Ri­ghet­ti: Sal­va­to dal­la fa­mi­glia e dal ca­rat­te­re di mio pa­dre

Corriere dello Sport (Campania) - - Basket - di An­drea Ba­roc­ci

I« o in fon­do ho lo stes­so ca­rat­te­re di mio pa­dre. Il san­gue è san­gue...» . L’in­do­le del guer­rie­ro, in­ca­pa­ce di ar­ren­der­si, è quel­la del pa­pà, Al­fio Ri­ghet­ti, cam­pio­ne ita­lia­no dei pe­si mas­si­mi nel ‘77. Ma Alex af­fron­ta i pro­ble­mi in al­tro mo­do, an­che se il ri­sul­ta­to è lo stes­so: «Lui un an­no fa, al po­sto mio, avreb­be spac­ca­to il mon­do su­bi­to. Io so­no più di­plo­ma­ti­co».

La di­plo­ma­zia non gli ha evi­ta­to di vi­ve­re la scor­sa sta­gio­ne una si­tua­zio­ne pa­ra­dos­sa­le per un ex az­zur­ro ar­gen­to ai Gio­chi di Ate­ne. «A Bo­lo­gna, per scel­ta del pro­prie­ta­rio Sa­ba­ti­ni, mi dis­se­ro di an­dar­me­ne. Io ave­vo an­co­ra un al­tro an­no di con­trat­to più un’op­zio­ne per il cam­pio­na­to suc­ces­si­vo. Va be­ne, ri­spo­si,ve­nia­mo­ci in­con­tro. Ma, pur ri­nun­cian­do a par­te del con­trat­to, nes­sun al­tro club in­te­res­sa­to a me riu­sci­va a co­pri­re l’in­te­ro in­gag­gio. Co­sì so­no sta­to mes­so fuo­ri ro­sa, sen­za pos­si­bi­li­tà di al­le­nar­mi con la pri­ma squa­dra, re­le­ga­to a la­vo­ra­re con gli ju­nio­res: mol­ta gen­te, pur di non sa­lu­tar­mi, fa­ce­va fin­ta di non ve­der­mi. A fi­ne mar­zo ho ri­sol­to il con­trat­to, ri­ce­ven­do l’80% di quel­lo che mi spet­ta­va, quan­do me­si pri­ma la Vir­tus avreb­be po­tu­to pa­gar­mi so­lo il 30%... Io e Sa­ba­ti­ni ab­bia­mo fat­to a ga­ra a chi ave­va la te­sta più du­ra, e ab­bia­mo per­so in due».

Quei lun­ghi me­si sen­za ba­sket gli so­no tor­na­ti im­prov­vi­sa­men­te al­la men­te do­me­ni­ca scor­sa, quan­do con la ma­glia di Va­re­se (ter­za i nclas­si­fi­ca) ha tra­vol­to co­me un fiu­me in pie­na pro­prio Bo­lo­gna: 21 pun­ti, 5/8 da tre e una fred­dez­za che non cor­ri­spon­de­va cer­to a quel­lo che pro­va­va den­tro di sè. «Ave­vo mo­ti­va­zio­ni e sen­ti­men­ti par­ti­co­la­ri: in cam­po ho ti­ra­to fuo­ri tut­to. Pen­so che sia nor­ma­le. E giu­sto».

Ad aiu­tar­lo a su­pe­ra­re quel pe­rio­do ne­ris­si­mo so­no sta­ti i suoi af­fet­ti più ca­ri. «A dar­mi la for­za è sta­ta mia mo­glie Va­len­ti­na, al­lo­ra in­cin­ta, il pen­sie­ro per lei e per mia fi­glia Gi­ne­vra, na­ta ot­to me­si fa».

Og­gi Ri­ghet­ti, 33en­ne con il vol­to da eter­no ra­gaz­zo, è tor­na­to l’ala di un tem­po: ter­ri­bil­men­te ef­fi­ca­ce nel ti­ro da fuo­ri, si­cu­ro, esper­to, le­ta­le nel­la sua sem­pli­ci­tà di mo­vi­men­ti.

«Va­re­se mi ha chia­ma­to in esta­te. La pre­sen­za di Re­cal­ca­ti in pan­chi­na era una ga­ran­zia: con lui ho un rap­por­to for­te, con lui ho di­vi­so mo­men­ti bel­lis­si­mi in Na­zio­na­le. E poi ave­vo vo­glia di ri­far­mi del tem­po per­du­to e di es­se­re di nuo­vo pro­ta­go­ni­sta».

Ci è riu­sci­to: i pri­mi ad ac­cor­ger­se­ne so­no sta­ti pro­prio quel­li del­la Vir­tus.

«Se ho in­con­tra­to Sa­ba­ti­ni do­me­ni­ca? No, c’era ma non ci sia­mo in­cro­cia­ti...» Alex Ri­ghet­ti, 33 an­ni, ala di Va­re­se: do­me­ni­ca si è ven­di­ca­to del­la Vir­tus Bo­lo­gna

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.