Ra­nie­ri-Ro­ma fac­cia a fac­cia

Pre­sun­zio­ne ed er­ro­ri: il tec­ni­co vuo­le spie­ga­zio­ni

Corriere dello Sport (Lazio) - - Calcio - di Pie­ro Tor­ri

Dall’al­to Tot­ti (Get­ty Ima­ges) e Bor­riel­lo (Bar­to­let­ti) RO­MA - I to­ni sa­ran­no soft, la so­stan­za no. Per­ché Clau­dio Ra­nie­ri non ha me­ta­bo­liz­za­to per nien­te il pa­ta­trac di Pa­ler­mo, un ri­tor­no al pas­sa­to che dav­ve­ro non si aspet­ta­va di do­ver riaf­fron­ta­re. E que­sto, sta­mat­ti­na, a Tri­go­ria di­rà ai suoi gio­ca­to­ri, nel chiu­so del­lo spo­glia­to­io, l’ap­pun­ta­men­to è per le die­ci, sup­por­ta­to an­che dal­la pre­sen­za di qual­che di­ri­gen­te che fa­rà sen­ti­re la sua vo­ce, nel­la con­sue­ta riu­nio­ne-di­sa­mi­na del pri­mo al­le­na­men­to do­po una par­ti­ta. E non sa­ran­no ro­se e fio­ri per i gio­ca­to­ri. AN­TI­CI­PO - Qual­che co­sa, pe­ral­tro, il tec­ni­co ai suoi gio­ca­to­ri l’ha già det­ta a cal­do, nel­lo spo­glia­to­io del­la «Fa­vo­ri­ta» men­tre Pa­ler­mo fa­ce­va fe­sta e la Ro­ma tor­na­va a in­ter­ro­gar­si. L’at­teg­gia­men­to men­ta­le, pri­mo tem­po com­pre­so, è sta­to il pri­mo at­to d’ac­cu­sa di Ra­nie­ri nei con­fron­ti del­la sua squa­dra, quel­la man­can­za d’ag­gres­si­vi­tà che con­tro squa­dre co­me il Pa­ler­mo si può pa­ga­re a ca­ro prez­zo co­me pun­tual­men­te av­ve­nu­to. Non è pia­ciu­ta all’al­le­na­to­re ro­ma­ni­sta, quel­la pre­sun­zio­ne di sen­tir­si più for­ti, pre­sun­zio­ne che si tra­sfor­ma in con­vin­zio­ne di po­ter co­mun­que vin­ce­re la par­ti­ta. E que­sto al­la squa­dra lo ha det­to su­bi­to, co­sì co­me l’in­ca­pa­ci­tà nel­la ri­pre­sa di una rea­zio­ne de­gna di que­sto no­me. Ma que­ste co­se so­no sta­te so­lo l’an­ti­pa­sto di quel­lo che di­rà sta­mat­ti­na. RIU­NIO­NE - Er­ro­ri di squa­dra ed er­ro­ri in­di­vi­dua­li. Su que­sto pun­te­rà for­te Ra­nie­ri per far ca­pi­re ai suoi gio­ca­to­ri che le par­ti­te van­no vin­te sul cam­po, in ogni ca­so, e non per­ché ci si chia­mi Ro­ma. Lo fa­rà usan­do to­ni tran­quil­li per­ché chi lo co­no­sce as­si­cu­ra che il tec­ni­co al­za la vo­ce di più do­po un suc­ces­so, ma non ri­spar­mie­rà nul­la ai suoi gio­ca­to­ri. Gli er­ro­ri di squa­dra so­no sta­ti quel­li di una ma­no­vra trop­po len­ta, qua­si sem­pre in oriz­zon­ta­le piut­to­sto che in ver­ti­ca­le, la­scian­do pra­te­rie al­le ri­par­ten­ze del Pa­ler­mo che, co­me ca­rat­te­ri­sti­ca di squa­dra e gio­ca­to­ri, ha pro­prio quel­le di sa­per­si esal­ta­re ne­gli spa­zi. Ra­nie­ri an­drà poi ol­tre pren­den­do in esa­me an­che i non po­chi er­ro­ri in­di­vi­dua­li che ha vi­sto al­la «Fa­vo­ri­ta». «I tre gol del Pa­ler­mo so­no sta­ti al­tret­tan­ti re­ga­li no­stri» ave­va det­to su­bi­to a cal­do e pub­bli­ca­men­te. Lo ri­ba­di­rà nel chiu­so del­lo spo­glia­to­io di Tri­go­ria, par­ten­do pro­prio dal­le tre pap­pi­ne al pas­si­vo: il son­no di Pi­zar­ro in mez­zo al cam­po, il fuo­ri­gio­co non chia­ma­to da Me­xes, la man­ca­ta chiu­su­ra di Rii­se su Mic­co­li, il non im­pec­ca­bi­le in­ter­ven­to di Ju­lio Ser­gio in oc­ca­sio­ne del pri­mo gol; l’er­ro­re di Me­nez sul se­con­do; quel­lo di Fa­bio Sim­pli­cio sul ter­zo. Que­sti sa­ran­no i prin­ci­pa­li ca­pi d’ac­cu­sa che poi sa­ran­no con­den­sa­ti in un dvd da far ve­de­re e ri­ve­de­re a tut­ta la squa­dra. Nel dvd, pe­ral­tro, non ci sa­ran­no so­lo que­sti di er­ro­ri, ma an­che i tan­ti com­mes­si nel­la ri­pre­sa quan­do la Ro­ma ha al­za­to ban­die­ra bian­ca sen­za nep­pu­re pro­var­ci. E que­sto a Ra­nie­ri non è an­da­to giù per nien­te, co­me per esem­pio il man­ca­to la­vo­ro di co­per­tu­ra del­le pun­te. Per­ché al­la fa­se di­fen­si­va de­vo­no par­te­ci­pa­re tut­ti, so­prat­tut­to se si va in cam­po con due at­tac­can­ti e un tre­quar­ti­sta. AU­TO­CRI­TI­CA - Non è esclu­so che il tec­ni­co al­la squa­dra di­ca an­che che se tor­nas­se in­die­tro, a Pa­ler­mo man­de­reb­be in cam­po una for­ma­zio­ne di­ver­sa. Per esem­pio fa­reb­be un’al­tra scel­ta in mez­zo al cam­po per­ché il lus­so di un De Ros­si in­ter­me­dio con Pi­zar­ro re­gi­sta, la Ro­ma se lo può per­met­te­re so­lo se tut­ti so­no al cen­to per cen­to e si sa­cri­fi­ca­no per la squa­dra, co­sì in­ve­ce si ri­schia di per­de­re sia De Ros­si che Pi­zar­ro, ol­tre­tut­to tor­na­to ti­to­la­re ma an­co­ra lon­ta­no dal­la sua mi­glio­re con­di­zio­ne. Il ci­le­no po­treb­be es­se­re uno di quel­li che pa­ghe­rà pe­dag­gio a bre­ve gi­ro di po­sta.

Clau­dio Ra­nie­ri, 59 an­ni, se­con­da sta­gio­ne al­la Ro­ma

CLAU­DIO ALL’AR­RAB­BIA­TA

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.