Co­ri­ni: Cro­to­ne uni­ti e vin­cen­ti

«So­no mo­ti­va­tis­si­mo. Vo­glio co­strui­re mol­to»

Corriere dello Sport (Lombardia) - - Calcio - Clau­dia Ber­lin­ge­ri/Lio­press

CRO­TO­NE - È tem­po di cam­bia­men­ti in ca­sa Cro­to­ne: ter­mi­na­ta l'av­ven­tu­ra di Me­ni­chi­ni in ri­va al­lo Jo­nio, ini­zia l'era di Co­ri­ni. Il nuo­vo tec­ni­co ros­so­blù, af­fian­ca­to dall'al­le­na­to­re in se­con­da Sal­va­to­re Giun­ta, è sta­to pre­sen­ta­to ie­ri mat­ti­na dal­la so­cie­tà ca­la­bre­se nel­la sa­la stam­pa dell'Ezio Sci­da. Qual­che bat­tu­ta, la fir­ma sul con­trat­to (im­pe­gno fi­no a giu­gno e op­zio­ne per il se­con­do an­no) e pri­mo al­le­na­men­to con i gio­ca­to­ri.

Non v'è dub­bio che la pan­chi­na del Cro­to­ne è una gran­de op­por­tu­ni­tà per Eu­ge­nio Co­ri­ni, 40 an­ni, det­to il Ge­nio, una vi­ta da cal­cia­to­re con Bre­scia, Ju­ve, Samp, Na­po­li, Pia­cen­za, Ve­ro­na, Chie­vo, Pa­ler­mo e To­ri­no e all'ini­zio del­la sua car­rie­ra in pan­chi­na. Car­rie­ra che po­te­va co­min­cia­re l'esta­te scor­sa con il Por­to­grua­ro, so­cie­tà neo­pro­mos­sa in B, se non si fos­se di­mes­so per di­ver­gen­ze con la so­cie­tà. «So­no qui per uni­re - ha esor­di­to co­sì il nuo­vo al­le­na­to­re del Cro­to­ne - E' un'op­por­tu­ni­tà che ho col­to con en­tu­sia­smo e cre­do che in­sie­me pos­sia­mo co­strui­re tan­to. È un im­pe­gno pro­gram­ma­ti­co quel­lo che mi so­no as­sun­to in­sie­me al­la so­cie­tà e da­rò il me­glio di me stes­so». «MI PIA­CE IL 4-3-3» - Qual­che cam­bia­men­to in chia­ve tat­ti­ca ci sa­rà. Co­ri­ni non si ti­ra in­die­tro: «Vo­glio pri­ma va­lu­ta­re sul cam­po gli ele­men­ti che ho a mia di­spo­si­zio­ne. E' na­tu­ra­le che un'idea di ba­se ce l'ho, il 4-3-3, pe­rò, al­di­là del mo­du­lo, cer­che­rò di ca­pi­re le ca­rat­te­ri­sti­che dei cal­cia­to­ri. È que­stio­ne di spo­sa­re una fi­lo­so­fia di co­me in­ten­de­re il cal­cio. Io e Giun­ta tro­via­mo dei col­la­bo­ra­to­ri im­por­tan­ti in lo­co e sia­mo ar­ri­va­ti per fa­re di­ven­ta­re più for­te il Cro­to­ne». E Co­ri­ni è sta­to chia­ro quan­do gli è sta­to chie­sto co­sa di­rà al grup­po per mo­ti­va­re que­gli atle­ti che, nel­le ul­ti­me ga­re, non si so­no im­pe­gna­ti poi tan­to: «Un pro­fes­sio­ni­sta de­ve sem­pre scen­de­re in cam­po per da­re il mas­si­mo, ma si­cu­ra­men­te gli di­rò di sen­ti­re den­tro di lo­ro, ciò che sen­ti­va­no da bam­bi­ni! Io vo­glio che i miei gio­ca­to­ri pren­da­no l'ini­zia­ti­va, vo­glio fre­nar­li so­la­men­te per que­sto mo­ti­vo». «HO AVU­TO TAN­TI MAE­STRI» - Il nuo­vo tec­ni­co non si è ti­ra­to in­die­tro quan­do gli è sta­to chie­sto un pa­re­re sul suo pre­de­ces­so­re: «Ogni tec­ni­co ha un pro­prio mo­do di in­ten­de­re il cal­cio. Io, in ven­ti­due an­ni da cal­cia­to­re, ho avu­to di­ver­si al­le­na­to­ri che mi han­no in­se­gna­to tan­to. Ho svi­lup­pa­to una mia vi­sio­ne di gio­co, an­che se il cal­cio è in con­ti­nua evo­lu­zio­ne e non si fi­ni­sce mai di im­pa­ra­re». Sui ti­fo­si cro­to­nia­ti di­ce: «Il pub­bli­co del­lo Sci­da spin­ge mol­to in ca­sa, ma sa­rà com­pi­to no­stro coin­vol­ger­lo at­tra­ver­so il bel gio­co». MER­CA­TO - Il suo esor­dio sul­la pan­chi­na de­li­ca­to e dif­fi­ci­le. Sa­ba­to si va a No­va­ra, cam­po del­la ca­po­li­sta. « E' si­cu­ra­men­te una ga­ra in­te­res­san­te da stu­dia­re e da mer­co­le­dì en­tre­re­mo in cli­ma par­ti­ta al­le­nan­do­ci sul sin­te­ti­co. Lo stes­so ter­re­no che tro­ve­re­mo in Pie­mon­te». Sul mer­ca­to di gen­na­io è sta­to più che chia­ro: «Al mo­men­to mi in­te­res­sa con­cen­trar­mi sul­la squa­dra e sul­le pros­si­me tre par­ti­te che dob­bia­mo gio­ca­re pri­ma del gi­ro di boa. A gen­na­io, in­sie­me al­la so­cie­tà, ve­dre­mo il da far­si».

LA PRE­SEN­TA­ZIO­NE E POI SU­BI­TO AL CAM­PO

Eu­ge­nio Co­ri­ni, 40 an­ni, tec­ni­co del Cro­to­ne. E’ al­la sua pri­ma espe­rien­za in pan­chi­na. L’esor­dio con­tro il No­va­ra

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.