­ta­na, io so­no pron­to: so­no di­spo­sto a ce­de­re il ruo­lo di con­ce­den­te al mi­ni­ste­ro al­le In­fra­strut­tu­re. Tut­to, ma que­sta ago­nia de­ve fi­ni­re. Ri­cor­do che ai pri­mi di di­cem­bre ne apria­mo già una trat­ta e nel 2020 l’ope­ra sa­rà com­ple­ta».

Ne ha par­la­to con il vi­ce­pre­mier Sal­vi­ni?

«Ma di che co­sa? Lui sa per­fet­ta­men­te co­me la pen­so e co­me la pen­sia­mo tut­ti».

Go­ver­na­to­re Lu­ca Za­ia, 50 an­ni, è go­ver­na­to­re del Ve­ne­to dall’apri­le del 2010 (An­sa)

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.