«Vo­glio lo scu­det­to e an­che Ba­lo­tel­li»

«Quat­tro pun­ti dall’In­ter e 12 par­ti­te ab­bia­mo il do­ve­re di cre­der­ci Ma­rio è un ra­gaz­zo sim­pa­ti­cis­si­mo e io spe­ro di ve­der­lo in ros­so­ne­ro»

Corriere dello Sport (Nazionale) - - Calcio - di Pie­tro Gua­da­gno

MI­LA­NO - Ora di pran­zo, “Yel­low Bar” di via Mer­ca­to, a due pas­si dal Ca­stel­lo Sfor­ze­sco e a uno dall’ap­par­ta­men­to di Mar­co Bor­riel­lo, pun­tua­le no­no­stan­te sia rien­tra­to a not­te fon­da dall’ami­che­vo­le del­la Na­zio­na­le con il Ca­me­run. Ad ac­com­pa­gnar­lo c’è il fra­tel­lo Pier­gior­gio, che era in tri­bu­na al­lo sta­dio Luis II di Mon­te­car­lo per as­si­ste­re al ri­tor­no in az­zur­ro di Mar­co. Nel lo­ca­le, ca­sual­men­te, c’è an­che Wal­ter Zen­ga, eso­ne­ra­to dal Pa­ler­mo lo scor­so no­vem­bre e in at­te­sa di tor­na­re in pan­chi­na (ha già fir­ma­to con la squa­dra ara­ba dell’Al Na­sr che rag­giun­ge­rà a lu­glio). Bor­riel­lo e Zen­ga si sa­lu­ta­no con gran­de cor­dia­li­tà, si scam­bia­no com­pli­men­ti e au­gu­ri per il fu­tu­ro. Già il fu­tu­ro. In que­sto mo­men­to, per il cen­tra­van­ti ros­so­ne­ro non sem­bra ave­re li­mi­ti, né con il Mi­lan né con la Na­zio­na­le. Me­ri­to di una con­di­zio­ne fi­si­ca straor­di­na­ria e di una de­di­zio­ne to­ta­le al­la cau­sa ros­so­ne­ra. E poi c’è quel Ro­nal­di­n­ho, che re­ga­la as­si­st in cam­po e ami­ci­zia fuo­ri e che, se­con­do Bor­riel­lo, è ad­di­rit­tu­ra me­glio di Ka­kà. Men­tre sul­lo sfon­do ap­pa­re a sor­pre­sa Ma­rio Ba­lo­tel­li: al­tro che an­ti­pa­ti­co, Mar­co lo vor­reb­be ad­di­rit­tu­ra co­me com­pa­gno di squa­dra… Al­lo­ra, com’è an­da­ta a Mon­te­car­lo?

«Bel­lis­si­ma sod­di­sfa­zio­ne per me. Se pen­so a do­ve mi tro­va­vo un an­no fa, sdra­ia­to sul di­va­no, col tu­to­re al­la gam­ba, e a quel­lo che so­no riu­sci­to a fa­re in que­sti me­si, non pos­so che es­se­re fie­ro e or­go­glio­so del­la for­za che ho avu­to». E in cam­po? «Era una squa­dra spe­ri­men­ta­le, man­ca­va­no di­ver­si ti­to­la­ri, ma, te­nu­to con­to che han­no gio­ca­to tut­ti i nuo­vi, è an­da­ta ab­ba­stan­za be­ne». Co­sa le ha det­to Lip­pi, do­po la par­ti­ta? «Ci sia­mo so­lo sa­lu­ta­ti. Cer­ta­men­te es­se­re en­tra­to nei suoi pen­sie­ri è una co­sa im­por­tan­te, non mi re­sta che con­ti­nua­re a met­ter­lo in dif­fi­col­tà an­che in vi­sta di mag­gio. So che ha det­to di aver no­ta­to il mio en­tu­sia­smo in al­le­na­men­to». Sa­reb­be pron­to a scom­met­te­re sul­la sua con­vo­ca­zio­ne ai Mon­dia­li, co­me ha fat­to Ba­lo­tel­li?

«Non mi pia­ce scom­met­te­re, ma ga­ran­ti­sco che nei pros­si­mi 3 me­si da­rò l’ani­ma. In­nan­zi­tut­to per fa­re be­ne con il Mi- lan e, poi, di con­se­guen­za per an­da­re in Su­da­fri­ca: per me, sa­reb­be la rea­liz­za­zio­ne di un so­gno. Ho in ma­no una pos­si­bi­li­tà, che mi è sta­ta con­ces­sa gra­zie al mio im­pe­gno, e toc­ca a me sa­per­la co­glie­re. Ora ba­sta, pe­rò, par­la­re di Na­zio­na­le. Ab­bia­mo una ga­ra im­por­tan­tis­si­ma».

Già, la Ro­ma. Ma all’Olim­pi­co c’è in pa­lio so­lo il se­con­do po­sto o qual­co­sa di più?

«E’ uno scon­tro di­ret­to e sa­rà fon­da­men­ta­le non per­der­lo. La Ro­ma è una gran­de squa­dra e, dal­la sua, avrà pu­re la spin­ta del pub­bli­co. Noi, pe­rò, ab­bia­mo di­mo­stra­to, pro­prio in tra­sfer­ta e ne­gli ap­pun­ta­men­ti più im­por­tan­ti, ve­di Madrid, To­ri­no e Fi­ren­ze, di sa­per­ci esal­ta­re».

In que­sto mo­men­to fir­me­reb­be per il se­con­do po­sto?

«Con 4 pun­ti da re­cu­pe­ra­re e 12 par­ti­te da gio­ca­re non è pro­prio il ca­so. E’ una que­stio­ne di ri­spet­to per i ti­fo­si, per la so­cie­tà, ma an­che per noi stes­si. Al­lo scu- det­to cre­dia­mo e ci pro­ve­re­mo fi­no al­la fi­ne». Cos’ha in più l’In­ter ri­spet­to al Mi­lan? «Fi­no­ra ha sfrut­ta­to ogni op­por­tu­ni­tà. Mi ri­fe­ri­sco a quel­le ga­re che sem­bra­no ab­bor­da­bi­li e che poi na­scon­do­no del­le in­si­die. Ec­co, i ne­raz­zur­ri non le han­no mai sba­glia­te. An­che a Udi­ne, no­no­stan­te la sof­fe­ren­za, so­no riu­sci­ti a por­ta­re a ca­sa la vit­to­ria. A noi, in­ve­ce, è ca­pi­ta­to di per­de­re qual­che col­po, co­me con il Li­vor­no o il Bo­lo­gna (due pa­reg­gi, ndr). Ades­so, pe­rò, ab­bia­mo im­pa­ra­to la le­zio­ne».

Tor­nan­do al­la Ro­ma, è ve­ro che ne­gli ul­ti­mi an­ni è an­da­to vi­ci­no a ve­sti­re il giallorosso?

«Nel­le ul­ti­me 2 o 3 esta­ti ef­fet­ti­va­men­te se n’è par­la­to, ci so­no sta­ti al­cu­ni con­tat­ti, ma al­la fi­ne non se n’è fat­to nul­la. Il mio so­gno, co­mun­que, è sem­pre sta­to quel­lo di gio­ca­re nel Mi­lan. Ci sto riu­scen­do, ma il mio per­cor­so non è an­co­ra con­clu­so».

Si ve­dreb­be con una ma­glia di­ver­sa?

«No, ades­so no. Mi ve­do so­lo con quel­la del Mi­lan. La gen­te, la so­cie­tà, i miei com­pa­gni mi stan­no fa­cen­do sen­ti­re im­por­tan­te. E’ qual­co­sa che ho con­qui­sta­to con le mie for­ze e me lo vo­glio te­ne­re stret­to». An­dreb­be a San Si­ro per ve­de­re una ga­ra dell’In­ter, co­me Ba­lo­tel­li ha fat­to con il Mi­lan?

«Per­ché no? Ma­ga­ri non an­drei a ve­de­re un In­ter-No­va­ra (la pri­ma vol­ta di Su­pe­rma­rio è sta­to pro­prio un mat­ch di cop­pa Ita­lia tra Mi­lan e No­va­ra, ndr), ma non ci sa­reb­be nul­la di ma­le ad as­si­ste­re a una bel­la sfi­da di Cham­pions, con­tro Bar­cel­lo­na o Chel­sea».

Ba­lo­tel­li è co­sì an­ti­pa­ti­co co­me so­stie­ne qual­cu­no?

«Mac­ché, lui è sim­pa­ti­cis­si­mo. Lo co­no­sco ed è un ra­gaz­zo di cuo­re. Ogni tan­to ci sen­tia­mo pu­re al te­le­fo­no, o ci scam­bia­mo qual­che mes­sag­gio spi­ri­to­so».

Ave­te mai par­la­to dei suoi tra­scor­si da ti­fo­so mi­la­ni­sta?

«No, ma la mia spe­ran­za è che ven­ga al Mi­lan». Se non è Ma­rio, chi è per lei l’av­ver­sa­rio più an­ti­pa­ti­co?

«Ce ne so­no di­ver­si, ma non è il ca­so di fa­re no­mi». E l’al­le­na­to­re? «All’ap­pa­ren­za può sem­bra­re Mou­ri­n­ho, poi, in real­tà, le per­so­ne bi­so­gna co­no­scer­le. I suoi at­teg­gia­men­ti pos­so­no non pia­ce­re, ma si trat­ta di un mo­do per di­fen­de­re la sua squa­dra. Cer­to, a vol­te esa­ge­ra un po’». Le pia­ce­reb­be es­se­re al­le­na­to da lui? «Io so­no con­ten­to di es­se­re al­le­na­to da Leo­nar­do».

Ha det­to di sen­tir­si mol­to for­tu­na­to perchè gio­ca as­sie­me a Ro­nal­di­n­ho e Pa- to, ma pro­ba­bil­men­te an­che a lo­ro è an­da­ta be­ne ave­re un cen­tra­van­ti co­me lei.

«Il no­stro è un ter­zet­to che si com­ple­ta be­ne. Pa­to è ra­pi­do e dà pro­fon­di­tà, io ten­go pal­la e Ron­nie fa gli as­si­st per tut­ti e due».

Al­lo­ra gli sfor­tu­na­ti so­no In­za­ghi e Hun­te­laar.

«Non è que­stio­ne di sfor­tu­na, ma, sem­pli­ce­men­te, del fat­to che pu­re nel cal­cio la ruo­ta gi­ra. Al­tri­men­ti ero io quel­lo sfor­tu­na­to, quan­do An­ce­lot­ti pre­fe­ri­va In­za­ghi. Ep­pu­re ero lo stes­so gio­ca­to­re di ades­so, ma ve­ni­vo sem­pre e co­mun­que die­tro agli al­tri. Per ca­ri­tà, al­la fi­ne, ha avu­to ra­gio­ne lui, vi­sto che il Mi­lan ha vin­to tan­ti tro­fei e Pip­po ha fat­to tan­ti gol. Ades­so, pe­rò, è il mio mo­men­to e Leo­nar­do mi sta dan­do fi­du­cia». A pro­po­si­to di at­tac­can­ti, co­sa ne pen­sa di Dze­ko? Al Mi­lan pia­ce pa­rec­chio.

«Fi­no a quan­do non lo me lo ri­tro­vo a Mi­la­nel­lo, non ne pos­so par­la­re. Ad ogni mo­do, se la so­cie­tà an­drà sul mer­ca­to al­lo sco­po di ren­de­re an­co­ra più com­pe­ti­ti­vo il Mi­lan, io e i miei com­pa­gni non po­tre­mo che es­ser­ne fe­li­ci».

E’ più for­te que­sto Mi­lan con Ro­nal­di­n­ho o quel­lo de­gli ul­ti­mi an­ni con Ka­kà?

«Io scel­go sem­pre e co­mun­que Ro­nal­di­n­ho. Al di là de­gli as­si­st, gli vo­glio be­ne co­me per­so­na e per me è co­me un fra­tel­lo. Ba­sta guar­dar­lo ne­gli oc­chi per com­pren­de­re che ha una sen­si­bi­li­tà fuo­ri dal co­mu­ne. Non lo cam­bie­rei con nes­sun al­tro gio­ca­to­re al mon­do».

Con­tro il Man­che­ster ri­schia di non es­ser­ci Pa­to, ma ri­spet­to all’an­da­ta il Mi­lan avrà un Bor­riel­lo in più.

«Non sa­rà una man­can­za di po­co con­to. Pa­to era ca­ri­co e sta­va se­gnan­do con gran­de re­go­la­ri­tà. Ma ab­bia­mo il do­ve­re di cre­der­ci. An­zi, io di­co che, se all’Old Traf­ford si ve­drà un Mi­lan con la men­ta­li­tà di Madrid, al­lo­ra sa­re­mo noi a qua­li­fi­car­ci».

Roo­ney è il mi­glior at­tac­can­te del mon­do?

«Da­van­ti a tut­ti ci so­no lui, Drog­ba e Mi­li­to. Ma for­se Roo­ney è il più com­ple­to». Qual è il suo so­gno in que­sto mo­men­to? «Ne ho due. Il pri­mo è vin­ce­re qual­co­sa di im­por­tan­te con il Mi­lan, per il se­con­do ne ri­par­lia­mo a mag­gio…».

Mar­co Bor­riel­lo, 28 an­ni non an­co­ra com­piu­ti, ha se­gna­to 9 gol in que­sto cam­pio­na­to

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.