237 3

Corriere dello Sport (Campania) - - Speciale Olimpiadi - Di Fran­co Fava

Ai Mon­dia­li di Pe­chi­no del­lo scor­so ago­sto, se­gna­ti dal­lo sto­ri­co flop del­la spe­di­zio­ne az­zur­ra, è sta­to l’uni­co a esi­bir­si in una fi­na­le nel­lo sta­dio olim­pi­co che ospi­tò i Gio­chi 2008. Non an­dò be­nis­si­mo. Per­ché i vo­li di Gian­mar­co Tam­be­ri, det­to Gim­bo, si fer­ma­ro­no a quo­ta 2,28 e fi­nì so­lo 8° do­po l’ex­ploit di un me­se pri­ma in cui, pri­mo ita­lia­no, ir­rup­pe nel go­tha dei gi­gan­ti del sal­to in al­to su­pe­ran­do i 2,37. Una spe­cia­li­tà in gran­de evo­lu­zio­ne, con Bar­shim, Bon­da­ren­ko. Ky­nard, Ukhov, Zhang, Drouin, sem­pre più vi­ci­ni a vio­la­re l’an­ti­co re­cord che il cu­ba­no So­to­mayor de­tie­ne dal lon­ta­no 1993 con 2,45, in cui il 23 mar­chi­gia­no che so­gna­va la NBA, gui­da una ine­di­ta pat­tu­glia acro­ba­tri­ca tri­co­lo­re in cui spic­ca­no an­che Fas­si­not­ti (2,34) e Che­sa­ni, ar­gen­to agli Eu­roin­door del mar­zo scor­so. Nel cir­co del­la spe­cia­li­tà è sta­to ri­bat­tez­za­to il “sal­ta­to­re Rock”, per il suo look uni­co. Va in pe­da­na con la fac­cia ra­sa­ta a me­tà e non di­sde­gna esi­bi­re tin­te for­ti con i ca­pel­li ora az­zur­ra ora ver­di. Fi­nan­zie­re del­le Fiam­me Gial­le, è fi­glio e ni­po­te d’ar­te: pa­pà Mar­co, che lo al­le­na, sal­ta­va 2,26 e par­te­ci­pò ai Gio­chi di Mo­sca 1980 (quel­li che vi­de­ro il trion­fo di una cer­ta Sa­ra Si­meo­ni); non­no Bru­no, li­vor­ne­se, su­pe­rò 1,86 nel 1939.

Tre an­ni fa a Lon­dra la sua pri­ma Olim­pia­de (non en­trò in fi­na­le). Ora c’è Rio, la gran­de oc­ca­sio­ne. Il so­gno del­la dit­ta Tam­be­ri & c., suf­fra­ga­to pe­rò dal­le ge­rar­chie di me­ri­to che al ter­mi­ne di que­sto sta­gio­ne col­lo­ca­no Gian­mar­co al ter­zo po­sto, a pa­ri me­ri­to con al­tri tre sal­ta­to­ri, è quel­lo di sa­li­re sul po­dio a Rio. Ac­ciuf­fa­re una me­da­glia che nel­la sto­ria dell’al­to ma­schi­le az­zur­ro fu sfio­ra­ta col 6° po­sto di Gia­co­mo Cro­sa a Cit­tà del Mes­si­co 1968 (re­cord ita­lia­no a 2,14) e Ro­dol­fo Ber­ga­mo a Mon­treal 1976. Per sal­ta­re su una me­da­glia a Rio si è pre­so un an­no sab­ba­ti­co all’uni­ver­si­tà e ri­nun­cia­to a se­gui­re la fi­dan­za­ta che da An­co­na si è tra­sfe­ri­ta per stu­dio a Ve­ro­na. «Non vo­glio ri­nun­ciar­ci per nul­la al mon­do. La bar­ba ra­sa­ta a me­tà fa par­te del­la mia per­so­na­li­tà. Mi com­bi­no co­sì per­ché al­tri­men­ti sa­reb­be tut­to trop­po no­io­so. Con il mio look un po’ stra­no con­tri­bui­sco al­lo show e al pub­bli­co pia­ce. E a me dà la ca­ri­ca». «A un cer­to pun­to mi bat­te­vo per il po­dio as­sie­me ad al­tri tre. Ma l’al­to è fat­to co­sì, se per­di un at­ti­mo la con­cen­tra­zio­ne sci­vo­li giù in un at­ti­mo. Ba­sta un er­ro­re e sei fre­ga­to». «Tut­to. So­prat­tut­to per quan­to ri­guar­da l’ap­proc­cio ai Mon­dia­li». «Pro­prio co­sì. Era la pri­ma vol­ta, pri­ma mi guar­da­va­no tut­ti co­me una com­par­sa. Ep­poi la mia fi­na­le era l’ul­ti­mo gior­no, quan­do il bi­lan­cio del­la squa­dra era già sta­to com­pro­mes­so. I miei com­pa­gni di squa­dra mi chia­ma­va­no “La Spe­ran­za”».

«Me­no im­pe­gno nel­le set­ti­ma­ne che pre­ce­do­no i Gio­chi. Do­po aver sal­ta­to i 2,37 a Eber­stadt ci ho da­to den­tro con gli al­le­na­men­ti. Ogni vol­ta che an­da­vo al cam­po era una ga­ra, vo­le­vo sem­pre met­ter­mi al­la pro­va. Pen­sa­te, sal­ta­vo re­go­lar­men­te 2,30, quan­do l’an­no pri­ma la mia me­dia in al­le­na­men­to era 2,20...».

«In gran par­te mi al­le­no a ca­sa, al Pa­lain­door di An­co­na con mio pa­dre. So­no for­tu­na­to è l’im­pian­to al co­per­to più bel­lo d’Ita­lia. Co­min­ce­rò il 2016 in Su­da­fri­ca, a sal­ta­re al cal­do. E’ fan­ta­sti­co lag­giù. E’ la ter­za vol­ta che ci va­do d’in­ver­no». «Sì, ma fa­rò po­che ga­re. Pri­ma usci­ta a fi­ne gen­na­io. Ma non cre­do di an­da­re ai Mon­dia­li di Por­tland in Ore­gon: trop­po lon­ta­ni e trop­po in là nel­la sta­gio­ne (17-20 mar­zo)» «Do­vrò es­se­re più re­go­la­re sul­le al­te mi­su­re e poi te­ne­re sem­pre a men­te l’obiet­ti­vo fi­na­le. An­che quan­do dor­mo».

«Ap­pun­to. So­lo al­le­na­men­ti e ga­re. Per un an­no ho la­scia­to l’uni­ver­si­tà (Eco­no­mia) e fat­to un pat­to con la mia fi­dan­za­ta: lei si è do­vu­ta tra­sfe­ri­re per gli stu­di (Lin­gue) a Ve­ro­na, co­sì ci ve­dia­mo so­lo nel fi­ne set­ti­ma­na e nem­me­no tut­ti. Ad An­co­na è co­me fos­si in ra­du­no per­ma­nen­te. Per for­tu­na il no­stro rap­por­to è col­lau­da­to do­po sei an­ni. Se vin­co una me­da­glia, la di­vi­do con lei».

«Ah, non ci fos­se lui a se­guir­mi non sa­rei mai ar­ri­va­to a que­sto pun­to. Con­cor­dia­mo sem­pre tut­to: dal­la tec­ni­ca agli obiet­ti­vi da rag­giun­ge­re. Rio su tut­to e tut­ti» «Con Sil­va­no c’è più fee­ling tec­ni­co, spes­so an­dia­mo as­sie­me a For­mia. Di Mar­co so po­co e ci ve­dia­mo po­co. Del re­sto lui ha scel­to di al­le­nar­si a Bir­min­gham...». «No. Ma ri­ma­ne la mia gran­de pas­sio­ne. In pe­da­na cer­co di tra­smet­te­re le emo­zio­ni del­la NBA».

«Ha fat­to la scel­ta che de­ve fa­re un cam­pio­ne co­me lui: la­scia­re la sce­na quan­do è ar­ri­va­ta l’ora. An­che se gua­da­gni 24 mi­lio­ni l’an­no».

è na­to a Civitanova Mar­che l’1 giu­gno 1992, ha dun­que 23 an­ni. Ga­reg­gia per le Fiam­me Gial­le. Nel suo pal­ma­res la me­da­glia di bron­zo agli Eu­ro­pei ju­nio­res di Tal­lin, nel 2011. Fi­glio di Mar­co, a sua vol­ta sal­ta­to­re in al­to. Ha un fra­tel­lo gia­vel­lot­ti­sta, Gian­lu­ca, che è an­che at­to­re e mo­del­lo. De­tie­ne il pri­ma­to ita­lia­no dell’al­to, a quo­ta 2,37, su­pe­ra­ta ad Eber­stadt lo scor­so 2 ago­sto, Re­cord che pri­ma con­di­vi­de­va con Fas­si­not­ti con la mi­su­ra di 2,34.

RE­CORD ITA­LIA­NO

E’ la mi­su­ra in cen­ti­me­tri su­pe­ra­ta lo scor­so 2 ago­sto nel­la riu­nio­ne di Eber­stadt in Ger­ma­nia da Gian­mar­co Tam­be­ri. Il sal­ta­to­re mar­chi­gia­no già de­te­ne­va il pri­ma­to insieme con Fas­si­not­ti a 2,34. In Ger­ma­nia pri­ma lo ha por­ta­to a 2,35 e poi ha ag­giun­to al­tri due cen­ti­me­tri. Ai Mon­dia­li di Pe­chi­no non è riu­sci­to a sa­li­re sul po­dio. Ci ri­pro­ve­rà all’Olim­pia­de di Rio de Ja­nei­ro, do­ve po­treb­be ave­re ac­can­to a sè al­tri due az­zur­ri, Fas­si­not­ti e Che­sa­ni.

«I Mon­dia­li mi han­no in­se­gna­to mol­to, non ri­pe­te­rò gli stes­si er­ro­ri pri­ma di Rio»

RAN­KING SAL­TO IN AL­TO 2015

Gian­mar­co Tam­be­ri ha sca­la­to pro­gres­si­va­men­te e con de­ci­sio­ne il ran­king mondiale del­la sua spe­cia­li­tà, il sal­to in al­to. Nel 2015 il suo 2,37 lo ha col­lo­ca­to a ri­dos­so dei mi­glio­ri al mon­do, in ter­za po­si­zio­ne ad­di­rit­tu­ra, un ri­sul­ta­to...da po­dio. Nel 2011 era nu­me­ro 55, bal­zo in avan­ti fi­no al nu­me­ro 12 nel 2012, pre­ci­pi­ta­to al 52 nel 2013 e poi la ri­sa­li­ta. Nel 2014 21° po­sto con 2,29.

«Al mio look non ri­nun­cio: bar­ba ra­sa­ta a me­tà e ca­pel­li co­lo­ra­ti per com­bat­te­re la no­ia»

«Co­min­cio l’an­no in Su­da­fri­ca. Non ci fos­se pa­pà, non sa­rei ar­ri­va­to a que­sto pun­to»

Gian­mar­co Tam­be­ri, 23 an­ni, mar­chi­gia­no di Civitanova, con il look del­la bar­ba ra­sa­ta a me­tà

Gian­mar­co Tam­be­ri su­pe­ra l’asti­cel­la

Agli Eu­ro­pei del 2012 ave­va i ca­pel­li blu

Mez­za bar­ba e ma­ni giun­te in pre­ghie­ra

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.