CI VOR­REB­BE SAN PAO­LO

Corriere dell'Alto Adige - - DA PRIMA PAGINA - di Paul Ren­ner

Nel­la fe­sta dei pa­tro­ni diocesani Cas­sia­no e Vi­gi­lio si svol­ge og­gi a Bres­sa­no­ne la tra­di­zio­na­le pro­ces­sio­ne con le re­li­quie dei San­ti, al­la qua­le par­te­ci­pa­no nu­me­ro­se rap­pre­sen­tan­ze di tut­ta la dio­ce­si. È un bel mo­men­to di in­con­tro tra te­de­schi (mol­ti) e ita­lia­ni (po­chi), so­len­niz­za­to dal­la pre­sen­za di ban­de mu­si­ca­li e di fe­de­li nei co­stu­mi ca­rat­te­ri­sti­ci.

La Chie­sa ben com­pren­de che ta­li tra­di­zio­ni non at­ti­ra­no più flus­si mas­sic­ci di per­so­ne da tut­ta la pro­vin­cia e per­ciò, an­zi­ché vi­ve­re di at­te­sa, si muo­ve an­che con stra­te­gie pro­po­si­ti­ve. Si pen­si al­la lun­ga not­te del­le chie­se che vi sa­rà in mag­gio o a «Feel the dom», spet­ta­co­lo di lu­ci e suo­ni che si tie­ne in duo­mo a Bres­sa­no­ne ogni 15 ago­sto.

In ta­le di­re­zio­ne va vi­sto an­che il ri­lan­cio di Ra­dio Sa­cra Fa­mi­glia, emit­ten­te dio­ce­sa­na che co­pre tut­to il ter­ri­to­rio ed è ascol­ta­ta in mol­te ca­se, spe­cial­men­te nel­le pe­ri­fe­rie e nel­le val­la­te la­di­ne. Di­spia­ce al ri­guar­do che nell’ul­ti­ma in­da­gi­ne Astat su­gli ascol­ti ra­dio e tv nel­la no­stra zo­na non ven­ga as­so­lu­ta­men­te ci­ta­ta, il che sol­le­va per­ples­si­tà cir­ca i cri­te­ri se­con­do i qua­li è sta­to svol­to il cam­pio­na­men­to de­gli uten­ti. So in­fat­ti di per­so­ne che han­no ri­ce­vu­to ben tre te­le­fo­na­te, espri­men­do co­sì del­le pre­fe­ren­ze che non ri­spec­chia­no la real­tà.

Più sof­fer­ta è sta­ta la de­ci­sio­ne di ces­sa­re la pub­bli­ca­zio­ne set­ti­ma­na­le Il Se­gno per far­lo di­ve­ni­re un men­si­le al­le­ga­to a un al­tro gior­na­le. Da una si­mi­le ope­ra­zio­ne ci si at­ten­de che al­me­no la ri­vi­sta rag­giun­ga più let­to­ri e pos­sa co­sì at­ti­ra­re l’at­ten­zio­ne di per­so­ne che non pra­ti­ca­no re­go­lar­men­te ini­zia­ti­ve ec­cle­sia­li, ma po­treb­be­ro sco­pri­re che ve ne so­no di as­sai in­te­res­san­ti.

Su que­sto sce­na­rio che in­ten­de im­ple­men­ta­re la dif­fu­sio­ne del mes­sag­gio cri­stia­no, cala co­me un ful­mi­ne la no­ti­zia che l’Ar­ci­dio­ce­si di Tren­to chiu­de la pro­pria ra­dio dio­ce­sa­na, che pu­re ha una lar­ga au­dien­ce sul ter­ri­to­rio. I mo­ti­vi ad­dot­ti so­no squi­si­ta­men­te eco­no­mi­ci, dun­que non con­te­sta­bi­li: se uno non ha i mez­zi, non può in­ven­tar­se­li. For­se sa­reb­be sta­ta pe­rò pos­si­bi­le una cam­pa­gna di fund rai­sing o di spon­so­riz­za­zio­ni, la col­la­bo­ra­zio­ne con al­tre agen­zie cul­tu­ra­li e via di­cen­do.

La scel­ta adot­ta­ta di­spia­ce an­che al­la lu­ce dell’im­po­nen­te strut­tu­ra del Vi­gi­lia­num di cui la Chie­sa tri­den­ti­na si è di re­cen­te do­ta­ta. Per ca­ri­tà: si trat­ta di un po­lo cul­tu­ra­le ben strut­tu­ra­to che al­ber­ga in mo­do ec­cel­len­te una se­rie di ser­vi­zi di cui ora si può frui­re sen­za spo­star­si per la cit­tà: la Bi­blio­te­ca e l’Ar­chi­vio diocesani, l’Uf­fi­cio per la Cul­tu­ra, quel­lo per il Dia­lo­go ecu­me­ni­co ed in­ter­re­li­gio­so e al­tro an­co­ra. L’isti­tu­zio­ne — ri­pe­to: ben pen­sa­ta — non ri­spon­de tut­ta­via all’esi­gen­za di quel­la «Chie­sa in usci­ta» o mis­sio­na­ria di cui par­la con­ti­nua­men­te pa­pa Fran­ce­sco, cioè di una co­mu­ni­tà cri­stia­na che si fa in­con­tro al ter­ri­to­rio e che non vi­ve di at­te­sa in luo­ghi fi­si­ci, ma fre­quen­ta as­si­dua­men­te l’ete­re e i cy­ber­spa­zi in cui si tro­va la gen­te.

Se vi­ves­se og­gi, for­se san Pao­lo avreb­be as­sun­to la di­re­zio­ne di Ra­dio Ma­ria (la pre­sen­za di ma­tri­ce cri­stia­na che ha fre­quen­ze in ogni do­ve) e da lì lan­ce­reb­be i suoi mes­sag­gi, per­ché è l’ete­re la nuo­va ago­rà, il mo­der­no Areo­pa­go in cui puoi in­ter­pel­la­re cre­den­ti e non, ge­ne­ran­do quel di­bat­ti­to che de­ve es­se­re l’ani­ma di ogni pre­sen­za cri­stia­na nel mon­do. Spe­ria­mo che a fron­te del­le nu­me­ro­se at­te­sta­zio­ni di di­spia­ce­re e di de­lu­sio­ne espres­se da mol­te par­ti, l’Ar­ci­dio­ce­si di Tren­to ri­ve­da la sua de­ci­sio­ne e pen­si piut­to­sto a ri­lan­cia­re lo stru­men­to sem­pre at­tua­le del­la ra­dio.

L’ete­re, il mo­der­no Areo­pa­go in cui in­ter­pel­la­re cre­den­ti e non

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.