«Chiu­su­re do­me­ni­ca­li? Sì, ad Avel­li­no»

Sa­la con­tro Di Ma­io: non rom­pa le p..., Mi­la­no ha 9 mi­lio­ni di tu­ri­sti. La re­pli­ca: chi se ne fre­ga, è un fi­ghet­to del Pd

Corriere della Sera - - Primo Piano | Lo Scontro - M.gian.

MI­LA­NO Le chiu­su­re do­me­ni­ca­li dei ne­go­zi? «Se vo­glio­no le fac­cia­no ad Avel­li­no, ma a Mi­la­no è con­tro il sen­so co­mu­ne. Pen­sas­se­ro al­le gran­di que­stio­ni po­li­ti­che, non a rom­pe­re le p... a noi che ab­bia­mo un mo­del­lo che fun­zio­na e 9 mi­lio­ni di tu­ri­sti». Quan­do Cor­ra­do For­mi­gli gli chie­de se sia giu­sto che una com­mes­sa con 700 eu­ro di sti­pen­dio al me­se deb­ba la­vo­ra­re an­che la do­me­ni­ca, il sin­da­co di Mi­la­no, Bep­pe Sa­la sbot­ta per­den­do il suo pro­ver­bia­le aplomb («Quan­do ce vò ce vò», di­ce al­la tra­smis­sio­ne di Gra­mel­li­ni su Rai3). Con due ber­sa­gli pre­ci­si: il vi­ce­pre­mier Lui­gi Di Ma­io, na­to ad Avel­li­no e la pro­po­sta di leg­ge dei Cin­que Stel­le di re­go­la­men­ta­re l’aper­tu­ra e la chiu­su­ra dei ne­go­zi du­ran­te le fe­sti­vi­tà. È so­lo l’ini­zio di uno scam­bio al ca­lor bian­co che si pro­trae fi­no a se­ra. Il pri­mo a re­pli­ca­re è pro­prio Di Ma­io: «Per il sin­da­co Sa­la i di­rit­ti del­le per­so­ne so­no una rot­tu­ra di p .... Nes­su­no vuo­le chiu­de­re nul­la a Mi­la­no né da nes­sun al­tra par­te, ma chi la­vo­ra ha il di­rit­to a non es­se­re più sfrut­ta­to. Que­sto rom­pe le p... a un sin­da­co fi­ghet­to del Pd? E chi se ne fre­ga!». La re­pli­ca ve­le­no­sa di Sa­la ar­ri­va do­po po­chi mi­nu­ti. «Quan­do il mi­ni­stro Di Ma­io avrà la­vo­ra­to nel­la sua vi­ta il 10 per cen­to di quan­to ho fat­to io, sa­rà più ti­to­la­to a de­fi­nir­mi “fi­ghet­to”». Sui so­cial si sca­te­na la guer­ra dei so­ste­ni­to­ri: 3.507 con­di­vi­sio­ni per Sa­la, 2.188 per Di Ma­io. In­ter­vie­ne an­che Cle­men­te Ma­stel­la, sin­da­co di Be­ne­ven­to: «Co­me me­ri­dio­na­le so­no in­di­gna­to». Nel frat­tem­po Sa­la ave­va spie­ga­to che quel­la su Avel­li­no «era una bat­tu­ta, an­che se die­tro ci sta tan­ta ve­ri­tà, mi au­gu­ro che gli abi­tan­ti non si ar­rab­bi­no più di tan­to. Il mio ber­sa­glio era Di Ma­io». Si­cu­ra­men­te si ar­rab­bia l’al­tro vi­ce­pre­mier, il se­gre­ta­rio del­la Le­ga, Mat­teo Sal­vi­ni e do­po l’ac­cu­sa di es­se­re un «fi­ghet­to» ar­ri­va quel­la di «ra­di­cal chic»: «Da mi­la­ne­se por­to più ri­spet­to ad Avel­li­no ri­spet­to a que­sto ra­di­cal chic da sa­lot­to buo­no. Se fos­si il sin­da­co di Mi­la­no mi oc­cu­pe­rei di al­cu­ne zo­ne del­la mia cit­tà as­so­lu­ta­men­te fuo­ri con­trol­lo».

La po­le­mi­ca Il pri­mo cit­ta­di­no: «Sui ne­go­zi il go­ver­no è con­tro il sen­so co­mu­ne»

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.