Ta­vec­chio a Zam­pa­ri­ni «Non ser­ve tea­tra­li­tà»

Il pa­tron del Pa­ler­mo: «Fer­mia­mo­ci». La Fi­gc: «Non c’è bi­so­gno»

Corriere dello Sport (Nazionale) - - Il Fatto Del Giorno - Di Ed­mon­do Pin­na ©RIPRODUZIONE RISERVATA GETTY

« Il cal­cio non ha bi­so­gno di cer­te tea­tra­li­tà». Il pre­si­den­te del­la Fe­der­cal­cio ri­spon­de co­sì al­la “pro­vo­ca­zio­ne” lan­cia­ta da Mau­ri­zio Zam­pa­ri­ni. Al cen­tro, l’ope­ra­zio­ne «Fuo­ri­gio­co» del­la Pro­cu­ra di Na­po­li, le ac­cu­se so­no quel­le di pre­sun­te ir­re­go­la­ri­tà fi­nan­zia­rie le­ga­te ai tra­sfe­ri­men­ti dei cal­cia­to­ri. Un’in­chie­sta per la qua­le il pa­tron del Pa­ler­mo chie­de­rà agli al­tri suoi 19 col­le­ghi in Le­ga, do­ma­ni, di so­spen­de­re il cam­pio­na­to. Una mos­sa che in via Al­le­gri non è pia­ciu­ta. L’in­chie­sta che ha nuo­va­men­te mac­chia­to il cal­cio è te­nu­ta sot­to con­trol­lo dal­la Fi­gc. Ta­vec­chio ha già par­la­to con Pa­laz­zi, il Pro­cu­ra­to­re fe­de­ra­le che ha già av­via­to la pro­ce­du­ra per la ri­chie­sta de­gli at­ti al­la pro­cu­ra del­la Re­pub­bli­ca di Na­po­li. I rap­por­ti fra i pro­cu­ra­to­ri, le so­cie­tà e i gio­ca­to­ri so­no già da tem­po nel mi­ri­no an­che del­la giu­sti­zia spor­ti­va, gran par­te de­gli ul­ti­mi de­fe­ri­men­ti par­ti­ti da via Campania ri­guar­da­no pro­prio le vio­la­zio­ni al Re­go­la­men­to agen­ti. Per que­sto la no­ti­zia ar­ri­va­ta mar­te­dì mat­ti­na dell’in­chie­sta « Fuo­ri­gio­co» non ha col­to di sor­pre­sa nes­su­no ai pia­ni al­ti di via Al­le­gri. FI­DU­CIA. Ta­vec­chio non ha vo­lu­to com­men­ta­re le pa­ro­le di Zam­pa­ri­ni, se non sot­to­li­nean­do co­me «il cal­cio ita­lia­no non ha bi­so­gno di cer­te tea­tra­li­tà». Il te­ma del­la fi­sca­li­tà è mol­to cal­do, an­che nel Pa­laz­zo, ma non è cer­to que­sto il mo­men­to per fa­re ri­vo­lu­zio­ni. « Le ri­fles­sio­ni sul si­ste­ma fi­sca­le pos­so­no es­se­re con­di­vi­se o me­no, ma noi au­spi­chia­mo che non ci sia­no que­sti ti­pi di di­scor­si». Sull’in­chie­sta ve­ra e pro­pria, che ha por­ta­to all’iscri­zio­ne nel re­gi­stro de­gli in­da­ga­ti 64 fra di­ri­gen­ti, cal­cia­to­ri e agen­ti, Ta­vec­chio non si sbi­lan­cia, an­che se è chia­ro che un’idea se l’è già fat­ta. «Bi­so­gna ve­de­re di co­sa si trat­ta, co­sa c’è nel­le car­te. Pri­ma non si può di­re mol­to. Co­sì co­me non pos­so ri­spon­de­re se so­no de­lu­so o me­no. Bi­so­gne­rà ve­de­re pri­ma gli at­ti, poi agi­re­mo». Stes­so con­cet­to espres­so dal pre­si­den­te del­la Le­ga, Be­ret­ta («In­chie­sta in cor­so, non è ap­pro­pria­to fa­re nes­sun ti­po di commento»). C’è fi­du­cia ne­gli or­ga­ni di giu­sti­zia, an­che se Ta­vec­chio ci tie­ne a pre­ci­sa­re un aspet­to: «Il cal­cio ver­sa un miliardo e 40 mi­lio­ni di eu­ro di tas­se. C’è il mas­si­mo del­la fi­du­cia in chi de­ve giu­di­ca­re e nel lo­ro la­vo­ro. Ci so­no de­gli in­da­ga­ti, ri­spon­de­ran­no dei fat­ti che gli ven­go­no im­pu­ta­ti, spe­ro che rie­sca­no a chia­ri­re la lo­ro po­si­zio­ne. So­lo quan­do la Giu­sti­zia avrà fat­to il pro­prio cor­so po­trem­mo for­mu­la­re dei giu­di­zi, ab­bia­mo pre­so at­to del­la si­tua­zio­ne da po­che ore». GIU­STI­ZIA SPOR­TI­VA. Da un pun­to di vi­sta del cal­cio, Ta­vec­chio pre­ci­sa che «non con­si­de­ria­mo i pro­cu­ra­to­ri co­me tes­se­ra­ti ma co­me pro­fes­sio­ni­sti ester­ni all’or­di­na­men­to. Per quan­to ri­guar­da le so­cie­tà e i cal­cia­to­ri im-

Il pre­si­den­te del­la Fi­gc, Car­lo Ta­vec­chio ed il di­ret­to­re ge­ne­ra­le, Michele Uva, nel cor­so del­la con­fe­ren­za stam­pa te­nu­ta do­po il Con­si­glio Fe­de­ra­le pli­ca­ti va­lu­te­re­mo tut­te le si­tua­zio­ni. Noi sia­mo la Fe­der­cal­cio che ha vo­ta­to con­tro Blat­ter, ab­bia­mo cam­bia­to e vo­glia­mo cam­bia­re il si­ste­ma, an­che se mol­ti lo di­men­ti­ca­no. Il no­stro in­te­res­se non è di­fen­de­re i ma­riuo­li, ma le per­so­ne per be­ne, un si­ste­ma che rac­co­glie 23 mi­lio­ni di ti­fo­si». RI­SPET­TO. E’ quel­lo che chie­de il vi­ce­pre­si­den­te del­la Ue­fa, Abe­te, nei con­fron­ti del­la giu­sti­zia. «La pro­ble­ma­ti­ca “ex agen­ti” di­ven­ta­ti ora me­dia­to­ri, è mol­to com­ples­sa per­ché man­ca un qua­dro re­go­la­men­ta­re in­ter­na­zio­na­le. Se è tut­ta fuf­fa? De Lau­ren­tiis ha fat­to una sua ri­fles­sio­ne, e se ha par­la­to co­sì avrà avu­to i suoi buo­ni mo­ti­vi. Pen­so che co­mun­que bi­so­gna sem­pre ave­re gran­de ri­spet­to per le in­da­gi­ni svol­te dal­la ma­gi­stra­tu­ra. Non pen­so che i club ri­schi­no qual­co­sa a li­vel­lo di pun­ti di pe­na­liz­za­zio­ne, c’è sem­pre sta­ta una san­zio­ne am­mi­ni­stra­ti­va e al­cu­ne vol­te una ini­bi­zio­ne di pe­rio­do con­te­nu­to per i di­ri­gen­ti in­te­res­sa­ti. Ma sol­tan­to leg­gen­do le car­te si po­trà ca­pi­re il con­te­nu­to spe­ci­fi­co del­la con­te­sta­zio­ne».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.