For­ti­no “re” di Au­gu­sta «Qui mi sen­to fe­li­ce»

Corriere dello Sport (Campania) - - Calcio - di Gae­ta­no Riz­zo

AU­GU­STA - Un an­no fa, di que­sti tem­pi, gio­ca­va da cen­tra­le di­fen­si­vo e an­co­ra non co­no­sce­va le sue pe­cu­lia­ri­tà mi­glio­ri, poi sco­per­te al­la fi­ne del­la scor­sa sta­gio­ne dal suo tec­ni­co che lo ha co­min­cia­to a im­pie­ga­re nel ruo­lo di pi­vot. Ro­dol­fo For­ti­no, 27 an­ni, dal 2007 in for­za all'Au­gu­sta, sa­ba­to scor­so ha esi­bi­to un sag­gio del­le pro­prie ca­rat­te­ri­sti­che in fa­se of­fen­si­ve, met­ten­do a se­gno ben cin­que gol nel­la ga­ra che i si­ci­lia­ni han­no vin­to a spe­se dell'Asti con il pun­teg­gio di 7 a 5.

Un bot­ti­no con­si­sten­te che ha con­sen­ti­to al bra­si­lia­no di col­lo­car­si sul tro­no del­la gra­dua­to­ria dei can­no­nie­ri, dall'al­to dei suoi 12 gol mes­si a se­gno. Spo­sa­to con Ro­ber­ta che gli ha "re­ga­la­to" Ga­brie­la, 6 an­ni, Ro­dol­fo ha ac­cet­ta­to con en­tu­sia­smo la pro­po­sta dell'Au­gu­sta che gli ha con­sen­ti­to di ap­pro­da­re dal­le par­ti dei suoi avi, con­si­de­ra­to che ha ori­gi­ni sa­ler­ni­ta­ne. «Mi tro­vo be­nis­si­mo in Ita­lia - di­ce il gio­ca­to­re - do­ve la pas­sio­ne nei con­fron­ti del cal­cio a 5 è dav­ve­ro cre­scen­te. Ad Au­gu­sta si re­spi­ra un ot­ti­mo cli­ma ed è per que­sta ra­gio­ne che c’è dop­pio en­tu­sia­smo: quan­do fai le co­se be­ne e la tua gen­te è fe­li­ce, di me­glio non si po­treb­be chie­de­re».

Un suc­ces­so pe­san­te quel­lo cen­tra­to a spe­se dell'Asti, squa­dra che for­se me­ri­te­reb­be una mi­glio­re po­si­zio­ne in clas­si­fi­ca. «Ne so­no cer­to, per­ché ab­bia­mo po­tu­to ve­ri­fi­ca­re la for­za dei no­stri av­ver­sa­ri che non è sta­to fa­ci­le pie­ga­re. An­che per que­sto mo­ti­vo, quel­la di sa­ba­to scor­so è sta­ta una par­ti­ta bel­lis­si­ma, ric­ca di spun­ti ed emo­zio­nan­te. I miei cin­que gol so­no sol­tan­to un det­ta­glio per­ché frut­to di un im­pe­gno co­ra­le e, quin­di, me­ri­to dell'in­te­ra squa­dra ol­tre che del pub­bli­co che ci ha so­ste­nu­to in ma­nie­ra dav­ve­ro ca­lo­ro­sa, co­me al so­li­to, pe­ral­tro. Ed è pro­prio ai no­stri ti­fo­si che de­si­de­ro de­di­ca­re gol e vit­to­ria di sa­ba­to scor­si».

For­ti­no è lea­der, non so­lo tra i can­no­nie­ri, an­che per que­sto mo­ti­vo e, non a ca­so, è riu­sci­to a far­si ap­prez­za­re pu­re sul fron­te del­la Na­zio­na­le, fi­nen­do per es­se­re con­vo­ca­to più vol­te dal tec­ni­co Me­ni­chel­li. «Non cre­do di fa­re tor­to ad al­cu­no - os­ser­va il pre­si­den­te dell'Au­gu­sta, Fa­bio Vel­la - se di­co che For­ti­no può rap­pre­sen­ta­re un va­lo­re ag­giun­to per una squa­dra co­strui­ta at­tra­ver­so se­ri sa­cri­fi­ci. Ma, co­mun­que, non può pas­sa­re inos­ser­va­to il giu­sto me­ri­to che va ri­co­no­sciu­to al no­stro al­le­na­to­re, Giu­sep­pe Spa­da­ro, il qua­le ha sa­pu­to co­glie­re in ma­nie­ra chia­ra le ca­rat­te­ri­sti­che tat­ti­che mi­glio­ri di Ro­dol­fo, tra­sfor­man­do­lo da di­fen­so­re a pi­vot. Di fat­to, ci sia­mo ri­tro­va­ti con a di­spo­si­zio­ne una nuo­va ri­sor­sa nell'am­bi­to dell'or­ga­ni­co che fa­ti­co­sa­men­te ave­va­mo co­strui­to».

Or­ga­ni­co al qua­le è sta­to af­fi­da­to il com­pi­to di cen­tra­re una se­re­na sal­vez­za e, al tem­po stes­so, mi­ra­re a un piaz­za­men­to in Cop­pa Ita­lia. Obiet­ti­vo du­pli­ce ma si­cu­ra­men­te al­la por­ta­ta dell'Au­gu­sta, so­prat­tut­to se il "buon" For­ti­no con­ti­nue­rà a fa­re gol con que­sto rit­mo. «Sa­ba­to pros­si­mo af­fron­te­re­mo in tra­sfer­ta l'Ac­qua e sa­po­ne - con­clu­de For­ti­no - e sa­rà un'al­tra bat­ta­glia e non so­lo per­ché ha i no­stri stes­si pun­ti. Ma pos­so as­si­cu­rar­vi che non im­por­ta chi fa­rà gol ma che si fac­cia gol: al­la clas­si­fi­ca marcatori ci pen­se­re­mo even­tual­men­te do­po».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.