Bru­nel­lo, le note nel bo­sco «Suo­no per gli al­be­ri fe­ri­ti»

L’omag­gio dell’ar­ti­sta nel­la fo­re­sta di Paneveggio

Corriere dell'Alto Adige - - DA PRIMA PAGINA - Di Fa­bio Nap­pi a pa­gi­na

«So­lo un omag­gio af­fet­tuo­so e pri­va­to di mu­si­ci­sti al­la fo­re­sta, ma sen­za pub­bli­co». Pa­ro­la del vio­lon­cel­li­sta Ma­rio Bru­nel­lo, ar­ti­sta di fa­ma mon­dia­le che con la mon­ta­gna ha sem­pre avu­to un rapporto im­por­tan­te. La fo­re­sta è quel­la dei vio­li­ni, nel cuo­re del par­co di Paneveggio in Val di Fiem­me, du­ra­men­te col­pi­ta dal­la fu­ria del ven­to che ha de­va­sta­to gli al­be­ri.

L’omag­gio è quel­lo di Ma­rio Bru­nel­lo, di­ret­to­re ar­ti­sti­co di «Suo­ni del­le Do­lo­mi­ti» che da ol­tre vent’an­ni por­ta la mu­si­ca tra bo­schi e mon­ta­gne e ha vi­sto «Il bo­sco che suo­na» (co­me è sta­ta ri­bat­tez­za­ta la fo­re­sta dei vio­li­ni) co­me lo­ca­tion pri­vi­le­gia­ta per gli ap­pun­ta­men­ti de­di­ca­ti al­la mu­si­ca clas­si­ca.

Pro­prio là ha più vol­te suo­na­to in pas­sa­to e il mu­si­ci­sta tre­vi­gia­no di Ca­stel­fran­co Ve­ne­to tor­ne­rà domani con l’Orchestra di Vio­lon­cel­li Vil­la Lo­bos, con cui è at­tual­men­te in tour. «Nes­sun con­cer­to e nes­su­na rac­col­ta fon­di - ci tie­ne a pre­ci­sa­re il vio­lon­cel­li­sta - . So­lo un omag­gio, una vi­si­ta do­vu­ta a quel­la che è la ma­dre fe­ri­ta dei no­stri stru­men­ti più bel­li». Un po­sto spe­cia­le in cui ne­gli an­ni, ol­tre a Ma­rio Bru­nel­lo, si so­no esi­bi­ti ar­ti­sti di fa­ma in­ter­na­zio­na­le co­me Uto Ughi, Uri Cai­ne, Giuliano Car­mi­gno­la, Ezio Bos­so, Gio­van­ni Al­le­vi, Sal­va­to­re Ac­car­do, Gi­don Kre­mer, Stefano Bol­la­ni, Gio­van­ni Sol­li­ma, Isa­bel­le Fau­st e Fran­co D’An­drea. A cia­scu­no di que­sti mu­si­ci­sti è sta­to de­di­ca­to un al­be­ro con un ve­ro e pro­prio ri­to bat­te­si­ma­le idea­to da Clau­dio Del­vai del­la Ma­gni­fi­ca Co­mu­ni­tà di Fiem­me.

«An­dia­mo a par­la­re con gli al­be­ri – con­ti­nua il vio­lon­cel­li­sta Bru­nel­lo - che gra­zie al­la ri­so­nan­za del lo­ro le­gno era­no scel­ti dai liu­tai per fa­re gli stru­men­ti che og­gi ven­go­no ge­ne­ral­men­te iden­ti­fi­ca­ti co­me “Stra­di­va­ri”, no­me che de­fi­ni­sce l’ec­cel­len­za di que­sto co­strut­to­re. E quel­li che si so­no con­ti­nua­ti a fab­bri­ca­re an­che do­po il tra­mon­to di quel fi­lo­ne d’oro tra il 1600 e il 1700». Un omag­gio in for­ma pri­va­ta, che non pre­ve­de pub­bli­co, in li­nea con il ri­spet­to che i dan­ni su­bi­ti dal ter­ri­to­rio ri­chie­do­no.«L’uma­ni­tà ha di­chia­ra­to guer­ra al­la Ter­ra – di­ce il mu­si­ci­sta - non ri­cor­dan­do­si che è l’uo­mo ad ave­re bi­so­gno del­la na­tu­ra e non il con­tra­rio. E la ter­ra si di­fen­de con que­sti se­gna­li, que­ste sfu­ria­te tre­men­de. Cre­do che que­sto sia l’ini­zio di qual­co­sa, pur­trop­po, per­chè cer­ti fe­no­me­ni non pa­re ab­bia­no pre­ce­den­ti tan­to for­ti e po­treb­be en­trar­ci qual­co­sa il ri­scal­da­men­to dell’at­mo­sfe­ra. L’ar­te è una del­le po­che pos­si­bi­li­tà, da par­te dell’uo­mo, di dia­lo­ga­re con la na­tu­ra. Ed ec­co spie­ga­to co­sa an­dia­mo a fa­re las­sù do­me­ni­ca: pro­via­mo a rial­lac­cia­re un dia­lo­go e a ren­de­re omag­gio al­la fo­re­sta fe­ri­ta: la “Fo­re­sta dei vio­li­ni”, ma an­che dei vio­lon­cel­li, del­le vio­le e del­le chi­tar­re. La fo­re­sta del­la mu­si­ca, gran­de lin­guag­gio in­ter­na­zio­na­le».

Una lo­ca­li­tà che Bru­nel­lo co­no­sce be­nis­si­mo e a cui è le­ga­to da gran­de af­fet­to, tan­to che il pro­gram­ma dei «Suo­ni del­le Do­lo­mi­ti» è da sem­pre una prio­ri­tà as­so­lu­ta nel­la sua fit­tis­si­ma agen­da in­ter­na­zio­na­le. I suoi due vio­lon­cel­li pro­ven­go­no dal le­gno de­gli abe­ti ros­si di que­sta fo­re­sta, co­me an­che al­cu­ni de­gli stru­men­ti de­gli un­di­ci ele­men­ti dell’Orchestra Vil­la Lo­bos. Nel re­per­to­rio di que­sta for­ma­zio­ne c’è il «Con­cer­to Bran­de­bur­ghe­se» di Ba­ch, il «Bo­le­ro» di Ra­vel e il «Con­cer­to per due vio­lon­cel­li» di Vi­val­di. Chis­sà che que­ste note do­me­ni­ca non fac­cia­no ri­suo­na­re an­che gli al­be­ri ri­ma­sti in pie­di do­po la tre­men­da tem­pe­sta di ven­to che ha de­ci­ma­to la fo­re­sta. «Ab­bia­mo già suo­na­to nel­la Fo­re­sta dei vio­li­ni e ab­bia­mo le pro­ve che suc­ce­de – pre­ci­sa Bru­nel­lo Ho suo­na­to ap­pog­gia­to con lo stru­men­to a un abe­te ros­so e l’ho sen­ti­to ri­spon­de­re. Se gli al­be­ri rea­gi­sco­no an­che a quan­do gli si parla, co­me pos­so­no re­sta­re in­dif­fe­ren­ti a un lin­guag­gio che è lo­ro fa­mi­lia­re?». La fo­re­sta dei Vio­li­ni è rag­giun­gi­bi­le da Pre­daz­zo lun­go la stra­da fo­re­sta­le che por­ta in Val­mag­gio­re: par­cheg­gian­do in lo­ca­li­tà Pa­luat in quin­di­ci mi­nu­ti a pie­di si ar­ri­va al «Bo­sco che Suo­na», an­nun­cia­to da car­tel­li a for­ma di vio­li­no.

Tri­bu­to al­le pian­te Un tri­bu­to do­vu­to al­la ma­dre fe­ri­ta dei no­stri stru­men­ti mu­si­ca­li. An­dia­mo a par­la­re con le pian­te pro­prio quel­le che per la ri­so­nan­za del le­gno ve­ni­va­no scel­te dai liu­tai per gli Stra­di­va­ri

Dia­lo­go con gli abe­ti Ho suo­na­to ap­pog­gia­to con il vio­lon­cel­lo a un abe­te ros­so e l’ho sen­ti­to ri­spon­de­re Se gli al­be­ri rea­gi­sco­no an­che quan­do gli si parla, non pos­so­no re­sta­re in­dif­fe­ren­ti al­le note

Dia­lo­go in mu­si­ca con gli abe­ti Il vio­lon­cel­li­sta Ma­rio Bru­nel­lo di Ca­stel­fran­co Ve­ne­to (Tre­vi­so)

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.