Ra­nie­ri & C., il ma­de in Ita­ly fa scuo­la

Do­po i ses­sant’an­ni si dà il me­glio: gra­zie an­che al­la no­stra so­li­da tra­di­zio­ne

Corriere dello Sport (Roma) - - Speciale - Di Fu­rio Za­ra ©RIPRODUZIONE RISERVATA

Sia­mo mae­stri sen­za età per­ché con­di­vi­dia­mo una sto­ria co­mu­ne, im­pa­sta­ta di vi­te pas­sa­te in pan­chi­na. La tra­di­zio­ne è un sol­co, ed è lì che mar­chia­mo la no­stra dif­fe­ren­za. E’ il tem­po de­gli al­le­na­to­ri ita­lia­ni over­si­ze, ol­tre i ses­san­ta, in ap­pa­ren­za (e in­ve­ce no) fuo­ri ta­glia in Ita­lia (Re­ja e Ventura) e an­che fuo­ri dall’Ita­lia (Ra­nie­ri og­gi, Lip­pi ie­ri, Ca­pel­lo in que­sti an­ni, pri­ma il Trap). Fun­zio­nia­mo per­ché ci adat­tia­mo. Non ci sbat­tia­mo per le ri­vo­lu­zio­ni, por­tia­mo in­ve­ce cer­tez­ze do­ve non ce ne so­no. Fac­cia­mo va­le­re il pe­so del­la no­stra qua­li­tà, che è col­let­ti­va più che sin­go­la. Co­me tut­ti quel­li che og­gi ri­cor­da­no le poe­sie im­pa­ra­te a me­mo­ria nel­la scuo­la che fu, que­sta è gen­te che ha stu­dia­to, co­me si di­ce, pri­ma tra i ban­chi di Co­ver- cia­no e poi in quel­la vi­ta che vie­ne de­fi­ni­ta dal ri­qua­dro del cam­po di cal­cio. Suc­ce­de so­prat­tut­to var­ca­ta la so­glia dei ses­san­ta, quan­do la ma­tu­ri­tà non è più una con­qui­sta da esi­bi­re, ma di­ven­ta il no­stro cor­ro­bo­ran­te. Clau­dio Ra­nie­ri (63) sta fa­cen­do co­se egre­gie a Lei­ce­ster: è tor­na­to in Pre­mier Lea­gue a un­di- ci an­ni dall’ul­ti­ma espe­rien­za (Chel­sea) e ha an­co­ra una mar­cia in più ri­spet­to a tan­ti col­le­ghi age­vo­la­ti da un’ana­gra­fe più fre­sca. Sem­bra­va bru­cia­to do­po la pa­ren­te­si al­la gui­da del­la Gre­cia (quat­tro par­ti­te in tre me­si e mez­zo), ma era l’uo­mo sba­glia­to nel po­sto sba­glia­to e ci ha mes­so po­co a ri­pren­der­si. Marcello Lip­pi (67) in Ci­na è con­si­de­ra­to al­la stre­gua di un im­pe­ra­to­re: do­po aver chiu­so il ci­clo trien­na­le di vit­to­rie con il Guang­z­hou, è pron­to per una nuo­va av­ven­tu­ra con una na­zio­na­le. Fa­bio Ca­pel­lo (69) ha cer­to top­pa­to l’ul­ti­ma av­ven­tu­ra in Rus­sia, ma tut­to ciò non ha scal­fi­to il suo ca­ri­sma e il suo con­to in ban­ca: è an­co­ra og­gi un «no­me» su cui pun­ta­re. Ab­bia­mo co­min­cia­to a por­ta­re la no­stra ita­li­ca sag­gez­za fuo­ri dai con­fi­ni con Gio­van­ni Tra­pat­to­ni (76), ed è suc- ces­so in un mo­men­to par­ti­co­la­re: re­du­ce dal­lo Ju­ve-bis (1991-94), il Trap - all’epo­ca 55en­ne - emi­grò al Bayern, in Bun­de­sli­ga, chia­ma­to dal vec­chio ami­co Rum­me­nig­ge. Tap­pa in­ter­lo­cu­to­ria, pe­rò uti­le. Tra ri­tor­ni in Ita­lia e pa­ren­te­si sul­la pan­chi­na del­la na­zio­na­le, Tra­pat­to­ni da quel mo­men­to non ha sba­glia­to un col­po pian­tan­do ban­die­ri­ne ovun­que e vin­cen­do ti­to­li in Ger­ma­nia (al Bayern, do­ve tor­nò a un an­no dal­la pri­ma espe­rien­za), Por­to­gal­lo (Ben­fi­ca) e Au­stria (Sa­li­sbur­go). Og­gi si esce dall’Ita­lia con più fre­quen­za e ad un’età più gio­va­ne (An­ce­lot­ti, Spal­let­ti, De Bia­si, pri­ma Zac­che­ro­ni), ma il ri­sul­ta­to è sem­pre quel­lo: la scuo­la ita­lia­na ra­ra­men­te tra­di­sce, qual­che vol­ta vin­ce, qua­si sem­pre la­scia un buon ri­cor­do.

Lip­pi im­pe­ra­to­re in Ci­na, Ca­pel­lo gu­ru ol­tre­con­fi­ne Tut­to ini­ziò con una scom­mes­sa del Trap

GETTY IMAGES

Clau­dio Ra­nie­ri, 63 an­ni

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.