Bel­lo, gio­va­ne, di­ver­ten­te, ca­pa­ce di uni­re le ma­gie di Mic­co­li, l’ir­ri­ve­ren­za di Pa­sto­re e la for­za di Ili­cic: è il grup­po che il “mae­stro” ha pla­sma­to in Si­ci­lia «Per­so­ne se­rie che si sa­cri­fi­ca­no per la cau­sa» De­lio ROS­SI “ Il Pa­ler­mo può cre­sce­re “ a

Corriere dello Sport (Lombardia) - - Calcio - di An­to­nio Ma­glie

Bel­lo, gio­va­ne e di­ver­ten­te. E’ il Pa­ler­mo di De­lio Ros­si, quel­lo che do­me­ni­ca sera ha «rim­pic­cio­li­to» la Ro­ma di Tot­ti e Bor­riel­lo, di Pi­zar­ro e De Ros­si. Il cam­pio­na­to ha sco­per­to il vol­to sor­ri­den­te e la cor­sa di­rom­pen­te di Ili­cic. Ha ri­tro­va­to le ma­gìe di Fa­bri­zio Mic­co­li, non a ca­so da sem­pre so­pran­no­mi­na­to il Ro­ma­rio del Salento. Gon­go­la Mau­ri­zio Zam­pa­ri­ni, pre­si­den­te ap­pas­sio­na­to, che ha pun­ta­to sul­la po­li­ti­ca dei gio­va­ni. E li ha af­fi­da­ti a un tec­ni­co che sa in­se­gna­re cal­cio, che sa spie­ga­re il cal­cio. De­lio Ros­si è un al­le­na­to­re tan­to bra­vo quan­to umi­le. Po­co vo­ta­to all’im­ma­gi­ne, po­co in­cli­ne al­la cu­ra del­la «co­mu­ni­ca­zio­ne».

Gli met­to­no tra le ma­ni un ta­len­to su­da­me­ri­ca­no co­me Ja­vier Pa­sto­re e lui pro­gres­si­va­men­te lo tra­sfor­ma in un fuo­ri­clas­se eu­ro­peo e, pro­ba­bil­men­te, in­ter­na­zio­na­le. Gli af­fi­da­no Mu­noz e lui gli spie­ga che una fa­se di­fen­si­va è fat­ta di mo­vi­men­ti col­let­ti­vi, che la for­za e le qua­li­tà di­ven­ta­no stru­men­ti di la­vo­ro straor­di­na­ri quan­do si ac­com­pa­gna­no all’at­ten­zio­ne e al­la di­sci­pli­na. Gli «re­ga­la­no» Ili­cic e lui lo tra­sfor­ma in un gio­ca­to­re ver­sa­ti­le, ca­pa­ce di fa­re tut­to e di far­lo al ser­vi­zio e nell’in­te­res­se del­la squa­dra. Ma lui, poi, di­ce: «L’uo­mo sim­bo­lo del Pa­ler­mo? Il grup­po sto­ri­co, No­ce­ri­no, Bo­vo, Cas­sa­ni, Bal­za­ret­ti, Mi­gliac­cio, Liverani, Mic­co­li. Per­so­ne se­rie, che la­vo­ra­no, che si sa­cri­fi­ca­no per la cau­sa. E non è fa­ci­le tro­var­le in un cal­cio sem­pre più at­ten­to agli in­te­res­si in­di­vi­dua­li». Io­sip Ili­cic, 22 an­ni (in al­to) fe­steg­gia il gol al­la Ro­ma con il “cuo­re”, al cen­tro la gio­ia ro­sa­ne­ro a fi­ne ga­ra, in­fi­ne ec­co Mic­co­li e Pa­sto­re, gio­ca­to­ri-sim­bo­lo del Pa­ler­mo

Si­gnor Ros­si, se le di­ces­si che quel­lo di do­me­ni­ca sera è sta­to il Pa­ler­mo più bel­lo del­la sta­gio­ne, lei co­sa ri­spon­de­reb­be?

«Le di­rei che ha ra­gio­ne in par­te, che il Pa­ler­mo più bel­lo è sta­to quel­lo del se­con­do tem­po con la Ro­ma e quel­lo del pri­mo tem­po col Bo­lo­gna».

Lei è con­si­de­ra­to un tec­ni­co che in­se­gna cal­cio. Co­me si «pla­sma­no» i gio­va­ni?

«Tan­to per co­min­cia­re, de­vo­no ave­re del­le qua­li­tà al­tri­men­ti pos­so­no cre­sce­re fi­si­ca­men­te, pos­so­no mi­glio­ra­re tat­ti­ca­men­te ma si fer­ma­no lì. In pri­mo luo­go, de­vi con­vin­cer­li che quel­le qua­li­tà le de­vo­no met­te­re al ser­vi­zio del­la squa­dra. Quin­di, de­vi ave­re pa­zien­za e es­se­re cre­di­bi­le nel sen­so che i ra­gaz­zi de­vo­no cre­de­re in quel che pro­po­ni».

In que­ste set­ti­ma­ne è ve­nu­to qual­cu­no a dir­le: mi­ster non ce la fac­cio...

«Sì che è ca­pi­ta­to. Ma è il ge­ne­ra­le pro­ble­ma dell’ap­pren­di­men­to: ar­ri­va un mo­men­to in cui hai l’im­pres­sio­ne non so­lo di non an­da­re avan­ti, ma di tor­na­re in­die­tro. Al­lo­ra il ra­gaz­zo vie­ne e ti di­ce: io sa­pe­vo fa­re A, per­ché lei mi vuol far fa­re B? E tu de­vi con­vin­cer­lo che non vuoi che lui smet­ta di fa­re A ma che vuoi met­ter­lo nel­le con­di­zio­ni di fa­re an­che B» Quan­do que­sta cri­si è af­fio­ra­ta? «In qual­che par­ti­ta di Eu­ro­pa Lea­gue. Poi una co­sa è che in un con­te­sto con­so­li­da­to in­se­ri­sci un pa­io di gio­va­ni, al­tra co­sa è che ne but­ti in cam­po tan­ti e tut­ti in­sie­me. Ades­so, pe­rò, va me­glio».

Va co­sì be­ne che do­me­ni­ca ave­te na­sco­sto il pal­lo­ne al­la Ro­ma...

«La Ro­ma è più for­te di noi e ri­sul­ta­ti co­me que­sti pro­du­co­no au­to­sti­ma: i ra­gaz­zi si con­vin­co­no che so­no sul­la stra­da giu­sta».

Poi lei è uno spe­cia­li­sta nel ri­fi­la­re gol a grap­po­li al­la Ro­ma. Pre­di­spo­si­zio­ne na­tu­ra­le, ca­so o stu­dio scien­ti­fi­co? «E’ un ca­so, so­lo un ca­so...» For­se la Ro­ma la ispi­ra. «No, non in ma­nie­ra par­ti­co­la­re: io le par­ti­te vor­rei vin­cer­le tut­te».

Può es­se­re la vit­to­ria del­la svol­ta de­fi­ni­ti­va?

«Il fat­to è che ogni an­no bi­so­gna co­min­cia­re da ca­po. An­che que­st’an­no, d’al­tro can­to ri­spet­to al­la pas­sa­ta sta­gio­ne gio­chia­mo in ma­nie­ra di­ver­sa». Per­ché? «Per­ché ab­bia­mo cam­bia­to tut­to l’as­se cen­tra­le: un di­fen­so­re, Kjaer, ab­bia­mo in­se­ri­to Ba­ci­no­vic e Ili­cic. Lo stes­so Pa­sto­re lo scor­so an­no all’ini­zio non era ti­to­la­re vi­sto che gio­ca­va Sim­pli­cio». Ili­cic è una ve­ra for­za del­la na­tu­ra... «For­se va co­sì be­ne per­ché non par­la ita­lia­no e non mi ca­pi­sce... Scher­zo, ov­via­men­te. Il fat­to è che ha una do­te na­tu- ra­le: sa sta­re in cam­po. Non si sa be­ne qua­le sia il suo ruo­lo ma può far­ne tre, cen­tro­cam­pi­sta, tre­quar­ti­sta e at­tac­can­te. Ha gran­de tec­ni­ca e le sue gio­ca­te non so­no mai ba­na­li».

Poi, pe­rò, ave­te bi­so­gno di un “vecchietto” co­me Mic­co­li. Quan­to ag­giun­ge?

«Mic­co­li in car­rie­ra ha rac­col­to me­no di quan­to avreb­be po­tu­to rac­co­glie­re. For­se si al­le­na­va un po’ me­no, for­se in­se­gui­va più la gio­ca­ta. Ma un gran­de gio­ca­to­re de­ve es­se­re un esem­pio e Mic­co­li ora lo è. Qui ha tro­va­to la di­men­sio­ne giu­sta, ha spo­sa­to la cau­sa». Aiu­ta una cit­tà co­me Pa­ler­mo? «Sì. Pa­ler­mo non è una cit­tà op­pri­men­te. I ti­fo­si vi­vo­no il mo­men­to, so­no ap­pas­sio­na­ti ma di­scre­ti». Non è Ro­ma... «Non è Ro­ma, non è Na­po­li, non è Sa- ler­no». Una si­tua­zio­ne che l’aiu­ta. «Un al­le­na­to­re si de­ve adat­ta­re all’am­bien­te: se mi tra­sfe­ri­sco in Rus­sia non pos­so pen­sa­re di es­se­re lo stes­so di Pa­ler­mo. Quan­do so­no ar­ri­va­to, ho sen­ti­to le aspet­ta­ti­ve che ve­ni­va­no ri­po­ste in me. E que­sta si­tua­zio­ne mi ha da­to gran­di mo­ti­va­zio­ni».

C’è una par­ti­ta in que­sto av­vio di sta­gio­ne che ri­gio­che­reb­be?

«Mi pia­ce­reb­be gio­ca­re di nuo­vo quel­la con la La­zio: il ri­sul­ta­to fi­na­le fu bu­giar­do».

Per il fat­to che la La­zio ti­rò una so­la vol­ta in por­ta...

«A dir la ve­ri­tà su­pe­rò una so­la vol­ta la me­tà cam­po. Ma non è un dram­ma, que­sto è il cal­cio». In che mi­su­ra è ma­tu­ra­to Pa­sto­re? «Pa­sto­re è un gio­ca­to­re di gran­de ta­len­to, il gio­ca­to­re più ta­len­tuo­so che io ab­bia mai avu­to. Lo scor­so an­no tut­ti era­no anm­mi­ra­ti dal­le sue gio­ca­te. Ora, pe­rò, è ar­ri­va­to il mo­men­to del sal­to di qua­li­tà: da gio­ca­to­re ta­len­tuo­so si de­ve tra­sfor­ma­re in uo­mo-squa­dra». A vol­te lo è. «Sì. A vol­te, pe­rò, gio­ca un po’ trop­po per se stes­so. Ma è nor­ma­le: è ti­to­la­re da un an­no ap­pe­na».

An­che Mu­noz sem­bra aver su­pe­ra­to al­cu­ne in­cer­tez­ze ini­zia­li.

«Con i gio­va­ni è co­sì, c’è sem­pre il mo­men­to del­la cri­si. Mu­noz è ar­ri­va­to che ave­va di­cian­no­ve an­ni, so­sti­tui­va un di­fen­so­re mol­to gio­va­ne co­me Kjaer che, pe­rò, ave­va avu­to due an­ni per in­se­rir­si». In che co­sa de­ve mi­glio­ra­re? «Dal pun­to di vi­sta tat­ti­co». Lo ha am­mes­so lui stes­so: all’ini­zio non ci ca­pi­va nul­la.

«Ora sta co­min­cian­do a ca­pi­re. Ma è nor­ma­le: so­lo chi non è abi­tua­to a la­vo­ra­re con i ra­gaz­zi non lo ca­pi­sce».

Una que­stio­ne di pa­zien­za. Il suo pre­si­den­te è pa­zien­te?

«No, ma tut­ti i pre­si­den­ti che ho avu­to non lo era­no».

La vit­to­ria con la Ro­ma fa pen­sa­re a una vo­stra crescita con­ti­nua, a un gi­ro­ne di ri­tor­no de­ci­sa­men­te fe­li­ce...

«Con i ra­gaz­zi de­vi ave­re la pos­si­bi­li­tà di la­vo­ra­re. Par­te­ci­pan­do a due ma­ni­fe­sta­zio­ni, aven­do die­ci na­zio­na­li, tem­po per la­vo­ra­re ne ab­bia­mo avu­to po­co. Ma cre­do che se la squa­dra sa­rà in­te­gra­ta in cer­ti ruo­li, in par­ti­co­la­re a me­tà cam­po, il no­stro gi­ro­ne di ri­tor­no po­trà es­se­re mol­to in­te­res­san­te. L’ho det­to quan­do le co­se non an­da­va­no be­ne e lo ri­pe­to ora: que­sta squa­dra ha un fu­tu­ro. Gra­zie an­che al la­vo­ro di Sa­ba­ti­ni: mol­ti di que­sti ra­gaz­zi li ha in­di­vi­dua­ti lui».

Se la sen­te di pro­met­te­re la zo­na Cham­pions?

«La Ro­ma fa­cen­do­si bat­te­re dal­la Samp ha per­so lo scu­det­to e ha fat­to per­de­re a noi la Cham­pions. Dal pun­to di vi­sta dei pun­ti, era­va­mo lì. Que­st’an­no ci so­no squa­dre più for­ti del Pa­ler­mo pe­rò tut­to può ac­ca­de­re».

De­lio Ros­si, 50 an­ni Ha pre­so il Pa­ler­mo il 23 no­vem­bre 2009 Da al­lo­ra, in 39 gior­na­te di cam­pio­na­to (25+14), ha mes­so in­sie­me 71 pun­ti, al­la me­dia di 1,82 a par­ti­ta (Get­ty Ima­ges)

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.