Un’of­fe­sa al­la di­gni­tà e al­la Co­sti­tu­zio­ne

Corriere della Sera - - Cronache - di Mar­co De­mar­co

Ol­tre la ma­lat­tia, l’umi­lia­zio­ne di un cor­po pun­teg­gia­to di for­mi­che. Il vi­deo re­gi­stra­to all’ospe­da­le Don Bo­sco di Na­po­li non so­lo ac­cu­sa un in­te­ro si­ste­ma sa­ni­ta­rio, quel­lo cam­pa­no, che tra tut­ti i si­ste­mi re­gio­na­li re­sta ul­ti­mo per qua­li­tà dei ser­vi­zi, an­co­ra al di sot­to dei li­vel­li mi­ni­mi pre­vi­sti. Ma fa mol­to di più. Of­fen­de una don­na sof­fe­ren­te, una don­na per giun­ta ex­tra­co­mu­ni­ta­ria, dun­que an­co­ra più espo­sta all’ina­de­gua­tez­za dell’as­si­sten­za ospe­da­lie­ra. E of­fen­den­do lei of­fen­de il prin­ci­pio di di­gni­tà uma­na. Un prin­ci­pio che la Co­sti­tu­zio­ne ita­lia­na è sta­ta la pri­ma a ri­chia­ma­re, pri­ma del­la Di­chia­ra­zio­ne uni­ver­sa­le dei di­rit­ti dell’uo­mo; pri­ma del­la Co­sti­tu­zio­ne te­de­sca che pu­re di­ce che «la di­gni­tà uma­na è in­tan­gi­bi­le ed è do­ve­re di ogni po­te­re sta­ta­le pro­teg­ger­la»; pri­ma del­la Car­ta dei di­rit­ti fon­da­men­ta­li del­la Ue. Il pre­ce­den­te dell’an­no scor­so, sem­pre a Na­po­li, quan­do in un al­tro ospe­da­le fu­ro­no fo­to­gra­fa­te for­mi­che su un let­to e sul cor­po di una pa­zien­te, non fa che ag­gra­va­re le re­spon­sa­bi­li­tà pub­bli­che. In quel­la oc­ca­sio­ne, il go­ver­na­to­re De Lu­ca gri­dò for­te il suo in­di­gna­to «mai più!». E si im­pe­gnò a prov­ve­de­re. Ma in un ca­so può soc­cor­re­re la fa­ta­li­tà. In due no.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.