SER­VE L’ITA­LIA DEI MON­DIA­LI

Ot­ta­vi: og­gi sfi­da de­ci­si­va con la Croa­zia Del Co­re: «Gio­chia­mo con grin­ta e cuo­re»

Corriere dello Sport (Lombardia) - - Pallavolo - Di Lean­dro De Sanc­tis

Inu­ti­le ne­gar­lo, la le­zio­ne im­par­ti­ta dall’Olan­da al­le az­zur­re è sta­ta una sgra­di­ta e inat­te­sa doc­cia ghiac­cia­ta per tut­ti. L’Olan­da ha gio­ca­to una par­ti­ta con i fioc­chi, ma re­sta il dub­bio che l’Ita­lia ci ab­bia mes­so del suo, in­ter­pre­tan­do il ruo­lo di pes­si­ma com­par­sa dall’esi­le ca­rat­te­re. Sa­rà che non si era più abi­tua­ti a ve­de­re una Na­zio­na­le co­sì sva­ga­ta e indecisa, in­ca­pa­ce di ca­pi­ta­liz­za­re i mo­men­ti fe­li­ci (per­chè ce ne so­no sta­ti an­che lu­ne­dì se­ra con­tro le aran­cio­ni di Gui­det­ti), di ri­par­ti­re ro­ve­scian­do sul­le av­ver­sa­rie una pres­sio­ne che in­ve­ce non han­no mai av­ver­ti­to.

Si par­la an­co­ra di una scon­fit­ta che da un la­to an­dreb­be di­men­ti­ca­ta, per­chè l’Eu­ro­peo del­le ra­gaz­ze di Bo­nit­ta co­min­cia og­gi, con la spe­ran­za che non sia bre­ve, ma dall’al­tro te­nu­ta be­ne a men­te per met­te­re a frut­to la le­zio­ne e non ri­pe­te­re gli stes­si er­ro­ri, il me­de­si­mo at­teg­gia­men­to, cer­te in­sop­por­ta­bi­li in­cer­tez­ze.

Chi ri­cor­da la ca­val­ca­ta del Mon­dia­le ca­sa­lin­go dell’an­no scor­so, si chie­de do­ve sia fi­ni­to lo spi­ri­to in­do­mi­to e bat­ta­glie­ro che ani­ma­va l’Ital­don­ne. For­se la me­mo­ria tra­di­sce, ma cer­ti pal­lo­ni co­me quel­lo ca­du­to nel cam­po az­zur­ro, ad esem­pio nel fi­na­le di par­ti­ta (del­la ca­te­go­ria « Lo pren­di tu? E’ zo­na tua! Spe­ro lo pren­da lei...») l’Ita­lia mon­dia­le non se li fa­ce­va in­fil­za­re. Quan­do man- ca tut­to, quan­do an­che le atle­te d’espe­rien­za e di ta­len­to tec­ni­co non rie­sco­no ad espri­mer­si, può si­gni­fi­ca­re che si è spez­za­to qual­co­sa, che il col­lan­te che tie­ne uni­ta e fa gran­de una squa­dra, si è sciol­to in­cri­nan­do vo­lon­tà e cer­tez­ze. Una co­sa è cer­ta, l’iden­ti­tà smar­ri­ta va ri­tro­va­ta in fret­ta, per­chè la Croa­zia sem­bra squa­dra fat­ta ap­po­sta per far di­ven­ta­re vo­ra­gi­ne una bu­ca, se l’Ita­lia avrà la sven­tu­ra di in­ciam­pa­re, di ali­men­ta­re le sue fra­gi­li­tà.

Per que­sto il ca­pi­ta­no, An­to­nel­la Del Co­re, ha par­la­to chia­ro, dan­do la ca­ri­ca, o la sve­glia, al­la squa­dra: «Do­po la par­ti­ta con l’Olan­da il ri­sve­glio non è sta­to dei mi­glio­ri, man­dar giù una scon­fit­ta co­sì non è fa­ci­le. Ades­so, pe­rò, non ab­bia­mo scel­ta e bi­so­gna ri­par­ti­re da quel­lo che di po­si­ti­vo c’è sta­to nel­le al­tre par­ti­te. Sap­pia­mo che la Croa­zia è un av­ver­sa­ria di buon li­vel­lo e do­vre­mo af­fron­tar­la con la mas­si­ma con­cen­tra­zio­ne fin dall’ini­zio. Sa­rà im­por­tan­te par­la­re tra di noi per ca­ri­car­ci a vi­cen­da e tro­va­re la giu­sta forza. E’ una di quel­le ga­re in cui non puoi fa­re cal­co­li, ma de­vi da­re tut­to. E quan­do di­co tut­to, in­ten­do pri­ma di ogni co­sa il cuo­re e la grin­ta. Si può an­che fa­ti­ca­re dal pun­to di vi­sta tec­ni­co e tat­ti­co, ma non si de­ve mai mol­la­re. Que­sto è il no­stro mar­chio di fab­bri­ca e de­ve ve­nir fuo­ri an­co­ra una vol­ta, per­ché sia­mo un grup­po che ha tut­te le qua­li­tà per fa­re be­ne. Ma­ga­ri la scon­fit­ta con­tro l’Olan­da ci por­te­rà for­tu­na co­me ca­pi­ta­to agli Sta­ti Uni­ti du­ran­te il Mon­dia­le. Per­se­ro 3-0 con noi e poi vin­se­ro il ti­to­lo, spe­ria­mo di com­pie­re la stes­sa im­pre­sa».

An­che il ct Mar­co Bo­nit­ta spe­ra e vuo­le vol­ta­re pa­gi­na: «Ora dob­bia­mo ti­ra­re fuo­ri gli at­tri­bu­ti, è il mo­men­to giu­sto. La Croa­zia è squa­dra in cre­sci­ta. Dob­bia­mo met­te­re in cam­po qual­co­sa in più, com­bat­te­re fin da su­bi­to e non quan­do sia­mo con l’ac­qua al­la go­la. Cre­do che si ve­drà un’al­tra Ita­lia»

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.