Re­ja non sba­glia la pri­ma in ca­sa

La La­zio ci con­ta: ne­gli ul­ti­mi 10 esor­di so­lo un ko

Corriere dello Sport (Nazionale) - - Calcio - di Et­to­re In­tor­cia

RO­MA - Nel cal­cio c’è da una vi­ta, è il ve­te­ra­no de­gli al­le­na­to­ri del­la Se­rie A e nel suo gi­ro­va­ga­re su e giù per lo Sti­va­le, da una pan­chi­na all’al­tra, Edy Re­ja ha im­pa­ra­to tan­to, se non tut­to. Ha im­pa­ra­to, per esem­pio, che la con­cre­tez­za dei ri­sul­ta­ti pa­ga sem­pre, e che le cri­ti­che este­ti­che la­scia­no il tem­po che tro­va­no. E ha im­pa­ra­to, ba­dan­do sem­pre a met­te­re in pra­ti­ca que­sto pre­cet­to, che la pri­ma usci­ta in ca­sa, da­van­ti ai pro­pri ti­fo­si, pro­prio non va sba­glia­ta. E’ co­me un pri­mo ap­pun­ta­men­to o un col­lo­quio di la­vo­ro: è la pri­ma im­pres­sio­ne quel­la che con­ta, top­pa­re all’ini­zio vuol di­re do­ver su­da­re per met­ter­ci una pez­za e re­cu­pe­ra­re pun­ti. Mai stec­ca­re la pri­ma in ca­sa: Re­ja lo sa e so­prat­tut­to sa co­me si fa. Ed è an­che su que­sto con­for­to sta­ti­sti­co che la La­zio con­ta per bat­te­re do­me­ni­ca il Bo­lo­gna e can­cel­la­re su­bi­to, sen­za in­du­gi, quel 2-0 di Ma­ras­si con la Samp che bru­cia an­co­ra. E tan­to. I NU­ME­RI DI EDY - Re­ja sa co­me si fa a non stec­ca­re al­la pri­ma usci­ta ca­sa­lin­ga. Lo di­co­no i nu­me­ri: ne­gli ul­ti­mi die­ci debutti in­ter­ni, spal­ma­ti nel­le ul­ti­me no­ve sta­gio­ni (quel­la 2009-10 va­le dop­pio, per via dell’Ha­j­duk), il tec­ni­co di Go­ri­zia ha ot­te­nu­to ben sei vit­to­rie e tre pa­reg­gi. Uno sco­re an­co­ra più si­gni­fi­ca­ti­vo se si tie­ne con­tro che i tre se­gni “X” so- no ma­tu­ra­ti sem­pre con squa­dre ere­di­ta­te in cor­sa, cioè Ge­noa, Ca­glia­ri e, ap­pun­to, la La­zio di un an­no fa, quel­la che pa­reg­giò 1-1 con la Fio­ren­ti­na all’Olim­pi­co do­po due ga­re di fi­la in tra­sfer­ta, a Par­ma (con bli­tz all’esor­dio as­so­lu­to in bian­co­ce­le­ste) e Pa­ler­mo (pri­mo ko). L’UNI­CA “STEC­CA” - L’ul­ti­ma vol­ta che Re­ja ha per­so al de­but­to ca­sa­lin­go è sta­to tre an­ni fa, con­tro il Ca­glia­ri: lui al­le­na­va il Na­po­li e a pu­nir­lo al San Pao­lo, in quel mi­ci­dia­le uno-due in av­vio di ri­pre­sa, fu an­che un cer­to Pa­squa­le Foggia che og­gi, in­ve­ce, rap­pre­sen­ta per il tec­ni­co bian­co­ce­le­ste una del­le al­ter­na­ti­ve con cui gio­ca­re a ri­bal­ta­re il trian­go­lo of­fen­si­vo, due fantasisti e una pun­ta o il con­tra­rio, se non ad­di­rit­tu­ra il tri­den­te. Be­ne, quel Na­po­li-Ca­glia­ri 02 non so­lo è l’uni­co pas­so falso nel­le ul­ti­me die­ci pri­me usci­te ca­sa­lin­ghe di Edy ma rap­pre­sen­ta an­che l’ul­ti­mo ko in­cas­sa­to al­la pri­ma gior­na­ta di cam­pio­na­to, aven­do Re­ja pa­reg­gia­to l’an­no do­po con la Ro­ma (1-1) per poi ar­ri­va­re sul­le pan­chi­ne di Ha­j­duk e La­zio a sta­gio­ne già co­min­cia­ta. Do­po quel­lo stop, in set­ti­ma­na riu­scì a mo­ti­va­re a tal pun­to i suoi ra­gaz­zi che il Na­po­li ti­rò fuo­ri un paz­ze­sco 50 a Udi­ne tut­to rab­bia e or­go­glio. E chi co­no­sce be­ne Re­ja sa che nel­lo spo­glia­to­io del­la La­zio avrà usa­to e use­rà an­co­ra in que­sta set­ti­ma­na le stes­se pa­ro­le, gli stes­si to­ni, per re­cu­pe­ra­re su­bi­to i pun­ti per­du­ti. Re­stan­do in te­ma di buo­ni au­spi­ci, l’ul- ti­ma sta­gio­ne co­min­cia­ta con un ko al­la pri­ma gior­na­ta è an­che la mi­glio­re di Re­ja in A, con­clu­sa con un ot­ta­vo po­sto, la qua­li­fi­ca­zio­ne all’In­ter­to­to e il so­gno eu­ro­peo ap­pe­na ac­ca­rez­za­to. Quel so­gno eu­ro­peo che il tec­ni­co di Go­ri­zia vuo­le ri­vi­ve­re og­gi, con la La­zio, la sua pri­ma, ve­ra La­zio. EF­FET­TO HER­NA­NES - Can­cel­la­re Ma­ras­si, muo­ve­re la clas­si­fi­ca, co­min­cia­re la rin­cor­sa ver­so obiet­ti­vi che for­se nes­su­no pro­nun­cia ma che tut­ti so­gna­no. Bat­te­re il Bo­lo­gna all’Olim­pi­co è pe­rò so­lo la pri­ma par­te del­la mis­sio­ne. Per­ché Re­ja ha im­pa­ra­to che la con­cre­tez­za dei ri­sul­ta­ti pa­ga sem­pre, cer­to, ma che il mec­ca­ni­smo fi­la via più li­scio se ac­can­to al­le co­se che con­ta­no - i gol, da fa­re e da non pren­de­re - ci si met­te an­che qual­co­sa che sia ap­pa­gan­te per gli oc­chi. Ed è esat­ta­men­te que­sto che si chie­de al­la La­zio: la gen­te bian­co­ce­le­ste ha fret­ta di ve­der can­cel­la­to lo ze­ro in clas­si­fi­ca ma è an­che in­go­lo­si­ta, e tan­to, dal­la chan­ce di ve­de­re per la pri­ma vol­ta all’Olim­pi­co, in una ga­ra ve­ra, il bra­si­lia­no Her­na­nes. Il Pro­fe­ta è il col­po dell’esta­te, ha già rot­to il ghiac­cio con il suo nuo­vo sta­dio in ami­che­vo­le, con­tro il De­por­ti­vo La Co­ru­na, ma il cam­pio­na­to è un’al­tra co­sa. Se Re­ja sa co­me non sba­glia­re una pri­ma in ca­sa, lui, Her­na­nes, può ren­der­la in­di­men­ti­ca­bi­le. Edy Re­ja, 64 an­ni, al­la La­zio dal feb­bra­io scor­so, ha su­bì­to una so­la scon­fit­ta ne­gli ul­ti­mi 10 esor­di ca­sa­lin­ghi (Bar­to­let­ti)

TRA­DI­ZIO­NE FA­VO­RE­VO­LE

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.