Il Ca­ta­nia chie­de pun­ti a Ma­ri­no Pul­vi­ren­ti: «A lui so­no le­ga­tis­si­mo»

Corriere dello Sport (Roma) - - Calcio - Di Con­cet­to Man­ni­si

CA­TA­NIA - For­se la scon­fit­ta nell’esor­dio di Ve­ro­na, con­tro il Chie­vo, non è sta­ta an­co­ra di­men­ti­ca­ta, ma al Ca­ta­nia si la­vo­ra so­do an­che per quel­lo. Ov­ve­ro per met­ter­si al­le spal­le quel 2-1 ar­ri­va­to al ter­mi­ne di una ga­ra dai due vol­ti e che per tan­ti ha avu­to il si­gni­fi­ca­to di un pu­gno in pie­no sto­ma­co: la squa­dra vi­sta all’ope­ra al «Ben­te­go­di» nel pri­mo tem­po, no­no­stan­te qual­che am­ne­sia, mai e poi mai avreb­be me­ri­ta­to di con­clu­de­re il mat­ch con una scon­fit­ta; nel­la ri­pre­sa, in­ve­ce, le am­ne­sie so­no au­men­ta­te, il ca­rat­te­re è ve­nu­to me­no (an­che se do­po il 2-1 di Pel­lis­sier il pa­reg­gio è sta­to sfio­ra­to dai ros­saz­zur­ri) e la squa­dra di Pio­li è spes­so ri­ma­sta pa­dro­na del cam­po.

Una de­lu­sio­ne per Giam­pao­lo e per i di­ri­gen­ti, che han­no già chie­sto im­me­dia­to ri­scat­to in una ga­ra che que­st’an­no a Ca­ta­nia sa­rà pro­ba­bil­men­te un piz­zi­co più sen­ti­ta del pas­sa­to: quel­la di do­me­ni­ca pros­si­ma con il Par­ma. Già, per­ché sul­la pan­chi­na dei «du­ca­li» c’è quel Pa­squa­le Ma­ri­no cui in tan­ti da que­ste par­ti so­no ri­ma­sti par­ti­co­lar­men­te le­ga­ti. A co­min­cia­re dal pre­si­den­te Ni­no Pul­vi­ren­ti, che ogni esta­te si incontra col tec­ni­co mar­sa­le­se per un pran­zo che sul­la car­ta do­vreb­be es­se­re esclu­si­va­men­te di pia­ce­re, ma in cui al­la fi­ne, man­co a dir­lo, l’ar­go­men­to cal­cio di­ven­ta pre­mi­nen­te. STI­MA - Pul­vi­ren­ti ha sem­pre ri­ser­va­to pa­ro­le al mie­le per Ma­ri­no ( «con lui in pan­chi­na ab­bia­mo rag­giun­to la A e l’ab­bia­mo man­te­nu­ta nel­la sta­gio­ne suc­ces­si­va, no­no­stan­te fum­mo co­stret­ti a gio­ca­re qua­si tut­to il gi­ro­ne di ri­tor­no fuo­ri ca­sa e qua­si sem­pre sen­za pub­bli­co per la lun­ga squa­li­fi­ca do­po gli in­ci­den­ti del der­by: sì, Ma­ri­no è il tec­ni­co con cui mi sen­to con mag­gio­re pia­ce­re, an­che se bi­so­gna di­re che ho man­te­nu­to ot­ti­mi rap­por­ti con un po’ tut­ti i no­stri pre­ce­den­ti al­le­na­to­ri» ), ma, pro­prio per que­sto ti­po di rap­por­to, le sfi­de con que­sto al­le­na­to­re vuo­le vin­cer­le a tut­ti i co­sti. Chis­sà se riu­sci­rà a tra­sfe­ri­re que­sta «vo­glia» al­la squa­dra, che sta im­pe­gnan­do­si per ac­qui­si­re gli au­to­ma­ti­smi vo­lu­ti da Giam­pao­lo. Non è la­vo­ro che può da­re ri­sul­ta­ti da un gior­no all’al­tro, ma i pro­gres­si so­no con­ti­nui: la squa­dra at­tac­ca la pal­la sem­pre più spes­so co­me vuo­le il tec­ni­co, se ma­ga­ri ar­ri­vas­se­ro i pri­mi pun­ti, eb­be­ne, si po­treb­be pen­sa­re a pro­se­gui­re que­sto ti­po di la­vo­ro con mag­gio­re en­tu­sia­smo ed al­le­gria. Più o me­no quel­la mes­sa in mo­stra sa­ba­to po­me­rig­gio, nell’ami­che­vo­le in fa­mi­glia di­spu­ta­ta a Mas­san­nun­zia­ta da­van­ti a 700 per­so­ne, pri­ma del rom­pe­te le ri­ghe di due gior­ni, con ap­pun­ta­men­to a do­ma­ni per la ri­pre­sa de­gli al­le­na­men­ti e la lun­ga «vo­la­ta» ver­so l’esor­dio ca­sa­lin­go con il Par­ma.

Il pa­tron ros­saz­zur­ro «In­sie­me tor­nam­mo in A e ci re­stam­mo Lo sen­to sem­pre con gran­de pia­ce­re»

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.