MISS ITA­LIA «Ci­ne­ma e ba­sket il gio­co con­ti­nua»

Ali­ce Sa­ba­ti­ni è ve­nu­ta a far­ci vi­si­ta e a rac­con­tar­si in re­da­zio­ne: «Par­ti­te e sfi­la­te, l’adre­na­li­na è la stes­sa»

Corriere dello Sport (Lombardia) - - Speciale - RO­MA g.d’u.

- Qual­che gior­no fa le è cam­bia­ta la vi­ta. Da atle­ta a Miss Ita­lia il pas­so è lun­go, ma con le gam­be che si ri­tro­va può far­lo fa­cil­men­te. Ali­ce Sa­ba­ti­ni è riu­sci­ta a non la­sciar­si tra­vol­ge­re, vi­ve la nuo­va di­men­sio­ne in mo­do lie­ve, con pro­fes­sio­na­li­tà ed en­tu­sia­smo, ma sen­za far­si il­lu­sio­ni. Ci è ve­nu­ta a tro­va­re in re­da­zio­ne con tan­to di fa­scia e co­ro­na, ma se l’è tol­te vo­len­tie­ri quan­do si è trat­ta­to di... an­da­re a ca­ne­stro. La sua è una bel­la sto­ria. Com­pi­rà di­cian­no­ve an­ni il 12 ot­to­bre, af­fron­ta la vi­ta con il sor­ri­so, in li­nea con la sua età. Ha vo­glia di rac­con­tar­si, di da­re ri­sal­to al­la sua car­rie­ra di gio­ca­tri­ce di ba­sket.

LE ORI­GI­NI. « Ho co­min­cia­to mol­to pre­sto, nel­le gio­va­ni­li del mio pae­se, a Mon­tal­to di Ca­stro. Mi han­no fat­to gio­ca­re su­bi­to pi­vot per­chè quan­do ero più pic­co­la ero la più al­ta. Poi pas­san­do in pri­ma squa­dra non lo ero più, ma mi so­no sem­pre fat­ta ri­spet­ta­re sot­to ca­ne­stro. Ho scel­to la ma­glia nu­me­ro 12, il gior­no del mio com­plean­no. Il ba­sket è sem­pre sta­ta la mia pas­sio­ne sin da pic­co­la, ma ho fat­to an­che un po’ di dan­za spor­ti­va, an­ni fa».

Gli im­pe­gni da Miss la por­te­ran­no in gi­ro per l’Ita­lia, l’agen­da è già fit­ta di ap­pun­ta­men­ti, ma non vuo­le la­scia­re com­ple­ta­men­te il ba­sket: «So­no tes­se­ra­ta per il San­ta Ma­ri­nel­la. Nel­la pas­sa­ta sta­gio­ne ab­bia­mo par­te­ci­pa­to al cam­pio­na­to di A2, que­st’an­no in man­can­za di fon­di la so­cie­tà è do­vu­ta ri­par­ti­re dal­la B. In A2 era­no po­che le atle­te che pren­de­va­no i sol­di, ma al­la fi­ne era­no fi­ni­ti e non han­no nep­pu­re pa­ga­to gli ul­ti­mi sti­pen­di. Io ho sem­pre gio­ca­to gra­tis. Nep­pu­re i rim­bor­si spe­se. Mia ma­dre mi ha ac-

Con fa­scia e co­ro­na ac­can­to al­la Lu­pa ca­pi­to­li­na nel­la hall del Cor­rie­re del­lo Sport-Stadio

... e men­tre sfo­glia il no­stro gior­na­le

le al­tre con­cor­ren­ti, le al­tre no. Mia ma­dre mi ha sem­pre da­to mol­to con­si­gli, con me è mol­to esi­gen­te, mi aiu­ta a cu­ra­re an­che i par­ti­co­la­ri. So­mi­glio mol­to a mio pa­dre, men­tre gli oc­chi so­no di mia ma­dre. Lei di­ce che ho an­che la te­sta coc­ciu­ta di mio pa­dre e vor­reb­be cam­biar­me­la... A Je­so­lo è ve­nu­ta tut­ta la mia fa­mi­glia al­la fi­na­le. Ge­ni­to­ri, non­na, bi­snon­na e zii. La bi­snon­na si è pu­re com­mos­sa, non l’ave­vo mai vi­sta pian­ge­re».

NES­SU­NA CO­ME LEI. Una bel­lez­za straor­di­na­ria. «Si è ag­giu­di­ca­ta cin­que fa­sce, non era mai suc­ces­so nel­la sto­ria

Ali­ce Sa­ba­ti­ni, 18 an­ni, mo­stra la pro­pria de­strez­za con il pal­lo­ne da pal­la­ca­ne­stro LA­ZIA­LI Ali­ce Sa­ba­ti­ni è la de­ci­ma Miss Ita­lia del La­zio. L’ul­ti­ma era sta­ta l’at­tua­le gior­na­li­sta di SkyS­port, Ta­nia Zam­pa­ro. del­la ma­ni­fe­sta­zio­ne», con­fi­da Marcello Cam­bi, sto­ri­co uf­fi­cio stam­pa del­le Miss. «Una fa­scia poi l’ho ce­du­ta al­la miss del­la To­sca­na, in­sie­me an­dre­mo tra qual­che gior­no a un pre­mio», rac­con­ta Ali­ce. La fa­scia di Miss Ci­ne­ma pre­ve­de an­che una par­te in un film pro­dot­to da Mas­si­mo Fer­re­ro, il pre­si­den­te del­la Samp­do­ria, che era pre­sen­te al­la fi­na­le: « E’ sta­to mol­to sim­pa­ti­co, in­co­rag­gia­va tut­te, man­da­va ba­ci a tut­te le miss. Un per­so­nag­gio di­ver­ten­te».

Un pri­mo pas­so nel mon­do del­lo spet­ta­co­lo, cer­can­do di ca­pi­re se po­trà es­se­re la sua pro­fes­sio­ne: «Sì, avrò

una pic­co­la par­te in un film, poi fa­rò un cor­so di re­ci­ta­zio­ne, che è uno dei pre­mi che ho vin­to. Il mio mo­del­lo è Mi­riam Leo­ne, una Miss di qual­che an­no fa (2008; ndr) che sta aven­do suc­ces­so. So­no or­go­glio­sa di es­se­re la pri­ma Miss pro­ve­nien­te dal La­zio do­po tan­ti an­ni. E an­che una del­le po­che con i ca­pel­li cor­ti ad aver vin­to il ti­to­lo. Li ho sem­pre por­ta­ti co­sì, sin da bam­bi­na. Non mi piac­cio­no lun­ghi. E poi gio­can­do a ba­sket so­no mol­to più co­mo­di».

Il cal­cio non le in­te­res­sa, al­me­no per ora: « Non ho mai mes­so pie­de in uno stadio. Nes­su­no a ca­sa mia ha una pas­sio­ne ve­ra per il pal­lo­ne. So­lo mio non­no è la­zia­le, ma nean­che tan­to. Voi chi mi con­si­glia­te di ti­fa­re? Di cal­cia­to­ri co­no­sco in­di­ret­ta­men­te so­lo Blan­chard, che gio­ca nel Fro­si­no­ne e ha fat­to gol re­cen­te­men­te al­la Ju­ve, ma so­lo per­chè so­no ami­ca del fra­tel­lo. Il ba­sket lo se­guo in­ve­ce e fac­cio il ti­fo per la Vir­tus Ro­ma, ma pro­vo sim­pa­tia an­che per la squa­dra di Mia­mi. So­no ami­ca di un ra­gaz­zo che gio­ca nel­la Vir­tus. Mi han­no in­vi­ta­to a una par­ti­ta al pa­laz­zet­to, ci an­drò. Il mio mi­to è Mi­chael Jor­dan,

il più gran­de gio­ca­to­re del­la sto­ria del ba­sket. Ho un ta­tuag­gio sull’an­ca con il suo sim­bo­lo, che si può ve­de­re so­lo quan­do so­no in co­stu­me».

Lei e il ba­sket «E’ la mia pas­sio­ne sin da quand’ero pic­co­la. Avrò po­co tem­po, ma non vo­glio la­sciar­lo»

Lei e il ci­ne­ma «Avrò una par­te in un film, se­gui­rò un cor­so di re­ci­ta­zio­ne Il mio mo­del­lo è Mi­riam Leo­ne»

Lei e Miss Ita­lia «All’in­co­ro­na­zio­ne mi tre­ma­va­no le gam­be. Non ave­vo mai vi­sto pian­ge­re la mia bi­snon­na»

QUEL­LA BAT­TU­TA. E’ sta­ta mol­to cri­ti­ca­ta per una bat­tu­ta sul­la guer­ra, po­chi istan­ti do­po l’in­co­ro­na­zio­ne a Miss Ita­lia. « Non vo­glio tor­nar­ci su, quel­la fra­se è sta­ta stru­men­ta­liz­za­ta. Mi di­spia­ce di es­se­re sta­ta at­tac­ca­ta sen­za ave­re la pos­si­bi­li­tà di di­fen­der­mi e spes­so chi mi ha cri­ti­ca­to lo ha fat­to na­scon­den­do­si die­tro l’ano­ni­ma­to. Clau­dio Amen­do­la è sta­to mol­to sim­pa­ti­co, an­che se la sua do­man­da mi ha col­to di sor­pre­sa. Ma mi sem­bra­va di co­no­scer­lo da una vi­ta».

Vo­glia di ca­sa, del­la cu­ci­na di mam­ma e non­na: «Que­sta vi­si­ta da voi la col­le­go al­la pri­ma vol­ta che tor­no a Mon­tal­to do­po un me­se. I miei han­no un ri­sto­ran­te nel par­co di Vul­ci, cu­ci­na ca­sa­lin­ga, piat­ti ma­rem­ma­ni. Non so an­co­ra co­sa mi avran­no pre­pa­ra­to. Per sa­ba­to a Mon­tal­to han­no pre­pa­ra­to una fe­sta in mio ono­re. Sie­te tut­ti in­vi­ta­ti!»

Lei e il cal­cio «Ho co­no­sciu­to Fer­re­ro: sim­pa­ti­co Ma ti­fo sol­tan­to per il ba­sket: Mia­mi e Vir­tus Ro­ma»

BARTOLETTI

BARTOLETTI

BARTOLETTI

BARTOLETTI

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.