Ven­tu­ra: Ma pos­sia­mo fa­re la sto­ria

Corriere dello Sport (Lombardia) - - Calcio -

GE­NO­VA - Ras­se­gna­zio­ne è un ter­mi­ne che non fa par­te del vo­ca­bo­la­rio di Giam­pie­ro Ven­tu­ra. Il suo Ba­ri gio­ca, lot­ta, com­bat­te ma è in se­ria dif­fi­col­tà e, an­che a Ge­no­va con­tro la Samp­do­ria è in­cap­pa­to in una pe­san­te scon­fit­ta. La si­tua­zio­ne a li­vel­lo di in­for­tu­ni e squa­li­fi­che con cui è co­stret­to a con­vi­ve­re è sot­to gli oc­chi di tut­ti ma que­sta vol­ta, per spie­ga­re il pe­san­te 3-0, è ne­ces­sa­rio ti­ra­re in bal­lo an­che l'ope­ra­to dell'ar­bi­tro Pier­pao­li. L’AC­CU­SA - «Quel­lo che è suc­ces­so lo ave­te vi­sto tut­ti - esor­di­sce - Sia­mo ve­nu­ti al "Fer­ra­ris" in una si­tua­zio­ne dif­fi­ci­lis­si­ma, sen­za ot­to, no­ve ti­to­la­ri, con Al­va­rez ed Al­mi­ron a fa­re nu­me­ro e Rag­gi che si è bloc­ca­to nel ri­scal­da­men­to. Al pri­mo cross nel­la no­stra area, la Samp ha be­ne­fi­cia­to di un ri­go­re, che le im­ma­gi­ni di­mo­stra­no non es­ser­ci. Die­ci mi­nu­ti più tar­di è sta­to espul­so Ros­si, ed an­che in que­sto ca­so la de­ci­sio­ne non ci sta. Poi so­no sta­to al­lon­ta­na­to an­ch'io. Mi so­no li­mi­ta­to a di­re che, a ses­san­ta­due an­ni, un po' di ri­spet­to ci vor­reb­be. Al ter­mi­ne del­la ga­ra l'ar­bi­tro ha co­mun­que am­mes­so di non aver ri­ce­vu­to al­cu­na of­fe­sa».

Dif­fi­ci­le tro­va­re le pa­ro­le per com­men­ta­re una scon­fit­ta di que­sto ge­ne­re quan­do le at­te­nuan­ti so­no co­sì tan­te. Del Ba­ri pro­get­ta­to ed al­le­sti­to in esta­te non c'era qua­si nep­pu­re una trac­cia, ed i due epi­so­di de­ci­si­vi nei pri­mi tren­ta­tré mi­nu­ti han­no fat­to il re­sto.

«La Samp pro­ba­bil­men­te avreb­be vin­to lo stes­so - ri­tie­ne il tec­ni­co ge­no­ve­se - In que­sto mo­men­to è im­por­tan­te che la mia squa­dra man­ten­ga uno spi­ri­to pro­po­si­ti­vo e la te­sta sgom­bra. Par­la­re del­la si­tua- zio­ne de­gli in­for­tu­ni mi pa­re su­per­fluo. La no­stra emer­gen­za è di­ver­sa da quel­la del­la Fio­ren­ti­na, che ha sop­pe­ri­to all'as­sen­za di Gi­lar­di­no schie­ran­do Mu­tu. An­che l'In­ter sen­za set­te gio­ca­to­ri è an­da­ta in cri­si, a noi ne man­ca­no die­ci da me­si. Nes­su­na squa­dra al mon­do può ri­nun­cia­re al 70% del­la ro­sa. In vi­sta del mer­ca­to di gen­na­io mi ba­ste­reb­be sem­pli­ce­men­te ria­ve­re i miei ra­gaz­zi, da Ghez­zal a Bar­re­to, da Ca­stil­lo a Ku­tu­zov, pas­san­do per Sal­va­to­re Ma­siel­lo, Al­mi­ron e tut­ti gli al­tri». GLI AP­PLAU­SI - Giam­pie­ro Ven­tu­ra è con­sa­pe­vo­le che, con l'or­ga­ni­co al com­ple­to o quan­to­me­no con un mi­nor nu­me­ro di de­fe­zio­ni, il suo Ba­ri po­treb­be ve­leg­gia­re in po­si­zio­ni di clas­si­fi­ca ben più ras­si­cu­ran­ti. «Que­sti ra­gaz­zi pos­so­no scri­ve­re una del­le pa­gi­ne più im­por­tan­ti del­la sto­ria del Ba­ri - pro­se­gue il tec­ni­co - de­vo­no re­sta­re lu­ci­di, di­stac­ca­ti. Ades­so non dob­bia­mo an­da­re a Ro­ma a vin­ce­re ma a raf­for­za­re la no­stra te­sta. Gli ap­plau­si al­la mia usci­ta dal cam­po? Mi han­no fat­to un gran pia­ce­re e rin­gra­zio sia i ti­fo­si del Ba­ri che quel­li del­la Samp­do­ria. Ge­no­va è ca­sa mia, an­che se ogni vol­ta che ven­go a gio­ca­re in que­sto sta­dio mi re­sta­no mo­ti­vi di ram­ma­ri­co. L'uni­ca co­sa che mi in­te­res­sa in que­sto mo­men­to, pe­rò, è ri­ve­de­re cor­re­re Bar­re­to, Ku­tu­zov e Ghez­zal». Gu­ber­ti, l’ex, si tie­ne stret­ta la vit­to­ria: «Tre pun­ti fon­da­men­ta­li, ora sia­mo mes­si be­ne. Non so do­ve la Samp può ar­ri­va­re, l’im­por­tan­te era non la­scia­re pun­ti co­sì per stra­da. Il der­by? Ora pen­sia­mo al Bre­scia, se gio­che­re­mo do­me­ni­ca».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.