Vet­tel al­la squa­dra: Scu­sa­te­mi

«So­no ter­zo ma avrei vo­lu­to re­si­ste­re da­van­ti a Ro­sberg»

Corriere dello Sport (Lombardia) - - Formula 1 -

Un po­dio die­tro al­le Mer­ce­des vo­lan­ti non è da but­ta­re via. Se­ba­stian Vet­tel lo sa e, an­che se spe­ra­va di met­te­re la sua mo­no­po­sto un po' più avan­ti, ha sor­ri­so: «Ci so­no mil­le ra­gio­ni per es­se­re fe­li­ci per il ter­zo po­sto - ha det­to il fer­ra­ri­sta - Al se­con­do pit sia­mo ri­ma­sti sor­pre­si dal gi­ro di usci­ta di Ro­sberg, pen­sa­va­mo di ave­re un mar­gi­ne suf­fi­cien­te e al­la fi­ne un po' ti di­spia­ce, per­ché se aves­si­mo po­tu­to re­si­ste­re al se­con­do po­sto per lui sa­reb­be sta­to dif­fi­ci­le sor­pas­sa­re, ma la Mer­ce­des era più ve­lo­ce e me­ri­ta­va di sta­re da­van­ti. Tut­ta­via ter­zo e quar­to è un gran­de ri­sul­ta­to per la squa­dra».

Il fer­ra­ri­sta, ta­glia­to il tra­guar­do, si è scu­sa­to via ra­dio con la squa­dra: «So­no an­da­to al li­mi­te, non ho po­tu­to fa­re di più e mi scu­so per non es­se­re ar­ri­va­to su un gra­di­no più al­to», ma una vol­ta lì in al­to ha det­to che «è sta­to gran­dio­so tor­na­re qui, a Su­zu­ka, sul po­dio: que­sta è la mia ga­ra pre­fe­ri­ta. Nel com­ples­so è sta­ta una ga­ra com­bat­tu­ta. Sia­mo sul­la stra­da giu­sta, è an­da­ta me­glio di quan­to ci aspet­tas­si­mo. E per il re­sto del Mon­dia­le la tat­ti­ca è so­lo una: at­tac­ca­re al mas­si­mo».

Ki­mi Raik­ko­nen ha sot­to­li­nea­to che «è sta­to fat­to il mas­si­mo, te­nen­do con­to del­la

Doc­cia di cham­pa­gne sul po­dio per Vet­tel po­si­zio­ne di par­ten­za (se­sto, ndr). La mac­chi­na an­da­va be­ne ed era­va­mo ve­lo­ci ma su un cir­cui­to co­me que­sto, quan­do sei bloc­ca­to die­tro ad al­tre vet­tu­re, è sem­pre dif­fi­ci­le su­pe­ra­re - ha spie­ga­to il fin­lan­de­se - Al pit stop ab­bia­mo fat­to un buon la­vo­ro per­ché sia­mo riu­sci­ti a usci­re da­van­ti a Bot­tas. Non cre­do che avrem­mo po­tu­to fa­re mol­to di più. C'è an­co­ra del la­vo­ro da fa­re, ma stia­mo an­dan­do nel­la di­re­zio­ne giu­sta. Ov­via­men­te vor­rem­mo sem­pre es­se­re da­van­ti, ma è sta­to fat­to un buon la­vo­ro. Ora con­ti­nue­re­mo a cer­ca­re di fa­re pro­gres­si e mi­glio­ra­re».

«Quan­do non si vin­ce non si può mai es­se­re del tut­to con­ten­ti - ha os­ser­va­to il team prin­ci­pal del­la Fer­ra­ri, Mau­ri­zio Ar­ri­va­be­ne - Pe­rò pen­so che il ri­sul­ta­to non deb­ba es­se­re mes­so a con­fron­to con quel­lo di Sin­ga­po­re, ma piut­to­sto con Sil­ver­sto­ne, pi­sta che ha ca­rat­te­ri­sti­che si­mi­li a quel­le di Su­zu­ka. Se ri­pen­sia­mo al Gp di Gran Bre­ta­gna, ve­dia­mo che il di­va­rio che ave­va­mo al­lo­ra dai no­stri prin­ci­pa­li av­ver­sa­ri si è ri­dot­to. E ciò si­gni­fi­ca che c'è sta­to un gran­de svi­lup­po in tut­ti i set­to­ri, a ini­zia­re dal­la mo­to­riz­za­zio­ne».

AN­SA

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.