Di Fe­de: «Bel­lo quan­do i gio­va­ni tro­va­no spa­zio»

Maz­zar­dis: pre­va­le la vo­lon­tà di co­strui­re. Ca­ne­stri­ni: Ales­san­dro coin­vol­ga tut­ti

Corriere dell'Alto Adige - - PRIMO PIANO -

BOL­ZA­NO L’ul­ti­mo at­to di Li­lia­na Di Fe­de è sta­ta la di­re­zio­ne na­zio­na­le a Ro­ma in cui si è de­ci­so di rian­no­da­re il dia­lo­go con la ga­las­sia che sta a si­ni­stra del Pd. «Una scel­ta che con­di­vi­do in pie­no» di­ce Di Fe­de che pe­rò ha la men­te ri­vol­ta a Bol­za­no. Per me, che ho cre­du­to e cre­do in lui, la vit­to­ria di Hu­ber è una gio­ia in­fi­ni­ta. Pro­vo ri­spet­to per le sue ca­pa­ci­tà: ma an­che af­fet­to, per­ché è un ra­gaz­zo di 30 an­ni, ed è sem­pre bel­lo quan­do i gio­va­ni han­no spa­zio» com­men­ta Di Fe­de che du­ran­te il suo man­da­to ha avu­to du­ris­si­mi scon­tri con la mi­no­ran­za in­ter­na che pe­rò ave­va un’in­fluen­za mol­to mag­gio­re. «Il ri­sul­ta­to di Ales­san­dro è an­da­to ol­tre le at­te­se» com­men­ta an­co­ra la se­gre­ta­ria uscen­te.

Sod­di­sfat­ta an­che la vi­ce­se­gre­ta­ria uscen­te, Na­dia Maz­zar­dis. «Ha vin­to la ri­co­no­scen­za del la­vo­ro fat­to dai tan­ti vo­lon­ta­ri, con­tro il “tut­to sba­glia­to”. Ha vin­to la vo­glia di co­strui­re in­sie­me, gio­va­ni e me­no gio­va­ni, più esper­ti e me­no esper­ti, con­tro il “cam­bia­re tut­to” a chiacchiere e han­no vin­to le buo­ne re­la­zio­ni, quel­le che ab­bia­mo sa­pu­to co­strui­re, ri­man­go­no, sal­de e so­li­de» sot­to­li­nea Maz­zar­dis che, in­sie­me a Di Fe­de, fa­rà par­te di di­rit­to del­la pros­si­ma as­sem­blea in quan­to rap­pre­sen­tan­te del­la com­mis­sio­ne per il con­gres­so.

Tra i so­ste­ni­to­ri di Hu­ber, l’at­mo­sfe­ra è di pu­ra eu­fo­ria. La cor­da­ta che ha so­ste­nu­to il ca­po­grup­po bol­za­ni­no ha sal­da­men­te in ma­no le re­di­ni del par­ti­to e può fa­re il bel­lo e il cat­ti­vo tem­po sen­za le mi­no­ran­ze. Tra i fe­de­lis­si­mi di Staf­fler in­ve­ce re­gna la de­lu­sio­ne. I big evi­ta­no di com­men­ta­re, qua­si che le pri­ma­rie non ci fos­se­ro sta­te. L’uni­ca che si espo­ne è Miriam Ca­ne­stri­ni. «Mi au­gu­ro che Ale coin­vol­ga tut­ti gli ami­ci che en­tre­ran­no a far par­te dell’as­sem­blea pro­vin­cia­le per ri­co­strui­re la fi­du­cia nel­le per­so­ne che abitano que­sta ter­ra, per par­la­re fi­nal­men­te di con­te­nu­ti, di pro­get­ti e per ri­da­re fi­du­cia a chi cre­de an­co­ra che la po­li­ti­ca pos­sa con­cen­trar­si sui bi­so­gni e le ne­ces­si­tà del­la gen­te, e non sul­le pol­tro­ne. Vo­glio cre­de­re e spe­ra­re che que­sta sfer­za­ta di “gio­vi­nez­za” pos­sa por­ta­re aria nuo­va e pu­li­ta. Ci so­no per­so­ne che han­no la­vo­ra­to in que­sti die­ci an­ni e ol­tre; ora è ar­ri­va­to il mo­men­to di fa­re spa­zio a vol­ti nuo­vi che la­vo­ra­no con i rit­mi del 2017 e non del 2010, con nuo­ve pro­spet­ti­ve ma an­che con nuo­vis­si­me dif­fi­col­tà da su­pe­ra­re» di­ce la vi­ce­pre­si­den­te di Ol­tri­sar­co.

Da de­stra e da si­ni­stra in­ve­ce pio­vo­no bat­tu­ti­ne e pre­se in gi­ro. An­che se nes­su­no, ec­cet­to l’Svp, riu­sci­reb­be a mo­bi­li­ta­re 2.800 per­so­ne.

Li­lia­na Di Fe­de

Miriam Ca­ne­stri­ni

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.