Mon­te­fo­schi nar­ra l’Al­to Adi­ge

Corriere dell'Alto Adige - - CULTURA & SPECTTACOLI -

Gior­gio Mon­te­fo­schi, pre­mio Stre­ga nel 1994 con La ca­sa del pa­dre (Bom­pia­ni) ha ap­pe­na pub­bli­ca­to per Mon­da­do­ri un nuo­vo ro­man­zo, in­ti­to­la­to Il Cor­po.Il li­bro, con cui Mon­te­fo­schi tor­na al­la nar­ra­ti­va più tra­di­zio­na­le do­po il re­por­ta­ge in­dia­no con­se­gna­to­ci qual­che me­se ad­die­tro ne Il buio

dell’In­dia (Guan­da, 2016) è, fin dal­la pri­ma pa­gi­na, un ro­man­zo di det­ta­gli, di pic­co­li og­get­ti che, a di­spet­to e in for­za del­la lo­ro in­si­gni­fi­can­za, ca­ri­ca­no la real­tà nar­ra­ta di sen­so (la con­no­ta­no, si sa­reb­be det­to in an­ni non trop­po lon­ta­ni). Am­bien­ta­to tra l’Al­to Adi­ge e Ro­ma, Il cor­po po­ne al cen­tro del­la nar­ra­zio­ne due fra­tel­li, Gio­van­ni e il più gio­va­ne An­drea, gior­na­li­sta tor­men­ta­to e pas­si­vo, en­tram­bi in­na­mo­ra­ti di Ila­ria, com­mes­sa qua­ran­ten­ne le­ga­ta sen­ti­men­tal­men­te ad An­drea. Il cor­po che dà il ti­to­lo al li­bro è si­cu­ra­men­te, in di­ver­se ac­ce­zio­ni e for­me, quel­lo dei pro­ta­go­ni­sti, ma è an­che quel­lo di una bor­ghe­sia sfal­da­ta, che non è più ri­fe­ri­men­to di nul­la, nean­che di se stes­sa.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.