Reh­ha­gel e Ara­go­nes Ct cam­pio­ni over 65

Corriere dello Sport (Lombardia) - - Speciale - Di Fa­bio Mas­si­mo Splen­do­re

E pen­sa­re che si so­no an­che... po­trem­mo di­re rin­cor­si. Già due vol­te in car­rie­ra. Edy do­po Giam­pie­ro nel 2003 a Ca­glia­ri: Cel­li­no eso­ne­rò Ventura e Re­ja ar­ri­vò ed evi­tò la B. Nel 2005 il tec­ni­co ge­no­ve­se sa­lu­tò il Na­po­li che ri­na­sce­va - pri­mo al­le­na­to­re dell’era De Lau­ren­tiis - e quel­lo go­ri­zia­no ar­ri­vò per apri­re la nuo­va sta­gio­ne e un qua­drien­nio per sa­li­re dal­la C al­la A. Ora si in­se­guo­no an­co­ra, ma è di­ver­so. Ventura è ter­zo con il suo To­ri­no, Re­ja è se­sto con l’Ata­lan­ta. In que­sto cam­pio­na­to che sem­bra aver ca­po­vol­to le ge­rar­chie ri­spet­to agli ul­ti­mi, due ma­ghi sen­za età so­no lì a por­ta­re le lo­ro squa­dre do­ve si re­spi­ra Eu­ro­pa, per il To­ro se tut­to si fer­mas­se ora, pre­li­mi­na­re di Cham­pions Lea­gue. In una Ita­lia che per aspet­ta­ti­ve di vi­ta è il se­con­do pae­se del pia­ne­ta as­sie­me a Sin­ga­po­re, Re­ja a 69 an­ni e Ventura a 67 so­no in qual­che mo­do il ves­sil­lo del trend che que­sta ten­den­za fa re­gi­stra­re. E il fat­to che la scuo­la ita­lia­na dei tec­ni­ci in at­ti­vi­tà sia tra le più lon­ge­ve per car­ta d’iden­ti­tà, con­fer­ma cer­ti ra­gio­na­men­ti. Poi vai a ve­de­re la Sviz­ze­ra, che sul­le aspet­ta­ti­ve di vi­ta è ad­di­rit­tu­ra la pri­ma (82,9 con­tro i no­stri 82,6) e ti ac­cor­gi che le pan­chi­ne del­la Su­per Lea­gue trac­cia­no una età me­dia tra le più bas­se, 48,7 an­ni, cir­ca 4 me­no di noi. E Ze­man, che da Lu­ga­no ha tim­bra­to quo­ta 68, quel­la me­dia glie­la al­za pu­re un po’. Ma la Sviz­ze­ra è pic­co­la, an­che co­me “di­men­sio­ne” cal­ci­sti­ca. E qui par­lia­mo del gran­de cal­cio con­ti­nen­ta­le.

RE­CORD. Re­ja è per il se­con­do an­no di fi­la il “Gran­de Vec­chio” del­la Gran­de Eu­ro­pa: che vuol di­re se­rie A, Li­ga, Bun­de­sli­ga, Pre­mier Lea­gue e Li­gue 1. Se met­tia­mo in cam­po il re­sto del Vec­chio Con­ti­nen­te del pal­lo­ne Edy va a brac­cet­to con un al­tro sag­gio che ha in­se- gui­to e a cui ha da­to il cam­bio a Bre­scia nel 1996: Mir­cea Lu­ce­scu, il gu­ru del­lo Sha­kh­tar (Ucrai­na, un al­tro pez­zo di pic­co­la Eu­ro­pa del cal­cio), che i 70 li ha fat­ti il 29 lu­glio, men­tre al no­stro man­ca­no 10 gior­ni. Si so­no di­vi­si Pir­lo che sboc­cia­va in que­gli an­ni. Poi c’è Dick Ad­vo­caat, 68 an­ni e un bel po’ di grat­ta­ca­pi al Sun­der­land. E il ter­zo è Ventura. Gli al­tri so­no tut­ti die­tro di un bel po’: in Fran­cia c’è Cour­bis (62 an­ni) e il suo Mont­pel­lier, in Spa­gna Pa­co Her­re­ra (61 an­ni) e il suo Las Pal­mas. In Bun­de­sli­ga Ar­min Veh (54 an­ni) all’Ein­tra­cht.

ESEM­PI. Con la lo­ro pas­sio­ne ine­sau­ri­bi­le Re­ja e Ventura so­no un po’ l’esem­pio da guar­da­re e am­mi­ra­re. Edy fa il tec­ni­co gra­zie all’in­si­sten­za del­la mo­glie Li­via: glie­la pre­sen­tò Ca­pel­lo e lo spin­se lei a pro­va­re. Fre­quen­ta­zio­ni doc: ha ce­na­to con Sen­na e gio­ca­to a cal­cio d’esta­te con Pa­so­li­ni. Non ha mez­ze mi­su­re, «fin­ché il cuo­re pom­pa al­le­no», la sua Ata­lan­ta met­te in cam­po un 4-33 mu­sco­li (tan­ti) e fan­ta­sia (il giu­sto), più i guiz­zi di Mo­ra­lez e il Pa­pu Go­mez. Con lui ha ri­chia­ma­to a la­vo­ra­re Al­ber­to Bol­li­ni, che ave­va avu­to con suc­ces­so quan­do lo ri­vol­le­ro al­la La­zio, ma in par­ti­ta è lì che sal­ta co­me un gril­lo. E gri­da il suo cal­cio. Co­me Ventura, stre­ga­to dal Barcellona di Cruyff, spe­ri­men­ta­to­re che ama chia­ma­re i mo­du­li pro­po­ste, che ha in­ven­ta­to il 4-2-4 ca­pa­ce di far in­na­mo­ra­re tat­ti­ca­men­te An­to­nio Con­te. Uno che al­le­na per li­bi­di­ne e che sul suo si­to ha stam­pa­ta in co­per­ti­na una fra­se di Tom Lan­dry, il coa­ch gu­ru di un tren­ten­nio dei Dal­las Co­w­boys: «Il mio la­vo­ro è far fa­re a qual­cu­no qual­co­sa che non vuo­le fa­re, per far­gli rag­giun­ge­re quel­lo che vuo­le rag­giun­ge­re». Chie­de­te a Bo­nuc­ci, Im­mo­bi­le, Cer­ci, ie­ri. E og­gi a Mak­si­mo­vic, Ba­sel­li, Be­nas­si, Be­lot­ti, Zap­pa­co­sta. Vin­cen­ti. Quan­do era­no set­tan­ten­ni o giù di lì. An­dia­mo all’este­ro. Sen­za sco­mo­da­re il Co­lon­nel­lo Lo­ba­no­v­sky, che do­mi­nò il cal­cio so­vie­ti­co e ucrai­no vin­cen­do an­che in Eu­ro­pa con la sua Di­na­mo Kiev, tan­to da stan­car­si a 62 an­ni di al­za­re tro­fei.

TRE TO­TEM. La sto­ria dei trion­fi al­la so­glia dei 70 an­ni si fa con tre fir­me. Ot­to Reh­ha­gel, te­de­sco di Es­sen, una car­rie­ra vin­cen­do tra Wer­der Bre­ma e Kai­ser­slua­tern, poi ar­ri­va­no il 4 lu­glio 2004 e l’im­pre­sa che re­sta per sem­pre: l’Eu­ro­peo in Por­to­gal­lo e lui ct del­la Gre­cia a 67 an­ni, por­ta la Cop­pa ad Ate­ne bat­ten­do 1-0 i pa­dro­ni di ca­sa

Si so­no pas­sa­ti il te­sti­mo­ne a Ca­glia­ri nel 2003 e a Na­po­li nel 2005: quan­ta pas­sio­ne!

con un gol di Cha­ri­steas. re­stan­do sem­pre al­la com­pe­ti­zio­ne con­ti­nen­ta­le per na­zio­na­li ci spo­stia­mo di quat­tro an­ni e ar­ri­via­mo al ca­po­la­vo­ro di Luis Ara­go­nes in Au­stria e Sviz­ze­ra nel 2008: la fi­na­le del 29 giu­gno a Vien­na di­ce Spa­gna-Ger­ma­nia 1-0 con tim­bro di Fer­nan­do Tor­res. In quel­la Spa­gna c’è la cre­ma: Ca­sil­las, Ra­mos, Puyol, Inie­sta, Xa­vi, Fa­bre­gas, Da­vid Sil­va, Tor­res. Il ct spa­gno­lo un me­se do­po com­pi­rà 70 an­ni e ac­cet­te­rà la sfi­da del Fe­ner­ba­h­ce, da cui sa­rà eso­ne­ra­to: un an­no e mez­zo fa si è spen­to. E in­fi­ne Jupp Heync­kes da Mön­chen­glad­ba­ch: a 68 an­ni si è tol­to lo sfi­zio di

Reh­ha­gel con la Gre­cia

Ara­go­nes con la Spa­gna

REU­TERS

BARTOLETTI

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.