Od­do: Pe­sca­ra an­dia­mo avan­ti Nien­te pro­ces­si

«Ar­chi­via­mo Vi­cen­za e pen­sia­mo al­la ca­po­li­sta»

Corriere dello Sport (Lazio) - - Serie B - Di Gian­car­lo Feb­bo Gief­fe­press

Aspet­ta­no con an­sia la ca­po­li­sta Ca­glia­ri per ri­scat­tar­si, do­po il week end da bam­boc­cio­ni a Vi­cen­za. Sul ban­co de­gli im­pu­ta­ti, in ca­sa Pe­sca­ra, so­prat­tut­to Tor­rei­ra, che ha cau­sa­to due ri­go­ri (il se­con­do all'ultimo mi­nu­to di re­cu­pe­ro con un in­spie­ga­bi­le ten­ta­ti­vo di ro­ve­scia­ta ad­dos­so a un av­ver­sa­rio) e Me­mu­shaj, espulso in un mo­men­to cru­cia­le. Il tec­ni­co Mas­si­mo Od­do nell'im­me­dia­to do­po­ga­ra era fu­ri­bon­do, «sta­va­mo per com­met­te­re un fur­to», il sus­sur­ro, men­tre so­lo il suo cor­po po­te­va co­no­sce­re l'esat­ta quan­ti­tà di bi­le che gli si sta­va ri­ver­san­do den­tro. Poi, l'at­tac­co fron­ta­le ai suoi uo­mi­ni. «A fi­ne pri­mo tem­po avrei so­sti­tui­to cin­que, sei gio­ca­to­ri, ec­cet­to i di­fen­so­ri, Ab­bia­mo sba­glia­to tut­to e io odio fa­re si­mi­li pre­sta­zio­ni, non è nel mio Dna. Sta­va­mo pu­re vin­cen­do, ma non sa­reb­be sta­to un ri­sul­ta­to me­ri­ta­to».

Con que­sti pre­sup­po­sti la sfi­da di sa­ba­to al­la co­raz­za­ta Ca­glia­ri dei tan­ti ex, da Mel­chior­ri a Sa­la­mon, Ca­pua­no e Bal­za­no, si sa­reb­be pre­sen­ta­ta dav­ve­ro im­pa­ri. Pe­rò nel cal­cio le co­se cam­bia­mo in fret­ta e già ie­ri, in con­fe­ren­za stam­pa, le pa­ro­le dell'al­le­na­to­re era­no più con­ci­lian­ti. «Con­fer­mo che la par­ti­ta non è sta­ta gio­ca­ta co­me tut­te le al­tre, pe­rò mi è pia­ciu­ta la rea­zio­ne quan­do dal­lo svan­tag­gio sia­mo riu­sci­ti a ri­bal­ta­re il ri­sul­ta­to. Poi è an­da­ta com'è an­da­ta e non ser­ve nean­che più sof­fer­mar­si trop­po: i miei gio­ca­to­ri non so­no bam­bi­ni dell'asi­lo, san­no be­ne do­ve han­no sba­glia­to». Quin­di, la di­fe­sa dei sin­go­li. «Mi di­spia­ce che sia sta­ta get­ta­ta la cro­ce ad­dos­so a un ra­gaz­zo di 18 an­ni (Tor­rei­ra). Ha vi­sto una pal­la al­ta e non si è ac­cor­to dell'uo­mo die­tro. Suc­ce­de. In quel mo­men­to del­la par­ti­ta do­ve­va evi­ta­re, ha una cer­ta ir­ruen­za, ma l'espe­rien­za si fa sul cam­po». Un al­tro te­ma ca­ro a Od­do, quel­lo dell'at­tac­co bian­caz­zur­ro. Le cri­ti­ci­tà in­di­vi­dua­te da al­cu­ni os­ser­va­to­ri ester­ni ri­guar­de­reb­be­ro An­drea Coc­co, cioè il ca­po­can­no­nie­re del­lo scor­so cam­pio­na­to, che og­gi è an­co­ra fer­mo a quo­ta ze­ro gol, ol­tre (ma so­lo dai no­stal­gi­ci) al po­co sfrut­ta­men­to del­le fa­sce, do­po l'ab­ban­do­no del 4-3-3. Tut­te ec­ce­zio­ni ri­bat­tu­te con pun­ti­glio dal tec­ni­co adria­ti­co. «Coc­co non è al 100%, ep­pu­re chiun­que ca­pi­sce di pal­lo­ne si sa­rà re­so con­to che se non se­gna co­mun­que man­da in por­ta i com­pa­gni. Le azio­ni più im­por­tan­ti pas­sa­no sem­pre da lui». Poi, l'ir­ri­ta­zio­ne per la sto­ria del­lo svi­lup­po dell'azio­ne trop­po per vie cen­tra­li: «Ma per­ché, la por­ta dov'è? Tra l'al­tro di cross ne fac­cia­mo tan­ti, o con i ter­zi­ni o con le mez­ze ali, c'è sem­pre qual­cu­no che gio­ca lar­go. D'ac­cor­do, po­te­va­mo ave­re qual­che pun­to in più ma noi sia­mo una squa­dra co­strui­ta per cre­sce­re ed è quel­lo che fa­re­mo».

L’al­le­na­to­re Mas­si­mo Od­do

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.