PLAYER

Corriere dello Sport (Campania) - - Speciale -

di Ste­fa­no Fer­ra­ri «Gra­zie per la fi­du­cia: con que­sto ri­sul­ta­to so­no con­vin­to che aiu­te­rò il Mo­de­na a ri­sa­li­re la clas­si­fi­ca».

Da­vi­de Lup­pi con la dop­piet­ta e so­prat­tut­to la straor­di­na­ria pre­sta­zio­ne di do­me­ni­ca con­tro il No­va­ra è ri­sa­li­to in tut­te le clas­si­fi­che, nel­la no­stra del Top Player di se­rie B ed in par­ti­co­la­re nell'idea­le cuo­re dei ti­fo­si gial­lo­blù. Il “brut­to ana­troc­co­lo” è di­ven­ta­to ci­gno nell'ar­co de­gli ul­ti­mi no­van­ta mi­nu­ti, le cri­ti­che e qual­che ri­sa­ti­na di scher­no (giu­sti­fi­ca­ta dai cla­mo­ro­si er­ro­ri sot­to por­ta di que­sta e del­la pas­sa­ta sta­gio­ne, e dal­la ca­sel­la "ze­ro" in te­ma di re­ti se­gna­te) si so­no tra­sfor­ma­ti in scro­scian­ti ap­plau­si per il ra­gaz­zo car­pi­gia­no: «So­no con­ten­to, c'è po­co da di­re. Que­sti due gol ser­vi­va­no co­me il pa­ne a me, per la fi­du­cia per­so­na­le, e al­la squa­dra, per to­glier­ci da una si­tua­zio­ne di clas­si­fi­ca po­co pia­ce­vo­le. Quan­do sei at­tac­can­te e rie­sci a sbloc­car­ti cam­bia tut­to, ti sen­ti più li­be­ro men­tal­men­te, ogni gio­ca­ta sem­bra più fa­ci­le. Do­po il pri­mo gol se­gna­to do­me­ni­ca mi sen­ti­vo co­me se aves­si le ali ai pie­di, e tut­to mi ve­ni­va be­ne. Mi ero sbloc­ca­to, a tut­ti gli ef­fet­ti».

Lup­pi ha sem­pre cre­du­to nei pro­pri mez­zi, an­che quan­do le co­se sem­bra­va­no vol­ge­re al peg­gio, an­che quan­do gli er­ro­ri e le gio­ca­te in­di­vi­dua­li ve­ni­va­no va­ni­fi­ca­te da­gli er­ro­ri sot­to re­te: «Sen­za vo­ler sem­bra­re pre­sun­tuo­so, pe­rò, pen­so di non es­se­re mai sta­to scar­so - ha det­to l'at­tac­can­te, che do­po una sta­gio­ne a Sas­suo­lo esplo­se in se­rie D nel­la Cor­reg­ge­se se­gnan­do 27 re­ti in 29 par­ti­te di cam­pio­na­to Nel cal­cio ci so­no di­na­mi­che che cam­bia­no, mo­men­ti nei qua­li ser­ve te­ne­re du­ro, si de­ve es­se­re in gra­do di su­pe­ra­re. Fon­da­men­ta­li so­no la con­ti­nui­tà e un gran­de grup­po al tuo fian­co che non ti giu­di­ca, che ti sup­por­ta. E' ve­ro - am­met­te l'ex gio­ca­to­re del­la Pro Ver­cel­li - ad ini­zio sta­gio­ne, con­tro Vi­cen­za ed Avel­li­no, ho sba­glia­to un pa­io di gol ab­ba­stan­za sem­pli­ci, ep­pu­re non ave­vo gio­ca­to ma­le quel­le par­ti­te. Ma è co­sì: un at­tac­can­te de­ve se­gna­re, an­che se la pre­sta­zio­ne va giu­di­ca­ta nel­la sua in­te­rez­za, a vol­te la cor­sa in più per aiu­ta­re la squa­dra non vie­ne va­lu­ta­ta quan­to una bel­la gio­ca­ta. So­no i gol a fa­re la dif­fe­ren­za. I ri­sul­ta­ti non sem­pre so­no ar­ri­va­ti, il grup­po, in­ve­ce, que­st'an­no c'è sem­pre sta­to: cia­scu­no si fi­da dei com­pa­gni, do­ve non ar­ri­va uno ar­ri­va l'al­tro e nei mo­men­ti di difficoltà ci si sen­te ca­pi­ti e aiu­ta­ti» chiu­de Da­vi­de Lup­pi, eroe dell'ul­ti­ma gior­na­ta del gi­ro­ne di an­da­ta in se­rie B.

Da­vi­de Lup­pi, 25 an­ni, 2 gol in 13 pre­sen­ze sta­gio­na­li

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.