Me­ra­no, tor­na Ughi «Giovani italiani, gran­di ta­len­ti»

Corriere dell'Alto Adige - - DA PRIMA PAGINA - Gian­car­lo Ric­cio

Quan­do ar­ri­ve­rà a Me­ra­no al­la vi­gi­lia dell’at­te­sis­si­mo con­cer­to di venerdì 24 al Kur­saal (per gior­ni l’iniziativa dell’azien­da di sog­gior­no, or­ga­niz­za­ta dal Pas­si­rio club ha pro­vo­ca­to gio­co­se e or­di­na­tis­si­me fi­le di ac­qui­ren­ti del bi­gliet­to), il mae­stro non si li­mi­te­rà ad al­cu­ne se­du­te di pro­ve. Ma suo­ne­rà an­che en­tram­bi i suoi due sto­ri­ci uni­ci e pre­zio­sis­si­mi vio­li­ni per va­lu­ta­re qua­le sce­glie­re per l’acu­sti­ca del­la sa­la me­ra­ne­se. «Par­lia­mo del­lo Stra­di­va­ri von Hou­ten Kreu­tzer, del 1701, con il qua­le ho suo­na­to per la mag­gior par­te del­la car­rie­ra sin qui — con­fi­da Uto Ughi — poi, ho un Guar­nie­ri del 1744, che ha un suo­no più bru­ni­to e dio­ni­sia­co, men­tre lo Stra­di­va­ri ha un suo­no più chia­ro ed apol­li­neo».

Un ap­proc­cio mi­nu­zio­so, qua­si scien­ti­fi­co ol­tre che da mu­si­ci­sta di al­tis­si­mo li­gnag­gio, che il mae­stro lom­bar­do ma mol­to at­trat­to dal­la Mit­te­leu­ro­pa vuo­le as­so­lu­ta­men­te adot­ta­re per il con­cer­to a Me­ra­no al qua­le ri­pe­te di te­ne­re in mo­do spe­cia­le.

Mae­stro, tra po­co par­le­re­mo del re­per­to­rio che in­ter­pre­te­rà ac­com­pa­gna­to dal gio­va­ne pia­ni­sta An­drea Bac­chet­ti. Al pia­no, tan­ti an­ni fa, c’era sua non­na istria­na la pri­ma vol­ta che ha suo­na­to, a 5 an­ni, al­cu­ne So­na­te di Mo­zart. Ec­co: tut­to per lei nac­que quel gior­no?

«Ma no, da quel gio­co non è na­to un bel nien­te. È sta­to do­po che ho do­vu­to stu­dia­re se­ria­men­te, ap­pli­can­do­mi in tan­te cit­tà del mondo».

Ora ri­tor­na a Me­ra­no, do­po il gran­de successo bol­za­ni­no del mag­gio 2016. Qua­le re­per­to­rio ha scel­to?

«Mi la­sci in­nan­zi­tut­to di­re che con An­drea Bac­chet­ti ho già te­nu­to al­cu­ni con­cer­ti (non mol­ti) ed è un ra­gaz­zo do­ta­to e di ta­len­to. Io suo­ne­rò par­ti­tu­re di Bee­tho­ven, Tar­ti­ni, Saint Saens e Pa­blo de Sa­ra­sa­te. Di Bee­tho­ven la So­na­ta del­la Pri­ma­ve­ra, di Tar­ti­ni “Il tril­lo del dia­vo­lo”, la so­na­ta più ce­le­bre del 1700. Una pa­gi­na che ha pre­cor­so il Ro­man­ti­ci­smo mu­si­ca­le».

Lei da an­ni è un pro­ta­go­ni­sta as­so­lu­to del­la mu­si­ca. Si sen­te ad­dos­so an­che una ec­ces­si­va at­ten­zio­ne me­dia­ti­ca?

«No, que­sta pres­sio­ne me­dia­ti­ca non c’è e non la av­ver­to. Ho por­ta­to la mu­si­ca in tan­ti Pae­si e que­sta è an­che una del­le mie pas­sio­ni. Ma se lei mi par­la di me­dia, eb­be­ne in Ita­lia sof­fria­mo di una gran­de crisi le­ga­ta al­la mu­si­ca clas­si­ca. Spa­zi ri­si­ca­ti nei gior­na­li, gran­de di­sin­te­res­se. So­lo i co­sid­det­ti even­ti ven­go­no seguiti. Par­lo di ra­dio e di tv: ma an­che i gior­na­li…».

Beh, c’è gior­na­le e gior­na­le… E poi ci so­no tan­ti ap­pas­sio­na­ti che con­ti­nua­no a se­gui­re i con­cer­ti.

«Per for­tu­na, sì. Ma non c’è in pra­ti­ca cul­tu­ra mu­si­ca­le tra i giovani, men che me­no a scuo­la. An­che se è sta­ta pro­prio l’Ita­lia a da­re al mondo i mag­gio­ri ge­ni mu­si­ca­li, in­sie­me con la Ger­ma­nia. Ag­giun­go pe­rò che i giovani italiani che emer­go­no nei con­cor­si in­ter­na­zio­na­li e na­zio­na­li so­no sem­pre bra­vis­si­mi».

Lei quat­tro an­ni era in li­bre­ria con «Quel dia­vo­lo di un tril­lo» (Ei­nau­di). Per­ché lo ha scrit­to?

«Per­ché mi han­no chie­sto di ri­per­cor­re­re la mia vi­ta e ri­cor­da­re i per­so­nag­gi che ho in­con­tra­to. Ho par­la­to mol­to più di lo­ro e po­chis­si­mo di me stes­so. Per­ché mi han­no da­to una gran­de ener­gia. Che ho an­co­ra og­gi».

La pre­ven­di­ta dei bi­gliet­ti è già ini­zia­ta on li­ne su www.tic­ket.bz.it e al­le fi­lia­li del­la Cas­sa di Ri­spar­mio di Bol­za­no. I bi­gliet­ti so­no ac­qui­sta­bi­li an­che al­lo Sta­bi­le di Bol­za­no.

Mu­si­ca clas­si­ca In Ita­lia sof­fria­mo di una gran­de crisi. Non c’è cul­tu­ra mu­si­ca­le tra i giovani, nep­pu­re a scuo­la

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.