L’ora del­la mor­te è un gial­lo

Di­chia­ra­ta al­le 14.20, ma sul­le ra­dio di ser­vi­zio la no­ti­zia gi­ra­va già pri­ma

Corriere dello Sport (Nazionale) - - Moto - Dall'in­via­to

MI­SA­NO - Si è fat­to tut­to il pos­si­bi­le per cer­ca­re di sal­va­re Shoya To­mi­za­wa? E an­co­ra: quan­do esat­ta­men­te lo sfor­tu­na­to pi­lo­ta giap­po­ne­se se ne è an­da­to, vi­sto che Jor­ge Lo­ren­zo ha di­chia­ra­to di aver­lo sa­pu­to pri­ma del via del­la ga­ra del­la Mo­toGP, men­tre la mor­te è sta­ta uf­fi­cial­men­te di­chia­ra­ta al­le 14.20?

Il gial­lo dell'ora se­con­do noi non esi­ste: To­mi è ca­du­to al­le 12.36 al po­sto 11 ed al­le 13.40 era in ospe­da­le. In que­sto tem­po la qua­si to­ta­li­tà del pad­dock co­no­sce­va la gra­vi­tà del­le sue fe­ri­te e si­cu­ra­men­te Jor­ge già pri­ma di par­ti­re per la sua ga­ra ave­va com­pre­so che, in un in­ci­den­te di quel ti­po, Shoya non ave­va qua­si al­cu­na pos­si­bi­li­tà di ca­var­se­la. E' poi pos­si­bi­le che quel­li più vi­ci­ni al giap­po­ne­se ab­bia­no par­la­to. La fra­se «To­mi- za­wa è mor­to» è sta­ta ascol­ta­ta an­che in bas­sa fre­quen­za, nel­le ra­dio di co­lo­ro che se­guo­no la di­ret­ta te­le­vi­si­va.

Può es­se­re sta­ta una in­for­ma­zio­ne an­ti­ci­pa­ta ai te­le­cro­ni­sti di Ca­na­le 5, una sup­po­si­zio­ne od al­tro, ma giu­di­chia­mo an­che nor­ma­le che l'or­ga­niz­za­zio­ne ab­bia vo­lu­to tu­te­la­re la fa­mi­glia, vi­sto che è sta­to l'ex pi­lo­ta No­bo­ru Ue­da in­ca­ri­ca­to dell'in­gra­to com­pi­to di chia­ma­re il Giap­po­ne. Quan­to ai soc­cor­si Clau­dio Mac­chia­go­de­na, re­spon­sa­bi­le me­di­co sul cam­po di ga­ra, è sta­to chia­ro: «In ca­si di que­sto ti­po ciò che si cer­ca di fa­re e di sta­bi­liz­za­re il pi­lo­ta» .

"Sta­bi­liz­za­re" è un ter­mi­ne tec­ni­co che si­gni­fi­ca "te­ne­re in vi­ta" il pa­zien­te che vie­ne in­tu­ba­to, per li­be­ra­re le vie re­spi­ra­to­rie e ria­ni­ma­to, quan­do co­me nel ca­so di To­mi­za­wa su­bi­sce un in­ter­ven­to car­dia­co. E' chia­ro che la pro­ce­du­ra idea­le, per un even­to trau­ma­ti­co, sa­reb­be quel­la di non muo­ve­re il pa­zien­te, per evi­ta­re ma­ga­ri dan­ni spi­na­li, ma qui si trat­ta­va di ten­ta­re di sal­va­re una vi­ta, più che evi­ta­re com­pli­ca­zio­ni.

«Con l'in­gres­so dell'am­bu­lan­za in pi­sta, in ca­so di ban­die­ra ros­sa, i soc­cor­si sa­reb­be­ro sta­ti ral­len­ta­ti, non ve­lo­ciz­za­ti - ha ag­giun­to Mac­chia­go­de­na - e per quan­to ci ri­guar­da due me­di­ci ria­ni­ma­to­ri han­no as­si­sti­to im­me­dia­ta­men­te il pi­lo­ta» . Que­sto è quan­to an­che si è vi­sto nel­le im­ma­gi­ni. Re­sta pe­rò sem­pre il dub­bio, che le co­se avreb­be­ro po­tu­to pren­de­re una pie­ga di­ver­sa. E' sem­pre co­si, e sem­pre sa­rà co­sì. Poi se si vuo­le ti­ra­re in bal­lo la fra­se "the show mu­st go on", si può an­che far­lo, ma un com­por­ta­men­to di­ver­so non ci avreb­be re­sti­tui­to Shoya.

Il sam­ma­ri­ne­se Alex De An­ge­lis, 26 an­ni

Il bri­tan­ni­co Scott Red­ding, 17

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.