Ro­ma ner­vo­sa po­ca au­to­sti­ma

Corriere dello Sport (Roma) - - Calcio -

Un tem­po era abi­tu­di­ne dei so­vra­ni quel­la di ar­ri­va­re a tea­tro al­la fi­ne del pri­mo at­to, sen­za che ca­pis­se­ro me­no le vi­cen­de che si svi­lup­pa­va­no poi sul­la sce­na. Ci si per­met­ta al­lo­ra di sug­ge­ri­re ai ti­fo­si del­la Ro­ma il vez­zo in­ver­so. Di pren­de­re cioè l'abi­tu­di­ne di ab­ban­do­na­re lo sta­dio o di spe­gne­re il te­le­vi­so­re al­la fi­ne del pri­mo tem­po. Non co­no­sce­ran­no il ri­sul­ta­to e ca­pi­ran­no mol­to po­co del­la par­ti­ta, ma si ar­rab­bie­ran­no di me­no e non vi­vran­no al­tri in­cu­bi, mag­gior­men­te sof­fer­ti quan­do il ri­sul­ta­to ac­cen­na ini­zial­men­te a sug­ge­ri­re fi­na­li più fe­li­ci.

Da­gli in­cu­bi è be­ne sve­gliar­si len­ta­men­te. La Ro­ma, a Ve­ro­na, ha vis­su­to an­co­ra una vol­ta l'in­cu­bo del­le par­ti­te in tra­sfer­ta, do­po aver da­to al­cu­ni cen­ni di ri­sve­glio. Poi è ca­du­ta di nuo­vo in ba­lia di quel di­sa­gio che le ha fat­to ve­de­re le stre­ghe si­no al fi­schio fi­na­le. La par­ti­ta con il Chie­vo di in­cu­bi ne ha pro­po­sti tan­ti: gli er­ro­ri mar­chia­ni di Ju­lio Ser­gio e Tad­dei; l'in­ter­ven­to dis­sen­na­to di De Ros­si, tan­to da sug­ge­ri­re ai ti­fo­si le più scom­po­ste e ir­ra­zio­na­li rea­zio­ni. La rab­bia, è ve­ro, fa di­re sem­pre la ve­ri­tà. Al con­tra­rio del­la gio­ia, che per sua na­tu­ra è ruf­fia­na. Ma an­che la rab­bia dei ti­fo­si si sta tra­sfor­man­do in un in­cu­bo, un bu­co ne­ro che ri­schia di in­go­ia­re la Ro­ma nel suo vor­ti­ce ran­co­ro­so.

C'è in­fat­ti nell'aria, do­po que­sto ri­sul­ta­to, il ner­vo­si­smo del cat­ti­vo tem­po, del­le fe­ste riu­sci­te ma­le, quan­do tut­ti ma­ni­fe­sta­no un cer­to ma­la­ni­mo. In que­sta at­mo­sfe­ra che si è fat­ta pe­san­te ci è ve­nu­ta in men­te una ri­fles­sio­ne di tan­ti an­ni fa con la qua­le Ful­vio Ber­nar­di­ni so­ste­ne­va che il cal­cio è trop­po im­por­tan­te per la­sciar­lo in ma­no ai ti­fo­si, cioè ai so­li che non ra­gio­na­no mai. Te­si pro­vo­can­te, ma per­ché ce la sia­mo ri­cor­da­ta do­po que­sta par­ti­ta? Per­ché que­sta par­ti­ta con il Chie­vo ci è par­sa la più chia­ra con­fer­ma dell'uti­li­tà dell'es­se­re ra­zio­na­li nel gio­co del cal­cio, gio­co che, se le co­se si met­to­no ma­le, esal­ta sem­pre gli as­sen­ti co­me mi­glio­ri in cam­po. E in quan­to ai ti­fo­si, ci sem­bra an­co­ra lon­ta­no il tem­po in cui po­tran­no ac­qui­sta­re le azio­ni dal ta­bac­ca­io e po­ter ge­sti­re la so­cie­tà co­me pia­ce a lo­ro.

Ascol­tan­do poi i com­men­ti di­ver­sis­si­mi de­gli ap­pas­sio­na­ti, sia al­la fi­ne del pri­mo tem­po che al­la fi­ne del­la par­ti­ta, ab­bia­mo an­che af­fer­ra­to un'al­tra ve­ri­tà: che al­le par­ti­te di cal­cio, di­ver­sa­men­te che agli al­tri spet­ta­co­li, si chie­de che le vi­cen­de, pre­scin­den­do dal ri­sul­ta­to, si svol­ga­no cro­no­lo­gi­ca­men­te nel sen­so più gra­de­vo­le al­lo spet­ta­to­re. E' in­fat­ti pos­si­bi­le che il pa­reg­gio con il Chie­vo sa­reb­be sta­to di­ver­sa­men­te ap­prez­za­to se i gol di Sim­pli­cio (com­pli­men­ti al gio­ca­to­re!) fos­se­ro sta­ti rea­liz­za­ti nel fi­na­le, do­po quel­li di Mo­scar­del­li e Gra­no­che. Re­sta­no al­cu­ne ama­re co­sta­ta­zio­ni: che la squa­dra è ner­vo­sa, psi­co­lo­gi­ca­men­te fra­gi­le, di­na­mi­ca­men­te ca­ren­te, pri­va di au­to­sti­ma. Chi va in cam­po con­ti­nua a da­re il mas­si­mo, ma fi­ni­sce trop­po pre­sto in ri­ser­va e se vuo­le ac­ce­le­ra­re va a fi­ni­re fuo­ri stra­da.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.