Me­na­ri­ni-Se­ga­fre­do: con­tat­to

Il pa­tron del Bo­lo­gna de­ve ri­sol­ve­re i suoi guai, ma in­tan­to spun­ta il no­me di Za­net­ti

Corriere dello Sport Stadio (Bologna) - - Calcio - Dall’in­via­to Clau­dio Beneforti

CA­GLIA­RI - E ora co­me la met­te­ran­no i Me­na­ri­ni? E’ evi­den­te che da una par­te fa­ran­no il pos­si­bi­le e an­che qual­co­sa di più per cer­ca­re un ac­qui­ren­te per il Bo­lo­gna, ma da un’al­tra do­vran­no chiu­de­re ob­bli­ga­to­ria­men­te le por­te in fac­cia agli ami­ci de­gli ami­ci, per­ché mai Bo­lo­gna a que­sto pun­to ac­cet­te­reb­be al ti­mo­ne del Bo­lo­gna gen­te vi­ci­na a Lu­cia­no Mog­gi. Se non ad­di­rit­tu­ra pre­sen­ta­ta ai Me­na­ri­ni dal­lo stes­so Mog­gi. Ve­di il grup­po che do­po aver mes­so gli oc­chi in­va­no su To­ri­no, Man­to­va, Vi­cen­za, Pia­cen­za, Li­vor­no e for­se qual­che al­tra so­cie­tà ora sta trat­tan­do l’ac­qui­sto del Bo­lo­gna con i Me­na­ri­ni (e i suoi pro­fes­sio­ni­sti). Che po­tran­no an­che con­ti­nua­re a sfi­da­re tut­ta Bo­lo­gna ma che non do­vran­no per nien­te al mon­do far fin­ta di nien­te di fron­te al de­fe­ri­men­to del­la Pro­cu­ra Fe­de­ra­le, per­ché quel­lo è un mes­sag­gio chia­ro nei lo­ro con­fron­ti e nei con­fron­ti di chi aves­se l’in­ten­zio­ne di por­ta­re avan­ti cer­te fre­quen­ta­zio­ni. Se po­treb­be es­ser­ci al­lo­ra all’oriz­zon­te un grup­po estre­ma­men­te se­rio al qua­le af­fi­da­re le chia­vi del Bo­lo­gna? Al­me­no ad ascol­ta­re le ra­dio pri­va­te di Bo­lo­gna ci sa­reb­be, ec­co­me se ci sa­reb­be, ma è an­che ve­ro che fin qua ha fat­to orec­chie da mer­can­te, an­che se a di­re la ve­ri­tà per cer­ti ver­si ci sta­reb­be pen­san­do. Ci ri­fe­ria­mo a Mas­si­mo Za­net­ti Se­ga­fre­do, che ai tem­pi di Gi­no Co­rio­ni pre­si­den­te è sta­to spon­sor del Bo­lo­gna. Bo­lo­gna lo ha chia­ma­to e con­ti­nua a chia­mar­lo con in­si­sten­za, in­tra­ve­den­do in lui quel­lo che so­no i Del­la Val­le per la Fio­ren­ti­na, ma lo ab­bia­mo det­to, al­me­no fi­no a que­sto mo­men­to Mas­si­mo Za­net­ti non è mai an­da­to al di là di una ten­ta­zio­ne. Se i Me­na­ri­ni po­treb­be­ro per­cor­re­re que­sta stra­da, che di si­cu­ro sa­reb­be gra­di­ta al po­po­lo ros­so­blù? Qual­che con­tat­to ci sa­reb­be già sta­to in pas­sa- to, ma pro­ba­bil­men­te è man­ca­ta la giu­sta con­vin­zio­ne sia da una par­te che dall’al­tra. Cer­to, ora sa­reb­be il mo­men­to giu­sto per i Me­na­ri­ni per ten­ta­re un nuo­vo as­sal­to e per que­sto grup­po per da­re una ri­spo­sta a Bo­lo­gna, che lo chia­ma a sal­va­re il Bo­lo­gna, cre­den­do in­fi­ni­ta­men­te nel­la sua se­rir­tà e nel­le sue po­ten­zia­li­tà.

UNA SCEL­TA OB­BLI­GA­TA - In­tan­to, in­di­pen­den­te­men­te da quel­lo che ac­ca­drà su que­sto fron­te, i Me­na­ri­ni do­vran­no pren­de­re su­bi­to una de­ci­sio­ne sul con­to di Lu­ca Ba­ral­di. La lo­gi­ca por­ta a pen­sa­re che se lo aves­se­ro vo­lu­to trat­te­ne­re sot­to le due tor­ri, già gli avreb­be­ro fat­to sot­to­scri­ve­re il rin­no­vo del con­trat­to, ma quan­te vol­te fin qua il Bo­lo­gna si è com­por­ta­to in mo­do il­lo­gi­co, im­boc­can­do poi una via che so­lo qual­che set­ti­ma­na pri­ma sem­bra­va non tran­si­ta­bi­le. Mo­ra­le: se i Me­na­ri­ni ri­ten­go­no che Ba­ral­di pos­sa es­se­re l’uo­mo del do­ma­ni, be­ne, va­da­no avan­ti con Ba­ral­di, se pen­sa­no il con­tra­rio, rom­pa­no do­ma­ni (se non og­gi) que­sto rap­por­to, per­ché que­sto lo­ro im­mo­bi­li­smo sta ter­ri­bil­men­te fa­cen­do ma­le al Bo­lo­gna an­che sul fron­te del mer­ca­to. E’ scon­ta­to che a que­sto pun­to non po­treb­be­ro poi ri­vol­ger­si a un di­ret­to­re vi­ci­no in qual­che mo­do a Mog­gi, ma ce ne so­no tan­ti in gi­ro di uo­mi­ni af­fi­da­bi­li che non so­no le­ga­ti a nes­sun car­ro e che a Bo­lo­gna ar­ri­ve­reb­be­ro di cor­sa. Ec­co, già que­sta mos­sa pro­prio es­se­re l’ini­zio di una nuo­va vi­ta, per­ché qual­cu­no do­vrà pur co­struir­lo que­sto Bo­lo­gna in at­te­sa che i Me­na­ri­ni tro­vi­no un ac­qui­ren­te e fac­cia­no bin­go. O quan­to me­no, se de­ci­des­se­ro di non an­da­re avan­ti con Ba­ral­di e non aves­se­ro an­co­ra in­di­vi­dua­to il suo so­sti­tui­to, sa­reb­be­ro chia­ma­ti a da­re il via a Fa­bri­zio Sal­va­to­ri, che lo ri­cor­dia­mo sa­rà sul lo­ro li­bro pa­ga per un’al­tra sta­gio­ne, e che aspet­ta so­lo un se­gna­le per con­cre­tiz­za­re al­me­no una par­te del la­vo­ro por­ta­to avan­ti fin qua an­che dai suoi più stret­ti col­la­bo­ra­to­ri.

Ren­zo Me­na­ri­ni è sta­to de­fe­ri­to dal­la Fi­gc per ave­re avu­to rap­por­ti con l’ini­bi­to Mog­gi

QUAN­TI PEN­SIE­RI

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.