Agnel­li, la vit­to­ria co­me re­ga­lo di com­plean­no

Corriere dello Sport (Roma) - - Calcio - Dall’in­via­to

CA­TA­NIA - Il pre­si­den­te An­drea Agnel­li non ha se­gui­to la Ju­ven­tus a Ca­ta­nia: as­sor­bi­to da im­pe­gni di la­vo­ro, ha poi pre­fe­ri­to ri­fu­giar­si nel­la quie­te del­la fa­mi­glia. Og­gi è la sua fe­sta: 35 an­ni, pri­mo com­plean­no ai ver­ti­ci del­la Ju­ven­tus, una mis­sio­ne più che un in­ca­ri­co, il ri­go­re del ma­na­ger e il cuo­re del ti­fo­so. C’è un’im­ma­gi­ne bel­lis­si­ma di Sal­va­to­re Gi­glio, sto­ri­co fo­to­gra­fo bian­co­ne­ro: pa­pà Um­ber­to sor­ri­den­te a Vil­lar Pe­ro­sa, gli oc­chia­li da so­le sol­le­va­ti sul­la fron­te, e An­drea, bam­bi­no, se­rio­so al suo fian­co, il ca­schet­to bion­do e la ma­gliet­ta a ri­ghe. Già al­lo­ra, era la “sua” Ju­ven­tus: una squa­dra di cam­pio­ni che sem­bra­va­no gi­gan­ti ol­tre la re­te. Già, per­ché An­drea si piaz­za­va sem­pre die­tro la por­ta a rin­cor­re­re il pal­lo­ne che Ros­so, il ma­gaz­zi­nie­re, gli al­lun­ga­va. Com­plean­no do­po com­plean­no, quel bam­bi­no è di­ven­ta­to il pre­si­den­te. Nel no­me del pa­dre, e an­che nel co­gno­me: continuità, tra­di­zio­ne, pas­sa­to e fu­tu­ro che si fon­do­no at­tra­ver­so am­bi­zio­ni sen­za tem­po, ri­di­men­sio­na­te so­lo dal ci­clo­ne Cal­cio­po­li. I ti­fo­si, sen­za mai ri­nun­cia­re al ri­spet­to, sen­to­no il pre­si­den­te co­me uno di lo­ro: pas­sio­na­le e com­bat­ti­vo. La pri­ma te­sti­mo­nian­za è sta­ta l’on­da­ta d’en­tu­sia­smo sol­le­va­ta ot­to me­si fa dall’an­ti­ci­pa­zio­ne del cu­gi­no John El­kann e poi dal­la no­mi­na uf­fi­cia­le, quin­di so­no ar­ri­va­ti i ba­gni di fol­la, i club a suo no­me (a Co­ri­glia­no Ca­la­bro e Cer­ve­re), gli au­to­gra­fi co­me a un cal­cia­to­re, gli ap­pel­li co­me a un ca­po­po­po­lo. E ades­so, nell’im­mi­nen­za del­la sua fe­sta, la te­sti­mo­nian­za è rac­chiu­sa nel­le mail, nei bi­gliet­ti­ni, ne­gli au­gu­ri che giun­go­no in cor­so Fer­ra­ris da ogni an­go­lo d’Ita­lia e del mon­do.

RE­CORD - Era al ge­lo di Poz­nan, Agnel­li, vi­ci­no al­la squa­dra, e non ha ri­spar­mia­to, di­nan­zi al cam­po im­pos­si­bi­le, una bat­tu­ta sul fair play, gar­ba­ta pe­rò ta­glien­te co­me il ven­to che spaz­za­va il Mie­j­ski Sta­dion; ie­ri non era a Ca­ta­nia pe­rò è sem­pre ri­ma­sto in con­tat­to con l’ad Bep­pe Ma­rot­ta, du­ran­te i 90 mi­nu­ti non ha stac­ca­to gli oc­chi dal­la tv, ap­pe­na do­po il fi­schio fi­na­le era ag­gior­na­to su rea­zio­ni e umo­ri. Un pre­si­den­te non in­gom­bran­te, ma pre­sen­te, che og­gi fe­steg­ge­rà in fa­mi­glia. Per­ché do­po i suoi ca­ri, ri­ce­ve­rà gli au­gu­ri an­che da di­ri­gen­ti, tec­ni­ci, cal­cia­to­ri, ti­fo­si. Ma non c’è con­trad­di­zio­ne: an­che la Ju­ve è la sua fa­mi­glia. Con un pic­co­lo re­cord, ov­via­men­te no­to ma che il com­plean­no ri­mar­ca: An­drea Agnel­li è il più gio­va­ne pre­si­den­te di se­rie A, clas­se ‘75 co­me Tom­ma­so Ghi­rar­di “più an­zia­no” pe­rò di set­te me­si.

BE­NE­FI­CEN­ZA - Il cuo­re dei ti­fo­si bian­co­ne­ri di Si­ci­lia ha per­mes­so di rac­co­glie­re 2.000 eu­ro de­vo­lu­ti al pro­get­to di ri­strut­tu­ra­zio­ne del re­par­to di neo­na­to­lo­gia dell’ospe­da­le Sant’An­na di To­ri­no. L’as­se­gno, pos­si­bi­le gra­zie al­le of­fer­te con­se­gna­te dai sup­por­ter in una del­le tap­pe si­ci­lia­ne di Ju­ven­tus Cu­be, è sta­to con­se­gna­to a Giu­sep­pe Ma­rot­ta e Gior­gio Chiel­li­ni dal con­si­glie­re de­le­ga­to di Ali­grup, Sal­va­to­re Scuto.

Do­po la tra­sfer­ta di Po­zan non ha se­gui­to la squa­dra a Ca­ta­nia sce­glien­do di re­sta­re in fa­mi­glia Tan­ti i mes­sag­gi di au­gu­ri dei ti­fo­si bian­co­ne­ri che sen­to­no il pre­si­den­te co­me uno di lo­ro

FE­STA

La Ju­ve fa fe­sta per la vit­to­ria sul cam­po del Ca­ta­nia Il grup­po di Del Ne­ri ha da­to una bel­la di­mo­stra­zio ne di for­za su un cam­po mai fa­ci­le per chiun­que (Get­ty)

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.