Asco­li e Tra­pa­ni con po­che emo­zio­ni

Il pa­lo di­ce no a Ca­cia. Na­da­re­vic sciu­pa. Man­gia non pie­ga Co­smi

Corriere dello Sport (Campania) - - Da Prima Pagina - di Gian­car­lo Feb­bo

In­do­vi­na­te un po’? Bra­vi, al “Del Du­ca” non si è di­ver­ti­to nes­su­no. Con­ten­to Co­smi che al­la vi­gi­lia avreb­be fir­ma­to per un pa­reg­gio, evi­den­te­men­te con­ten­to an­che Man­gia, al­tri­men­ti avreb­be osa­to di più. Ab­ba­stan­za in­fa­sti­di­ti, in­ve­ce, i ti­fo­si mar­chi­gia­ni che al­la fi­ne qual­che fi­schio l’han­no in­di­riz­za­to ai bian­co­ne­ri. Co­mun­que sia, or­mai è an­da­ta. Sfi­da mol­to ru­sti­ca­na e po­co gla­mour, d’al­tron­de sa­reb­be sta­to da il­lu­si pre­ten­de­re qual­co­sa di di­ver­so. Trop­po al­ta la posta in pa­lio per con- ce­der­si il lus­so di ri­schia­re. AS­SET­TI. I ri­spet­ti­vi al­le­na­to­ri lo san­no be­ne e pro­pon­go­no schie­ra­men­ti ab­bot­to­na­ti che non la­scia­no spa­zio all’im­ma­gi­na­zio­ne. Co­smi pre­sen­ta una li­nea di­fen­si­va a cin­que che co­pre tut­to il cam­po in am­piez­za e af­fi­da le ri­par­ten­ze agli spun­ti (ra­ri) di Ci­tro, dal can­to suo Man­gia in­ver­te i ruo­li di Gior­gi e Bel­lo­mo, piaz­zan­do il pri­mo die­tro Ca­cia, l’uni­ca pun­ta, e l’al­tro sul­la cor­sia di si­ni­stra, do­ve non sem­bra tro­var­si a pro­prio agio e ten­de ad ac­cen­trar­si. Del pri­mo tem­po c’è dav­ve­ro po­co (per non di­re nul­la) da rac­con­ta­re. L’in­for­tu­nio mu­sco­la­re di An­to­ni­ni fa par­te di una ca­si­sti­ca piut­to­sto ba­na­le, men­tre gli ani­mi si ac­cen­do­no per un fal­lo la­te­ra­le non re­sti­tui­to da Fa­zio ai bian­co- ne­ri: del­la se­rie, ogni scu­sa è buo­na per fa­re ca­cia­ra. In real­tà qui ser­vo­no i pun­ti e, vi­sto che tat­ti­ca­men­te le due squa­dre si an­nul­la­no, pos­so­no ar­ri­va­re so­lo da qual­che vir­tuo­si­smo dei sin­go­li.

PA­LO DE­CI­SI­VO. Si can­di­da il so­li­to Ca­cia che (8’ st) gi­ra di te­sta un tra­ver­so­ne di Al­mi­ci: Ni­co­las fa quel che può, il re­sto, se la por­ta del Tra­pa­ni re­sta inviolata, è me­ri­to del pa­lo. L’epi­so­dio, ci si au­gu­ra, do­vreb­be apri­re le dan­ze, in­ve­ce è un fuo­co di pa­glia. Sul fron­te asco­la­no nul­la da di­chia­ra­re, se vo­glia­mo è an­co­ra peg­gio la re­pli­ca si­ci­lia­na, con il neo en­tra­to Na­da­re­vic che, al 25’ st, fal­li­sce il ber­sa­glio da buo­na po­si­zio­ne. Per il fi­na­le ci si met­te un po’ più co­mo­di sul­la se­dia im­ma­gi­nan­do che qual­cos’al­tro do­vrà pu­re ac­ca­de­re, in­ve­ce si chiu­de sen­za scos­so­ni, na­da de na­da. Il fat­to è che gli spazi, già stret­ti, non si apro­no mai dal mo­men­to che uno è più pau­ro­so dell’al­tro. L’in­gres­so di Pe­ta­gna smuo­ve un po’ le ac­que, ma sen­za spo­sta­re sul se­rio gli equi­li­bri.

LAP­RES­SE

L’oc­ca­sio­ne da gol di Na­da­re­vic del Tra­pa­ni da­van­ti al por­tie­re dell’Asco­li Sve­d­kau­skas

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.