Reggina sal­va con 18 pun­ti

In co­da rit­mo più al­to: bi­so­gne­rà ar­ri­va­re a quo­ta 50

Corriere dello Sport (Nazionale) - - Calcio - di Et­to­re In­tor­cia

RO­MA - Asco­li, Gal­li­po­li, Trie­sti­na, Reggina, Pia­cen­za, Man­to­va e Padova: set­te squa­dre in cin­que pun­ti, e mol­to più in là la Sa­ler­ni­ta­na, l’uni­ca og­gi ad es­se­re real­men­te stac­ca­ta dal grup­po­ne, a -7 dal­la ri­va­le più vi­ci­na (Padova) e con 9 pun­ti da re­cu­pe­ra­re sul­la quar­tul­ti­ma (Pia­cen­za) per gio­car­si tut­to ai play out. Una vo­la­ta sal­vez­za mai vi­sta: per il bla­so­ne del­le pro­ta­go­ni­ste, su tut­te la Reggina, par­ti­ta per stra­vin­ce­re il cam­pio­na­to, per i mar­gi­ni di di­stac­co par­ti­co­lar­men­te esi­gui e, par­ti­co­la­re di non po­co con­to, per il rit­mo che il grup­po­ne di co­da sta man­te­nen­do. Con­se­guen­za pra­ti­ca: per re­sta­re in B, a quin­di­ci gior­na­te dal­la fi­ne, ci sa­rà da con­qui­sta­re an­co­ra un bel bot­ti­no di pun­ti, di­cia­mo da un mi­ni­mo di 16-17 (per Asco­li e Gal­li­po­li) fi­no a 20 (dal Pia­cen­za in giù). Te­nen­do con­to che l’at­tua­le rit­mo la­scia ipo­tiz­za­re una quo­ta sal­vez­za (di­ret­ta) più al­ta del­la me­dia, cioè 50 pun­ti.

ME­DIA - Con l’at­tua­le for­mat a 22 squa­dre, in­tro­dot­to nel 2004-05, in me­dia la quo­ta sal­vez­za è sta­ta di 49 pun­ti, quel­la play out, cioè il mi­ni­mo per non re­tro­ce­de­re di­ret­ta­men­te, di 47. Tut­to que­sto met­ten­do fra pa­ren­te­si la sta­gio­ne 2007-2008. Per­ché? Pri­mo: fi­no­ra è sta­to l’uni­co cam­pio­na­to sen­za l’ap­pen­di­ce de­gli spa­reg­gi sal­vez­za, dal mo­men­to che fra il Tre­vi­so (18°) e l’Avellino (19°) c’era un di­stac­co su­pe­rio­re ai 4 pun­ti. Se­con­do: pro­prio in vir­tù di quel di­stac­co (Tre­vi­so 45, Avellino 36), quell’an­no sa­reb­be­ro ba­sta­ti 41 pun­ti per evi­ta­re sia re­tro­ces­sio­ne di­ret­ta che play out, un va­lo­re as­so­lu­ta­men­te ati­pi­co e, dun­que, da scar­ta­re.

DO­PO 27 GA­RE - Che sia un’au­ten­ti­ca ba­gar­re lo pro­va non so­lo il nu­me­ro di squa­dre coin­vol­te e il rit­mo del grup­po­ne di co­da, ma an­che un’al­tra con­si­de­ra­zio­ne: del­le ul­ti­me ot­to squa­dre, so­lo la Sa­ler­ni­ta­na è real­men­te stac­ca­ta dal­le al­tre. Il mar­gi­ne tra play out e re­tro­ces­sio­ne è di ap­pe­na 1 pun­to, quel­lo tra sal­vez­za di­ret­ta e ter­zul­ti­mo po­sto di 3 lun­ghez­ze. Un an­no fa, in­ve­ce, do­po 27 gior­na­te, tra play out e re­tro­ces­sio­ne c’era un sol­co più net­to: Sa­ler­ni­ta­na (30) quar­tul­ti­ma con +6 su Mo­de­na e Avellino e + 7 sul Tre­vi­so, ul­ti­mo. Bi­so­gne­rà te­ne­re gli oc­chi aper­ti: sem­pre un an­no fa, al­la 27ª gior­na­ta il Pi­sa (33 pun­ti) ave­va 7 pun­ti in più di Mo­de­na e Avellino, ma ha get­ta­to tut­to al ven­to re­tro­ce­den­do e spa­ren­do dai pro­fes­sio­ni­sti.

CA­LEN­DA­RIO - Quin­di­ci ga­re da gio­ca­re, al­me­no 18 pun­ti da rac­co­glie­re al più pre­sto pos­si­bi­le per met­ter­si al si­cu­ro: al­la Reggina co­me all’Asco­li, al Gal­li­po­li co­me al Pia­cen­za, ser­vi­ran­no con­ti­nui­tà di ri­sul­ta­ti e la ca­pa­ci­tà di tro­va­re gli acu­ti giu­sti so­prat­tut­to ne­gli scon­tri di­ret­ti, an­che in pre­vi­sio­ne di even­tua­li clas­si­fi­che avul­se. Ca­len­da­rio al­la ma­no, mar­zo può es­se­re il me­se in gra­do di fa­re se­le­zio­ne nel grup­po­ne. Su cin­que ga­re, la Reggina ne gio­che­rà ben tre in ca­sa, con il dop­pio tur­no in­ter­no Mo­de­na-Lec­ce e il To­ro al­la 32ª, in tra­sfer­ta gio­che­rà lu­ne­dì lo scon­tro di­ret­to con il Pia­cen­za e poi la ga­ra con l’An­co­na. Una stri­scia in­te­res­san­te, co­me quel­la del Gal­li­po­li: do­po il Padova, dop­pio tur­no ca­sa­lin­go Bre­scia-Trie­ste tra la tra­sfer­ta di Em­po­li e il der­by con il Lec­ce. Mi­ca ma­le an­che il ca­len­da­rio dell’Asco­li: do­po la Sa­ler­ni­ta­na, ospi­te­rà Sas­suo­lo e To­ri­no e fa­rà vi­si­ta ad Al­bi­nolef­fe ed Em­po­li. Vie­ta­to distrarsi, va­le per tut­ti.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.