«Be­ne­ven­to, tie­ni i pie­di per ter­ra»

Il ds Di Som­ma: Vi­via­mo que­sto pri­ma­to con pu­do­re. Fe­li­ci, ma re­stia­mo pru­den­ti

Corriere dello Sport (Lombardia) - - Lega Pro - Di Fran­co San­to BE­NE­VEN­TO

La pa­ro­la d'ordine in ca­sa gial­lo­ros­sa è cam­mi­na­re a far spen­ti. Il Be­ne­ven­to ban­di­sce i pro­cla­mi, an­che se si go­de quel pri­ma­to ar­ri­va­to all'ultimo se­con­do del­la par­ti­ta del "De­gli Uli­vi". La pro­dez­za di Ci­ci­ret­ti, il ra­gaz­zo cre­sciu­to nel vi­va­io del­la Ro­ma e che so­gna un gior­no di emu­la­re Tot­ti, ha re­ga­la­to al­la squa­dra di Au­te­ri una vet­ta in coa­bi­ta­zio­ne con Casertana e Pa­ga­ne­se che non può che tra­smet­te­re en­tu­sia­smo. «Que­sto pri­ma­to - spie­ga il ds Di Som­ma - lo vi­via­mo con un piz­zi­co di pu­do­re. Sia­mo con­ten­ti, ma vo­glia­mo an­da­re avan­ti con i pie­di di piom­bo, sen­za al­za­re la vo­ce. D'al­tro can­to la co­sa che ci riem­pie di più sod­di­sfa­zio­ne non è tan­to il pri­ma­to, quan­to la pre­sta­zio­ne of­fer­ta ad An­dria che ci esal­ta tan­tis­si­mo».

Il Be­ne­ven­to è pia­ciu­to per li­vel­lo di gio­co e per­so­na­li­tà, avreb­be po­tu­to se­gna­re an­che pri­ma se la for­tu­na non gli aves­se vol­ta­to le spal­le in qual­che oc­ca­sio­ne (due le­gni, al­me­no al­tre tre pal­le-gol lim­pi­de fal­li­te di un sof­fio). Quan­do ha fi­nal­men­te gon­fia­to la re­te di Po­luz­zi, la gio­ia del­la fol­ta pan­chi­na gial­lo­ros­sa si è fram­mi­sta a quel­la dei due­cen­to ti­fo­si giun­ti in Pu­glia per que­sta par­ti­ta: "E' sta­ta una sce­na in­cre­di­bi­le, che ho an­co­ra da­van­ti agli oc­chi. Quan­do Ci­ci­ret­ti ha se­gna­to sia­mo bal­za­ti tut­ti dal­la pan­chi­na per an­da­re a gioi­re sot­to il set­to­re dei no­stri ti­fo­si. Co­no­sco da tan­to tem­po Au­te­ri, cre­do che non gli sia mai ca- pi­ta­to pri­ma d'ora di an­da­re a fe­steg­gia­re in que­sta ma­nie­ra con tut­ta la squa­dra: co­me me, ha sen­ti­to di do­ver con­di­vi­de­re con tut­ti un ri­sul­ta­to im­por­tan­te ot­te­nu­to con­tro una for­ma­zio­ne dav­ve­ro to­sta co­me l'An­dria. E' una co­sa che mi ha col­pi­to tan­to, te­sti­mo­nia dell'unio­ne che c'è in tut­to il grup­po". Il dies­se san­ni­ta non na­scon­de la sod­di­sfa­zio­ne per la squa­dra che sta pian pia­no pren­den­do for­ma: "Sia­mo con­ten­ti, il Be­ne­ven­to è in cre­sci­ta sia dal pun­to di vi­sta fi­si­co che su quel­lo del gio­co. Cer­to, ab­bia­mo an­co­ra qual­che gio­ca­to­re fuo­ri per in­for­tu­nio, ma un ri­sul­ta­to co­sì ti dà la pos­si­bi­li­tà di re­cu­pe­ra­re con cal­ma qual­che in­for­tu­na­to e di la­vo­ra­re con tut­ta la tran­quil­li­tà pos­si­bi­le". Di Som­ma sa be­nis­si­mo che il cam­pio­na­to è ap­pe­na all'ini­zio e che la sua sto­ria è an­co­ra tut­ta da scri­ve­re. "Quan­do ar­ri­va­no que­sti ri­sul­ta­ti hai la pos­si­bi­li­tà di la­vo­ra­re me­glio, ti dan­no forza e se­re­ni­tà, ma sem­pre sen­za ab­bas­sa­re la guar­dia. Tan­to lo sap­pia­mo che pre­sto gli squa­dro­ni ar­ri­ve­ran­no. Mi ri­fe­ri­sco a Fog­gia, Lec­ce e an­che Ca­ta­nia. An­che se al­cu­ne di es­se han­no pro­va­to a na­scon­der­si, par­lia­mo di squa­dre co­strui­te per vin­ce­re. Il Ca­ta­nia in tre par­ti­te ha già an­nul­la­to la pe­na­liz­za­zio­ne e per me ri­ma­ne la squa­dra da bat­te­re in que­sto cam­pio­na­to, non so­lo per ca­ra­tu­ra tec­ni­ca, ma per l'am­bien­te che la cir­con­da e per la spin­ta che le può ve­ni­re pro­prio da que­sto. Sa­ba­to c'è un Lec­ce-Ca­ta­nia che è tut­to un pro­gram­ma: i sa­len­ti­ni ci ar­ri­va­no con as­sen­ze pe­san­ti, al Ca­ta­nia gi­ra tut­to be­ne". Il Be­ne­ven­to in­ve­ce sa­rà im­pe­gna­to a Mel­fi, sul cam­po di una squa­dra gio­va­ne ma pe­ri­co­lo­sa: "L'ho vi­sta all'ope­ra nel­la par­ti­ta vin­ta con­tro la Ju­ve Sta­bia, guai a sot­to­va­lu­tar­la. E' una for­ma­zio­ne sba­raz­zi­na che ha la stes­sa cul­tu­ra di quel­la del­lo scor­so an­no e cor­re tan­to. Noi dob­bia­mo ri­pe­te­re la par­ti­ta di An­dria e cer- ca­re di vin­ce­re an­co­ra, an­che se sap­pia­mo che ogni ga­ra fa sto­ria a sé. In ca­sa no­stra si fe­steg­gia ve­lo­ce­men­te, Au­te­ri è un au­ten­ti­co mar­tel­lo, si pen­sa già al Mel­fi. Cre­do sia il mo­do mi­glio­re per co­glie­re ri­sul­ta­ti im­por­tan­ti: sta­re sem­pre sul pez­zo e non mol­la­re mai".

Sal­va­to­re Di Som­ma, 67 an­ni, ds del Be­ne­ven­to

«Che emo­zio­ne per il bli­tz a Mel­fi Au­te­ri sen­te mol­to que­sta av­ven­tu­ra Il grup­po è uni­to»

MO­SCA

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.