Pa­nuc­ci: Il Li­vor­no re­ste­rà in Se­rie B

Ac­can­to­na­ta la pa­ren­te­si Mut­ti, è pron­to a ri­par­ti­re: «So­no abi­tua­to a com­bat­te­re»

Corriere dello Sport (Nazionale) - - Serie B - Di Gian­ni Mas­so­ne LAPRESSE

Era sta­to eso­ne­ra­to con il Li­vor­no nei play off. E’ ri­tor­na­to e l’ha tro­va­to in­vi­schia­to nel­la lot­ta dei play out. Il di­ret­to­re ge­ne­ra­le Ar­me­nia che rap­pre­sen­ta la so­cie­tà do­po le di­mis­sio­ni di Aldo Spi­nel­li, ha pre­sen­ta­to il “Pa­no” con que­ste pa­ro­le: « Dob­bia­mo rin­gra­zia­re Mut­ti per il la­vo­ro svol­to pur se ha mes­so in clas­si­fi­ca po­chi pun­ti. Nel­la tar­da not­ta­ta di mar­te­dì ab­bia­mo ri­chia­ma­to Pa­nuc­ci e lui ha su­bi­to da­to la sua di­spo­ni­bi­li­tà». NUO­VA AV­VEN­TU­RA. Pa­nuc­ci si è pre­sen­ta­to al­la con­fe­ren­za stam­pa do­po aver di­ret­to la se­du­ta ge­ne­ra­le. Ti­ra­to a lu­ci­do, scat­tan­te, sor­ri­den­te. Una nuo­va av­ven­tu­ra con il Li­vor­no ma que­sta vol­ta il suo obiet­ti­vo è quel­lo di ti­rar­lo fuo­ri dal­la zo­na del­la pau­ra. Su­bi­to è ar­ri­va­to il “sì” quan­do mar­te­dì not­te è sta­to chia­ma­to dal dies­se Fran­co Ce­ra­vo­lo: « Ero a di­spo­si­zio­ne del­la so­cie­tà e, quin­di, ho ac­cet­ta­to con en­tu­sia­smo. Non ho mai pen­sa­to di ri­nun­cia­re per­ché so­no un com­bat­ten­te, quan­do una bar­ca è in dif­fi­col­tà bi- so­gna sal­var­la. D’al­tra par­te ero sem­pre sta­to at­tac­ca­to a que­sta squa­dra, ai suoi ti­fo­si. Bi­so­gna ri­sa­li­re la clas­si­fi­ca nel mi­nor tem­po pos­si­bi­le Ho vi­sto i ra­gaz­zi, li ho tro­va­ti de­pres­si, sfi­du­cia­ti. Ho par­la­to con i più an­zia­ni per­ché c’è bi­so­gno di da­re una nuo­va scossa». MER­CA­TO. « Il pre­si­den­te si è ar­rab­bia­to, si è di­mes­so, ma è sem­pre con noi. Que­sta rab­bia gli pas­se­rà e ri­tor­ne­rà in pri­ma fi­la. E’ il no­stro pri­mo ti­fo­so. E’ chia­ro che que­sta squa­dra an­drà po­ten­zia­ta. Ho

Ch­ri­stian Pa­nuc­ci, 42 an­ni, è sta­to il vi­ce di Ca­pel­lo nel­la Na­zio­na­le rus­sa già par­la­to con Ce­ra­vo­lo, ri­tor­ne­rò a far­lo. Ser­vo­no tre gio­ca­to­ri e, in par­ti­co­la­re, un ter­zi­no de­stro do­po le par­ten­ze di Ca­la­bre­si e Mai­con. Po­chi in­ne­sti, ma giu­sti. D’al­tra par­te que­sta squa­dra ave­va dei va­lo­ri e so­no con­vin­to che li ti­re­rà fuo­ri. Dob­bia­mo, fra l’al­tro, re­cu­pe­ra­re di­ver­si ele­men­ti co­me Pasquato, Fe­da­to, Caz­zo­la, Va­ju­shi. Emer­son de­ve re­cu­pe­ra­re». Qual­cu­no fra i “pa­pa­bi­li” ac­qui­sti co­me Sciau­do­ne, San­so­ne, Pe­dro Pe­rei­ra, Mas­si­mo Do­na­ti gli pia­ce­reb­be dav­ve­ro. Ce­ra­vo­lo sta la­vo­ran­do a Mi­la­no. So­no at­te­si dei

“col­pi” nel­le pros­si­me ore. MO­DU­LO. «Quel­lo con quat­tro di­fen­so­ri, lo pre­fe­ri­sco. Ma pos­so pu­re uti­liz­za­re lo schie­ra­men­to di­fen­si­vo a tre sul­la ba­se di quel­lo che avrò a di­spo­si­zio­ne. Ci so­no de­gli at­tac­can­ti mol­to bra­vi. Va­ju­shi, a esem­pio. Ha sba­glia­to a Pe­sca­ra per­ché non è en­tra­to in cam­po. La so­cie­tà l’ha mul­ta­to, il ca­so è chiu­so. So­no cer­to che po­trà dar­ci una ma­no a co­min­cia­re dal­la tra­sfer­ta di Bre­scia. Il Li­vor­no ha bi­so­gno di una vit­to­ria. La que­stio­ne de­gli ar­bi­tri non de­ve es­se­re un ali­bi. La so- cie­tà ha fat­to i suoi pas­si. Ma non pen­so che vi sia un pro­ble­ma ar­bi­tra­le nei no­stri con­fron­ti. Se co­sì fos­se smet­te­rei di al­le­na­re. Re­spin­go tut­to que­sto. La po­si­zio­ne che ab­bia­mo ades­so in clas­si­fi­ca è sol­tan­to col­pa no­stra. Il cam­pio­na­to è an­co­ra lun­go, vi so­no tan­ti pun­ti in pa­lio. Il Li­vor­no de­ve ri­tor­na­re a es­se­re quel­lo del­la pri­ma par­te del cam­pio­na­to, quan­do lot­ta­va per re­sta­re nei play off. Spe­ro che i nuo­vi ar­ri­va­ti ci pos­sa­no da­re un aiu­to. Il Li­vor­no re­ste­rà in B, po­te­te con­tar­ci».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.