Foggia so­gna con Sau-gol

L’at­tac­can­te sar­do ha fir­ma­to 10 re­ti in quin­di­ci ga­re

Corriere dello Sport (Lombardia) - - Calcio - di Wal­ter Car­bo­ne

FOGGIA - C'è sem­pre un bom­ber a trac­cia­re la stra­da di Ze­man­lan­dia. Vent'an­ni fa Bep­pe Si­gno­ri e Cic­cio Ba­ia­no co­ro­na­ro­no il so­gno del­la se­rie A, pro­prio co­me og­gi al­le pro­dez­ze di Marco Sau (10 gol) e Lo­ren­zo In­si­gne (5) so­no le­ga­te le spe­ran­ze di un ri­tor­no dei rossoneri in B, tra­guar­do rin­cor­so or­mai da do­di­ci an­ni. Ma con la dop­piet­ta ri­fi­la­ta al Be­ne­ven­to, la se­con­da in que­sto cam­pio­na­to, Sau stac­ca tut­ti e fa me­glio dei suoi più il­lu­stri pre­de­ces­so­ri gra­zie al­le die­ci mar­ca­tu­re in quin­di­ci ga­re di cam­pio­na­to (0,66 la me­dia-gol): me­glio di Ba­ia­no (0,55 in due cam­pio­na­ti) e di Bep­pe­gol (0,36 in tre cam­pio­na­ti). D'ac­cor­do sa­rà pu­re un con­fron­to an­co­ra un po' acer­bo, ol­tre­tut­to Sau per il mo­men­to si esal­ta sol­tan­to in Le­ga Pro. Ma con Ze­man cer­ti nu­me­ri so­no pos­si­bi­li an­che in cam­pio­na­ti su­pe­rio­ri e il nuo­vo tam­bu­ri­no sar­do del cal­cio ita­lia­no (è al­to 1,69 ap­pe­na un cen­ti­me- tro in più del con­ter­ra­neo Gian­fran­co Zo­la) è il pri­mo a es­ser­ne con­sa­pe­vo­le: «Se ho fat­to be­ne a ve­ni­re al Foggia? Al­tro­ché...». A ven­ti­tré an­ni (il pros­si­mo 3 di­cem­bre: au­gu­ri!) il ra­gaz­zo di Sor­go­no (Nuo­ro) si sen­te or­mai ma­tu­ro per il gran­de sal­to. Non ha mai se­gna­to tan­to, tre an­ni fa die­ci re­ti le ave­va mes­se nel sac­co du­ran­te l'in­te­ra sta­gio­ne (2007-2008) a Man­fre­do­nia nell'al­lo­ra C1: non c'è dub­bio che l'aria fog­gia­na gli por­ti for­tu­na. Per que­sto ora si sor­pren­de a ve­der­si las­sù sul­la clas­si­fi­ca dei can­no­nie­ri: «Non mi sen­to un bom­ber - si scher­mi­sce - non lo so­no mai sta­to. Pe­rò da quan­do so­no al Foggia, il mi­ster mi im­pie­ga pun­ta cen­tra­le e for­se di­pen­de da que­sto se se­gno con ta­le continuità. Spe­ria­mo va­da sem­pre me­glio». IN PRE­STI­TO DAL CA­GLIA­RI - Sau è in pre­sti­to dal Ca­glia­ri, ma pri­ma di ap­pro­da­re al­la cor­te del boe­mo era sta­to un an­no fa a Lec­co e poi all'Al­bi­no­lef- fe. A Foggia si è su­bi­to mes­so in lu­ce per il fiu­to in zo­na-gol e la par­ten­za bru­cian­te: in cam­pio­na­to ha mes­so a se­gno sei re­ti nel­le pri­me sei ga­re, al­tri tre gol rea­liz­za­ti pu­re in cop­pa due dei qua­li nel­le pri­me due ga­re sta­gio­na­li. CHE LA DOP­PIET­TA! - Con­tro il Be­ne­ven­to pe­rò il suo ca­po­la­vo­ro, da ap­plau­si il rad­dop­pio con toc­co fi­na­le in por­ta di tac­co: «Era l'uni­co mo­do per bru­cia- re il tem­po ai di­fen­so­ri e met­te­re den­tro quel­la pal­la - spie­ga il bom­ber sar­do - è sta­ta un'azio­ne bel­lis­si­ma, ab­bia­mo fat­to tut­ti una gran par­ti­ta». An­che sul pri­mo gol Sau ha do­vu­to ru­ba­re il tem­po agli av­ver­sa­ri: «Ero al cen­tro dell'area, so­no riu­sci­to a te­ne­re pal­la ed a gi­rar­mi. E' sta­ta un'emo­zio­ne gran­dis­si­ma se­gna­re da­van­ti a que­sto pub­bli­co, spe­ria­mo ci por­ti for­tu­na fi­no al­la fi­ne del cam­pio­na­to».

Nel­la fo­to il se­con­do gol di Sau con­tro il Be­ne­ven­to

DO­ME­NI­CA HA FAT­TO ESPLO­DE­RE LO ZACCHERIA

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.