«Avan­ti con Pran­del­li»

Cor­vi­no: Tut­ti han­no da­to il mas­si­mo, non ab­bia­mo mai pen­sa­to di cam­bia­re

Corriere dello Sport Stadio (Bologna) - - Calcio - Fran­ce­sco Piz­zi­gal­lo/Lps

BA­RI - In­ca­pa­ce di ri­pren­der­si do­po l'eli­mi­na­zio­ne dal­la Cham­pions Lea­gue, la Fio­ren­ti­na chiu­de il cam­pio­na­to con 17 scon­fit­te e una se­rie sen­za vit­to­rie giun­ta a set­te par­ti­te con­se­cu­ti­ve. Un epi­lo­go ama­ro, in­som­ma, per i vio­la che pro­se­guo­no nel si­len­zio stam­pa pro­cla­ma­to all'ini­zio del­la scor­sa set­ti­ma­na, la­scian­do la pa­ro­la al di­ret­to­re spor­ti­vo Pan­ta­leo Cor­vi­no. «Nel cal­cio i nu­me­ri schiac­cia­no le pa­ro­le e so­no quel­li che re­sta­no nel­la sto­ria. Pur­trop­po sia­mo qui a par­la­re di una scon­fit­ta, per for­tu­na l'ul­ti­ma di que­sta sta­gio­ne, che fa di­men­ti­ca­re quan­to di buo­no era­va­mo riu­sci­ti a co­strui­re da ini­zio cam­pio­na­to fi­no al­lo scor­so gen­na­io. Poi c'è sta­to il crol­lo» , spie­ga Cor­vi­no.

Al­lo­ra, qua­li so­no i mo­ti­vi del ca­lo vio­la? «In­nan­zi­tut­to gli im­pe­gni. Ne ab­bia­mo af­fron­ta­ti tre, pa­gan­do da­zio sot­to di­ver­si aspet­ti. Tra que­sti il fat­to di ave­re un mon­te in­gag­gi di 20 mi­lio­ni di eu­ro a fron­te di so­cie­tà che ne pos­so­no ave­re 120. Per quattro an­ni sia­mo ar­ri­va­ti in Cham­pions e que­sta vol­ta non è ac­ca­du­to. Pe­rò sia­mo ar­ri­va­ti in se­mi­fi­na­le di Cop­pa Ita­lia, ab­bia­mo su­pe­ra­to il gi­ro­ne di Cham­pions scri­ven­do pa­gi­ne im­por­tan­ti del­la sto­ria di que­sto club. Sen­za di­men­ti­ca­re i suc­ces­si ot­te­nu­ti a li­vel­li gio­va­ni­le, con i suc­ces­si sia con gli Al­lie­vi, sia con i Gio­va­nis­si­mi».

L'ana­li­si di quel che è sta­to può at­ten­de­re, si pen­sa al fu­tu­ro. A par­ti­re dall'al­le­na­to­re. Con qua­le tec­ni­co ri­par­ti­rà la Fio­ren­ti­na del pros­si­mo an­no? «Con quel­lo che in que­sti cin­que an­ni ha con­tri­bu­to a rag­giun­ge­re ri­sul­ta­ti straor­di­na­ri. Ho già det­to che Pran­del­li è e ri­ma­ne con noi. Ri­par­ti­re­mo da que­sta ba­se di cal­cia­to­ri, con l'obiet­ti­vo di es­se­re su­bi­to die­tro le quattro gran­di».

Li­nee gui­da fis­sa­te, im­pos­si­bi­le chie­de­re di più. «Vo­glia­mo con­ti­nua­re con que­sta li­nea, per­ché ri­te­nia­mo che il bi­lan- cio sia im­por­tan­te quan­to i ri­sul­ta­ti. Se non ar­ri­ve­ran­no in­troi­ti eco­no­mi­ci da nes­sun'al­tra par­te tran­ne che dai di­rit­ti tv, dob­bia­mo te­ne­re que­sti obiet­ti­vi». Non cer­ca ali­bi Cor­vi­no, abi­tua­to a par­la­re con estre­ma fran­chez­za, sen­za crea­re il­lu­sio­ni o pro­spet­ti­ve dif­fi­ci­li da rea­liz­za­re. Guar­da a quel che è sta­to, so­gna un fu­tu­ro fe­li­ce quan­to lo è sta­to di re­cen­te per i co­lo­ri vio­la, ma pen­sa a quan­to ab­bia pe­sa­to, sul cam­mi­no de­gli uo­mi­ni di Pran­del­li, l'as­sen­za di Adrian Mu­tu. «Quan­do un gio­ca­to­re co­me Mu­tu vie­ne a man­ca­re, la squa­dra ne ri­sen­te mol­to. Inol­tre, a gen­na­io non c'è sta­to il tem­po di cer­ca­re un cam­pio­ne al suo po­sto. Poi ri­pe­to, è an­che que­stio­ne di mon­te in­gag­gi», ri­pro­po­ne il con­cet­to Cor­vi­no che poi spie­ga: «Ab­bia­mo ri­spet­to per i no­stri ti­fo­si, i no­stri co­lo­ri, ma bi­so­gna te­ne­re con­to che non si pos­so­no vin­ce­re ti­to­li quan­do gi­ra­no cer­te ci­fre. A tut­ti fa pia­ce­re vin­ce­re, dal sot­to­scrit­to al­la fa­mi­glia Del­la Val­le, co­sì co­me a Pran­del­li e al­la squa­dra: bi­so­gna ren­der­si pe­rò con­to dei li­mi­ti».

Il ca­lo di ri­sul­ta­ti del­la Fio­ren­ti­na è av­ve­nu­to in pa­ral­le­lo con un ca­lo di ener­gie. «Tut­ti han­no da­to il mas­si­mo, lo han­no fat­to fi­no all'ul­ti­mo se­con­do. E se a fi­ne cam­pio­na­to è ar­ri­va­ta sen­za più for­za non è per­ché man­chi la vo­glia a que­sti ra­gaz­zi ma per­ché so­no or­mai spre­mu­ti e non rie­sco­no dun­que a da­re ciò che vor­reb­be­ro».

In­fi­ne, ine­vi­ta­bi­le, la do­man­da su Pran­del­li in Na­zio­na­le. «Que­ste so­no sol­tan­to vo­ci me­dia­ti­che, non cre­do si pos­sa­no com­men­ta­re. I gior­na­li­sti han­no il do­ve­re e di­rit­to di com­men­ta­re tut­to, an­che le vo­ci, ma da par­te no­stra non cam­bia­mo li­nea di pen­sie­ro: non ab­bia­mo mai pen­sa­to di an­da­re avan­ti in ma­nie­ra di­ver­sa ri­spet­to agli ul­ti­mi cin­que an­ni. Quel che do­ve­vo di­re l'ho già det­to. Ri­pe­to: an­dia­mo avan­ti co­me pro­gram­ma­to».

Ce­sa­re Pran­del­li sa­lu­ta il pub­bli­co del San Ni­co­la con un ap­plau­so (La­Pres­se)

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.