E’ AL­LE­GRI IL PA­DRO­NE DEL MI­LAN

Corriere dello Sport (Roma) - - Calcio - Di Al­ber­to Pol­ve­ro­si

Clas­si­fi­ca al­la ma­no e gio­co sot­to gli oc­chi, non cor­ria­mo il ri­schio di sba­glia­re di­cen­do che Mi­lan e La­zio so­no le squa­dre più in for­ma del cam­pio­na­to e i ri­spet­ti­vi al­le­na­to­ri i più lu­ci­di, i più bra­vi e i più... fan­ta­sio­si di que­sta sta­gio­ne.

Al­le­gri e Re­ja stan­no per­cor­ren­do stra­de di­ver­se (mu­sco­li e qua­li­tà in par­ti ugua­li per il mi­la­ni­sta, più qua­li­tà che mu­sco­li per il la­zia­le) ma ar­ri­va­no al­la stes­sa con­clu­sio­ne: le lo­ro squa­dre gio­ca­no be­ne e vin­co­no. La ve­ra dif­fe­ren­za è que­sta: Re­ja co­no­sce­va dal­la sta­gio­ne pre­ce­den­te qua­si tut­to il ma­te­ria­le tec­ni­co a sua di­spo­si­zio­ne e si era fat­to un’idea chia­ra su co­me ren­der­lo squa­dra, men­tre Al­le­gri ha pre­so con­tat­to col Mi­lan a fi­ne lu­glio quan­do ha co­min­cia­to a dar­gli una for­ma. Ma un me­se do­po, nel­la not­te di Ce­se­na, ha do­vu­to in­ver­ti­re bru­sca­men­te la rot­ta.

E’ sta­to in quel mo­men­to, e non pri­ma, che il gio­va­ne Max è di­ven­ta­to l’al­le­na­to­re del Mi­lan. Pri­ma ave­va so­lo un’idea, an­zi, un dog­ma pre­si­den­zia­le: schie­ra­re più at­tac­can­ti pos­si­bi­le, im­bot­ti­re la squa­dra di so­la qua­li­tà. Do­po lo 0-2 di Ce­se­na è na­to il Mi­lan di og­gi e una squa­dra con­fu­sa ha ini­zia­to a ve­der chia­ro nel suo fu­tu­ro. Poi è ar­ri­va­ta la ba­to­sta di Ma­drid e an­che se Al­le­gri si osti­na a ri­pe­te­re che quel­la è sta­ta una par­ti­ta sba­glia­ta tec­ni­ca­men­te, in real­tà è sta­ta sba­glia­ta an­che tat­ti­ca­men­te. Si è trat­ta­to dell’ul­ti­mo ten­ta­ti­vo di la­scia­re il Mi­lan nel sol­co del­la sua tra­di­zio­ne. Non si ar­rab­bi il li­vor­ne­se (che non ha mai ama­to gli at­teg­gia­men­ti di Mou­ri­n­ho) ma se il Mi­lan è quel­lo di og­gi, il me­ri­to è an­che del por­to­ghe­se...

Da quel mo­men­to Al­le­gri ha de­ci­so per la rot­tu­ra trau­ma­ti­ca col pas­sa­to ed ha da­to al­la squa­dra una fi­sio­no­mia in­con­sue­ta. Il fat­to stra­no ( di­cia­mo pu­re il se­gno del­la sua bra­vu­ra) è che quel­la stes­sa squa­dra, abi­tua­ta a espri­mer­si pri­vi­le­gian­do la tec­ni­ca al­la cor­sa, ha se­gui­to sen­za in­du­gi il suo gio­va­ne mae­stro. Fuo­ri Ro­nal­di­n­ho e fuo­ri Pir­lo un po’ per in­for­tu­nio e un po’ per scel­ta di Al­le­gri. Quin­di due me­dia­ni, poi tre, in­fi­ne Boa­teng tre­quar­ti­sta, do­ve un tem­po gio­ca­va­no Rui Co­sta, Ri­val­do, Ka­kà e, fi­no al­la ga­ra pre­ce­den­te, See­dorf.

Qua­lun­que idea Al­le­gri ab­bia in te­sta, in cam­po pren­de cor­po fi­no a di­ven­ta­re vin­cen­te. Quan­do Boa­teng sug­ge­ri­sce il gio­co, quan­do ten­ta l’as­si­st, fa qua­si inor­ri­di­re i ti­fo­si del Mi­lan, ma al pri­mo in­se­ri­men­to del­la par­ti­ta (e so­no sta­ti i tem­pi dei suoi in­se­ri­men­ti a con­vin­ce­re Al­le­gri a piaz­zar­lo die­tro al­le due pun­te) ec­co il gol. E poi con il gha­ne­se in quel­la po­si­zio­ne, po­te­va ri­met­te­re in squa­dra Pir­lo sen­za to­glie­re un et­to di mu­sco­li dal­la squa­dra. Ba­sta­va por­ta­re in pan­chi­na See­dorf. I me­dia­ni re­sta­va­no sem­pre tre. E quei tre (an­zi, quei quattro per­chè va con­si­de­ra­to an­che Fla­mi­ni) han­no da­to fi­no­ra una ri­spo­sta straor­di­na­ria. Quan­to al­la qua­li­tà, ci pen­sa da so­lo Ibra­hi­mo­vic, can­no­nie­re e uo­mo-as­si­st, l’at­tac­can­te più com­ple­to di tut­ta la se­rie A.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.