TRO­ST «Due me­tri ci ri­pro­ve­rò»

«So di po­ter sal­ta­re di nuo­vo cer­te mi­su­re ma­ga­ri a Rio, non spre­che­rò l’op­por­tu­ni­tà»

Corriere dello Sport (Nazionale) - - Lega Pro - Di An­drea Ra­maz­zot­ti @RIPRODUZIONE RISERVATA NIKEWEEK GETTY

Gli in­for­tu­ni se li è mes­si al­le spal­le e ades­so si sen­te più for­te. Ales­sia Tro­st vi­ve l’av­vi­ci­na­men­to al­le Olim­pia­di di Rio con la se­re­ni­tà di un’atle­ta che è usci­ta da un tun­nel. Ades­so vuo­le so­lo «sal­ta­re in al­to», le tre pa­ro­le che ha ri­pe­tu­to più vol­te du­ran­te la no­stra in­ter­vi­sta a Mi­la­no, do­ve è ve­nu­ta in qua­li­tà te­sti­mo­nial d’ec­ce­zio­ne per la Ni­ke Wo­men Week. Tro­st, pri­ma di tut­to, co­me sta? «Ho ini­zia­to a sal­ta­re in al­to in ma­nie­ra co­stan­te dal 20 di­cem­bre. Lo scor­so ago­sto mi so­no le­sio­na­ta il ten­di­ne d’Achil­le e per 5 me­si so­no sta­ta fer­ma. Pen­sa­vo di aver per­so... l’idea del sal­to e in­ve­ce in un me­se ho già di­mo­stra­to di po­ter tor­na­re sui miei li­vel­li. Ora spe­ro di aver sal­da­to il “de­bi­to” con la sfor­tu­na». Co­me pro­ce­de l’av­vi­ci­na­men­to a Rio? «Ho un pro­gram­ma in­ten­so con 8 se­du­te a set­ti­ma­na. Du­ran­te il pe­rio­do ago­ni­sti­co gli al­le­na­men­ti di­mi­nui­ran­no, ma ad apri­le tor­ne­ran­no 7-8. La­vo­ro an­che nel­la “Mind room” do­ve co­no­sco me­glio i se­gna­li del mio cor­po at­tra­ver­so eser­ci­zi spe­ci­fi­ci che per 40 mi­nu­ti fac­cio an­che usan­do un com­pu­ter». Quan­do ha fis­sa­to il ri­tor­no al­le ga­re? «Il 13 feb­bra­io nel mee­ting di Gent, poi pren­de­rò par­te ai cam­pio­na­ti del mon­do in­door a Por­tland e ai cam­pio­na­ti eu­ro­pei out­door ad Am­ster­dam. Du­ran­te tut­ta la sta­gio­ne vor­rei sal­ta­re una me­dia di 1,95 con dei pic­chi che spe­ro ar­ri­vi­no nel­le ma­ni­fe­sta­zio­ni im­por­tan­ti, ma so­prat­tut­to a Rio». A che per­cen­tua­le di for­ma è ades­so? «Di­rei all’85%. Sto ab­ba­stan­za be­ne e il mio al­le­na­to­re (Ches­sa, ndr) è bra­vo a por­tar­mi al top quan­do con­ta». La Tro­st “va­le” una me­da­glia olim­pi­ca? «Non lo so, ma a Rio mi aspet­to una ga­ra aper­ta per­ché non c’è un’atle­ta net­ta­men­te più for­te del­le al­tre. Le me­da­glie an­dran­no a chi sba­glie­rà di me­no, non a chi sal­ta più al­to. Io ci cre­do». Chi la co­no­sce so­stie­ne che gli ul­ti­mi due in­for­tu­ni l’han­no re­sa più for­te. «So­no sta­ti uti­li per ca­pi­re co­me si fa l’atle­ta. Non si può pen­sa­re di ot­te­ne­re gran­di ri­sul­ta­ti sen­za fa­re fa­ti­ca, sen­za im­pe­gno, sen­za es­se- re umi­li e sen­za ge­sti­re al me­glio tut­ti gli aspet­ti del­la pro­pria vi­ta». Chi l’ha aiu­ta­ta a tor­na­re al top? «Il mio fi­dan­za­to, Al­ber­to Ga­spa­rin, è un ex sal­ta­to­re e sa che consigli dar­mi. Ci sia­mo co­no­sciu­ti nel­le na­zio­na­li gio­va­ni­li: lui ha smes­so e ha scel­to lo stu­dio, io pun­to sull’atle­ti­ca e stu­dio… con mo­de­ra­zio­ne». Le sue av­ver­sa­rie più im­por­tan­ti ai Gio­chi do­vreb­be­ro es­se­re le rus­se, coin­vol­te nel ca­so do­ping. Se par­te­ci­pe­ran­no, lei con che sta­to d’ani­mo le af­fron­te­rà? «Non pen­so all’ipo­te­si che non ci sia­no. Nel­la mia te­sta ho l’idea di una ga­ra nor­ma­le, con le rus­se in pe­da­na». Qual è sta­ta la sua pri­ma rea­zio­ne quan­do ha sa­pu­to del­lo scan­da­lo do­ping? «So­no ri­ma­sta scioc­ca­ta, più co­me ra­gaz­za che co­me atle­ta. Il do­ping è quan­to più di lon­ta­no pos­sa esi­ste­re da me». I ra­du­ni del­la Fi­dal so­no di­ven­ta­ti più fre­quen­ti e cen­tra­liz­za­ti. Lei che pre­fe­ri­sce al­le­nar­si a ca­sa sua, co­me l’ha pre­sa? «So­no sta­ta cri­ti­ca­ta per­ché mi al­le­no a ca­sa e non ca­pi­sco per­ché. Ma­ga­ri la gen­te pen­sa che vo­glia sce­glie­re la stra­da più sem­pli­ce, ma in real­tà ho sem­pre par­te­ci­pa­to ai ra­du­ni e mi so­no con­fron­ta­ta con gli al­tri». Fi­no­ra ha vin­to tan­te me­da­glie ma le man­ca quel­la in una com­pe­ti­zio­ne im­por­tan­te. Ri­tie­ne che Rio sia l’ul­ti­ma oc­ca­sio­ne per non re­sta­re un’eter­na pro­mes­sa? «Se c’è una co­sa che non fa­rò è mol­la­re per­ché non sal­to ab­ba­stan­za in al­to. Aver rag­giun­to quo­ta 2 me­tri mi ha da­to la con­sa­pe­vo­lez­za di po­ter com­pe­te­re ad al­ti li­vel­li. Vo­glio ri­pro­var­ci e so di po­ter­ce­la fa­re di nuo­vo. Ho un’op­por­tu­ni­tà e non pos­so spre­car­la per­ché noi ra­gaz­zi di 20 an­ni in Ita­lia ab­bia­mo bi­so­gno di op­por­tu­ni­tà». L’Ita­lia non è pae­se per gio­va­ni? «Le ri­spon­do co­sì: se chie­do ai miei ami­ci co­sa pen­sa­no del lo­ro fu­tu­ro mi ri­spon­do­no che fa­ran­no i di­soc­cu­pa­ti». Se Ren­zi le te­le­fo­ne­rà ma­ga­ri per fe­steg­gia­re una sua vit­to­ria co­sa gli chie­de­rà? «Di far fa­re più gin­na­sti­ca a scuo­la per­ché la gin­na­sti­ca stac­ca i ra­gaz­zi dal te­le­fo­ni­no».

Ales­sia Tro­st, sal­ta­tri­ce in al­to, com­pi­rà 23 an­ni l’8 mar­zo

Ales­sia im­pe­gna­ta in pe­da­na agli Eu­ro­pei di Zu­ri­go 2014

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.