Cal­ca­gno: Le cri­ti­che? Il bel­lo del pri­mo pas­sag­gio

Il vol­to di Me­dia­set Pre­mium: «Ven­go­no da noi su­bi­to do­po la fi­ne del­le par­ti­te, lo­gi­co che pre­val­ga l’istin­to»

Corriere dello Sport (Lazio) - - Milan - di Fran­ce­sca Fa­nel­li

Sem­bra che gli al­le­na­to­ri ce l’ab­bia­no con lei ne­gli ul­ti­mi tem­pi. Mi­ha­j­lo­vic le ha ri­spo­sto per le ri­me in un po­st ga­ra del Mi­lan, Al­le­gri an­che, in uno di Ju­ve. Man­ci­ni se l’era pre­sa, ma per una do­man­da scel­ta tra quel­le ar­ri­va­te sui so­cial. E lei, quel­la vol­ta, non ave­va fat­to do­man­de. «Un bel fi­lot­to eh... Non fa pia­ce­re, ma io so­no co­sì...». Mi­kae­la Cal­ca­gno, 41 an­ni di Im­pe­ria, vol­to di Me­dia­set Pre­mium, non ar­re­tra di un cen­ti­me­tro. E in real­tà non c’è mo­ti­vo per cui deb­ba far­lo. I bat­ti­bec­chi con gli al­le­na­to­ri non le han­no tol­to il sor­ri­so, fa par­te del bel­lo del­la di­ret­ta. E lei è abi­tua­ta a sta­re sul cam­po. Si è ri­vi­sta, com’è an­da­ta? «Li ho ri­vi­sti quei fil­ma­ti, sì, li ri­ve­do sem­pre, an­che quan­do non ac­ca­de nul­la...». Lo ri­fa­reb­be? «Co­sa? Por­re quel­le do­man­de? E’ il mio mo­do di fa­re. Io so­no co­sì. Fac­cio do­man­de di­ret­te, vo­glio ar­ri­va­re al cuo­re del pro­ble­ma». An­che trop­po, for­se? «Non cre­do, so­no co­sì dai tem­pi in cui ero a bor­do­cam­po. Non ho cam­bia­to il mio mo­do di fa­re. De­vo di­re che in pas­sa­to ho fat­to an­che do­man­de più sco­mo­de, ma­ga­ri ad al­le­na­to­ri che ri­schia­va­no il po­sto. E poi co­sa ho chie­sto in fon­do?». Già, co­sa? «A Mi­ha­j­lo­vic la do­man­da sul cam­bio di Bac­ca era per­ti­nen­te. Ad Al­le­gri quel­la del con­fron­to con lo scor­so an­no an­che. Le avreb­be fat­te chiun­que». Lei è di­ver­sa... «No. As­so­lu­ta­men­te. Que­st’an­no gli al­le­na­to­ri ven­go­no da noi su­bi­to do­po la par­ti­ta. Sia­mo il pri­mo pas­sag­gio, è lo­gi­co che ci sia istin­to, a vol­te rab­bia e che le ri­spo­ste pos­sa­no es­se­re stiz­zi­te, ri­la­scia­te a cal­do. Noi rac­co­glia­mo le pri­me emo­zio­ni, fac­cia­mo il col­le­ga­men­to po­chi mi­nu­ti do­po la fi­ne del­le par­ti­te. Sia­mo i pri­mi. E poi...». Di­ca. «Non era­no do­man­de ag­gres­si­ve. Non fa pia­ce­re vi­ver- le in di­ret­ta cer­te si­tua­zio­ni, ma io va­do avan­ti. Non su­bi­rò con­di­zio­ni. Non va­do a sim­pa­tie, se fac­cio do­man­de». Le chie­do: i tec­ni­ci avreb­be­ro ri­spo­sto in quel mo­do an­che se le do­man­de le aves­se­ro po­ste dei col­le­ghi uo­mi­ni? «Pen­so di sì. Non ve­do dietrologia in que­sto. Io non so­no spun­ta­ta all’im­prov­vi­so. So­no an­ni che la­vo­ro, è tut­ta gen­te che è già ve­nu­ta da me in stu­dio. Poi bi­so­gne­reb­be chie­der­lo a lo­ro...». Ma si so­no scu­sa­ti? «No, ma per­ché avreb­be­ro do­vu­to far­lo?». Ha pen­sa­to al­la pros­si­ma di­ret­ta? «Sì, c’è Mi­lan-Na­po­li. Pron­ta. Non va­do mi­ca in on­da per li­ti­ga­re».

«Io ero già co­sì a bor­do­cam­po Non fa pia­ce­re, ma è la­vo­ro. Le scu­se? No. Do­vreb­be­ro?»

Mi­kae­la Cal­ca­gno vol­to di Me­dia­set Pre­mium

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.