In­si­gne so­gna un gol da Ex­po

Lo scu­gniz­zo di Frat­ta­mag­gio­re re­ste­rà a Na­po­li per pre­pa­ra­re la sfi­da di San Si­ro

Corriere dello Sport (Roma) - - Napoli - Di An­to­nio Gior­da­no ©RIPRODUZIONE RISERVATA

Lu­ci a San Si­ro, in quel tea­tro che ha po­chi egua­li, il palcoscenico per un do di pet­to, per un acu­to, per una ge­nia­la­ta che re­sti: lu­ci a San Si­ro, pe­rò da ac­cen­der­le tut­te per sé, pro­van­do ad usci­re da quel­la pe­nom­bra eli­ta­ria che gli ha ne­ga­to (per il mo­men­to), uno dei san­tua­ri del cal­cio, ma che gli ha per­mes­so - ap­pe­na sa­ba­to - di omag­gia­re la “Vec­chia Si­gno­ra” a mo­do suo, toc­co mor­bi­do e via.

NIEN­TE PO­LO­NIA. Lu­ci su In­si­gne, per­ché è giu­sto co­sì, no­no­stan­te il do­lo­ri­no che va spa­ren­do: ma do­me­ni­ca c’è Mi­lan-Na­po­li, pu­re que­sta sa di “Par­ti­ta”, ed è giu­sto star­se­ne a Ca­stel Vol­tur­no a cu­rar­si, ad al­le­nar­si, a evi­ta­re di stra- paz­zar­si su e giù, ri­ma­nen­do con la te­sta tra le nu­vo­le di Var­sa­via. La fron­tie­ra, ades­so, è il Meaz­za, è uno stadio dei so­gni, è una Cat­te­dra­le eter­na del foot­ball, è una ten­ta­zio­ne uma­nis­si­ma per una soi­rée. E ser­ve non so­lo lo smo­king, ma pu­re un fi­si­co be­stia­le che con­sen­ta di an­da­re su e giù, di fa­re l’una fa­se e pu­re l’al­tra, di es­se­re pie­na­men­te Lo­ren­zo In­si­gne che sfi­da ami­che­vol­men­te Ba­lo­tel­li - e an­che Bac­ca, e an­che Luiz Adria­no - e cer­ca di re­sta­re ag­grap­pa­to al­la pro­pria gio­stra, av­via­ta ad Em­po­li con la pa­ra­bo­la per­fet­ta, esal­ta­ta con la Ju­ven­tus con la sua pri­ma re­te a Madame. Man­ca il pri­mo au­to­gra­fo ester­no sta­gio­na­le e l’ul­ti­ma esul­tan­za lon­ta­na dal San Pao­lo si per­de nell’al­bum dei ri­cor­di: 2-5 a Ma­ras­si, l’11 mag­gio del 2014, se­di­ci me­si fa, se­gnan­do pro­prio a Mi­ha­j­lo­vic. Ma va!

STA BE­NE. L’am­mac­ca­tu­ra è un ri­cor­do lie­ve del re­cen­te pas­sa­to, ma all’oriz­zon­te (sal­tan­do Var­sa­via, la­scian­do­la ai com­pa­gni), c’è quel­lo sce­na­rio da star che (per­si­no da so­lo) è in gra­do d’in­co­ro­na­re e l’at­mo­sfe­ra ma­gi­ca d’una sfi­da ch’è fuo­ri dal co­mu­ne, che rien­tra tra gli ap­pun­ta­men­ti dell’an­no, che può sug­ge­ri­re l’in­di­riz­zo ad una sta­gio­ne av­via­ta ad al­tis­si­ma ve­lo­ci­tà e con ren­di­men­to ec­cel­len­te.

IL PIC­CO­LO PRIN­CI­PE. Il mi­glior In­si­gne (sta­ti­sti­ca­men­te par­lan­do) d’ini­zio sta­gio­ne è nei nu­me­ri, nel­le due re­ti, nel­la lo­ro ele­gan­za, nel­la ca­pa­ci­tà di sdop­piar­si - pri­ma tre­quar­ti­sta, poi ester­no al­to, dun­que co­me pia­ce a lui - e la Mi­la­no da be­re non è uno slo­gan post­mo­der­no, ma una con­di­zio­ne da por­si: ci so­no not­ti che non si pos­so­no evi­ta­re, che van­no an­zi cer­ca­te, af­fron­ta­te, vo­lu­te; e fa nien­te se è ri­ma­sto qual­che ac­ciac­co, ma il “feb­bro­ne” del sa­ba­to se­ra vis­su­to con la Ju­ven­tus, che in real­tà è adre­na­li­na al­lo sta­to pu­ro, ha già prov­ve­du­to a ri­met­te­re il gi­noc­chio de­stro in for­ma, a la­sciar­gli qual­che re­si­duo d’in­fiam­ma­zio­ne, sus­sur­ran­do a Sar­ri, al­lo staff me­di­co, al Ma­gni­fi­co di scar­ta­re l’even­tua­li­tà d’an­da­re a Var­sa­via, di pro­ce­de­re con le cu­re a Ca­stel Vol­tur­no, poi di sa­li­re sull’ae­reo ve­ner­dì mat­ti­na e rag­giun­ge­re i com­pa­gni.

Do­po aver bril­la­to con­tro la Ju­ven­tus l’at­tac­can­te ades­so vuo­le il­lu­mi­na­re la “Sca­la del cal­cio”

Lo staff me­di­co lo ha ras­si­cu­ra­to sul­le con­di­zio­ni del gi­noc­chio de­stro in­fiam­ma­to

GOL DA EX­PO. Mi­la­no è un ta­bù da rom­pe­re, an­che un ama­bi­le aspi­ra­zio­ne da co­glie­re, per­ché dall’al­tra par­te c’è un gran bel quar­to di no­bil­tà del cal­cio ita­lia­no ed in­ter­na­zio­na­le, c’è la sta­tu­ra d’una av­ver­sa­ria che dà lu­stro a qual­sia­si pro­pria pro­dez­za. In­si­gne ha in te­sta San Si­ro: lu­ci, plea­se.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.