Cer­ci ha me­ri­ta­to la fi­du­cia del tec­ni­co A Lec­ce an­drà in cam­po dal pri­mo mi­nu­to

Corriere dello Sport Stadio (Bologna) - - Calcio -

FI­REN­ZE - E' sta­to tut­to tal­men­te ve­lo­ce che Ales­sio Cer­ci non ci avreb­be cre­du­to se glie­lo aves­se­ro pre­det­to e, in­tan­to, que­sto è un me­ri­to da ri­co­no­scer­gli. Se ar­ri­vi a Fi­ren­ze a una man­cia­ta di ore dall'ini­zio del cam­pio­na­to, se ti por­ta­no su­bi­to in pan­chi­na e se nel gior­no del­la pri­ma ti ri­ta­gli su­bi­to uno spa­zio da pro­ta­go­ni­sta, tut­to que­sto si­gni­fi­ca far­si tro­va­re pron­to. Ales­sio Cer­ci non è sta­to pron­to, è sta­to pron­tis­si­mo, ben sa­pen­do che quel­la che gli han­no da­to la Fio­ren­ti­na, Cor­vi­no e Mi­ha­j­lo­vic è una chan­ce in­cre­di­bi­le e non c'era una ra­gio­ne che fos­se una per non pro­va­re a co­glier­la al vo­lo. DE­BUT­TO - Nei ven­ti­cin­que mi­nu­ti gio­ca­ti con­tro il Na­po­li l'ex gial­lo­ros­so ha fat­to quel­lo che do­ve­va fa­re. Un pa­io di spun­ti bril­lan­ti sul­la fa­scia, un ti­ro pa­ra­to da De Sanc­tis, drib­bling e ini­zia­ti­va al ser­vi­zio del­la Fio­ren­ti­na. Nien­te di in­di­men­ti­ca­bi­le, ma tan­te pic­co­le buo­ne co­se che mes­se in­sie­me han­no for­ma­to un giu­di­zio po­si­ti­vo sul­la pro­va for­ni­ta. In­se­ri­to da Mi­ha­j­lo­vic per com­pen­sa­re lo squi­li­brio tat­ti­co pro­vo­ca­to dall'espul­sio­ne di Var­gas, Cer­ci ha di­mo­stra­to di ave­re an­che una di­scre­ta con­di­zio­ne atletica, un buon pas­so e le gam­be già scat­tan­ti per ag­giun­ge­re ve­lo­ci­tà all'azio­ne. Chi lo co­no­sce­va e ne ap­prez­za­va le qua­li­tà non ha po­tu­to far al­tro che di­re io lo sa­pe­vo. Chi non lo co­no­sce­va è ri­ma­sto fa­vo­re­vol­men­te im­pres­sio­na­to. Mo­ra­le? A Lec­ce toc­che­rà an­co­ra a lui pren­de­re il po­sto del su­da­me­ri­ca­no, ma sta­vol­ta dal pri­mo mi­nu­to. FI­DU­CIA - Per­ché un'al­tra co­sa ha me­ri­ta­to Cer­ci: la fi­du­cia di Mi­ha­j­lo­vic. Co­sì il tec­ni­co ser­bo, do­ven­do ri­nun­cia­re a Var­gas che è sta­to fer­ma­to per una gior­na­ta dal giu­di­ce spor­ti­vo, con ogni pro­ba­bi­li­tà schie­re­rà Cer­ci sul­la fa­scia de­stra spo­stan­do Mar­chion­ni dall'al­tra par­te in una mos­sa all'ap­pa­ren­za il­lo­gi­ca (cal­cia­to­re si­ni­stro a de­stra e vi­ce­ver­sa) che in­ve­ce po­treb­be ga­ran­ti­re ul­te­rio­ri ri­sor­se ba­li­sti­che al­la Fio­ren­ti­na. Co­mun­que sia, di si­cu­ro l'at­tac­can­te che pro­prio in To­sca­na nel­le fi­le del Pi­sa ha di­spu­ta­to fi­no­ra la sua sta­gio­ne più pro­fi­cua si è ri­ser­va­to un po­sto di ri­lie­vo nel grup­po vio­la e la con­si­de­ra­zio­ne im­me­dia­ta di Mi­ha­j­lo­vic ne è la di­mo­stra­zio­ne. Una ri­sor­sa in qua­li­tà e fan­ta­sia mol­to im­por­tan­te in as­sen­za di due ele­men­ti in­ci­si­vi co­me Jo­ve­tic e Mu­tu. RE­CU­PE­RO - Da par­te sua Cer­ci ci met­te­rà tut­ta la vo­lon­tà e tut­ta la de­ter­mi­na­zio­ne di que­sto mon­do per re­cu­pe­ra­re il ter­re­no per­du­to per via dei pro­ble­mi al gi­noc­chio, cau­sa pri­ma ad im­pe­dir­gli di ri­pe­ter­si sui li­vel­li di ren­di­men­to del­la suc­ci­ta­ta sta­gio­ne a Pi­sa. Sul­la fa­scia non ce n'era per nes­su­no de­gli av­ver­sa­ri, Cer­ci li spaz­za­va co­me bi­ril­li e i ne­raz­zur­ri al­lo­ra gui­da­ti da Ven­tu­ra vo­la­va­no in clas­si­fi­ca. C'è vo­lu­to un dop­pio in­for­tu­nio, il se­con­do in or­di­ne cro­no­lo­gi­co più se­rio, per fer­mar­lo nel­la sua sca­la­ta col Pi­sa e per ral­len­tar­ne in ge­ne­ra­le l'af­fer­ma­zio­ne sul pal­co­sce­ni­co na­zio­na­le. All'Ata­lan­ta l'an­no do­po do­ve è ri­ma­sto spes­so ai mar­gi­ni per col­pa di al­tri ri­pe­tu­ti guai e al­la Ro­ma do­ve è rien­tra­to l'an­no scor­so, non è sta­to il Cer­ci am­mi­ra­to a Pi­sa, ma in esta­te Cor­vi­no e la Fio­ren­ti­na gli han­no con­ces­so una nuo­va op­por­tu­ni­tà. Ades­so di­pen­de da lui.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.