Il do­po Co­lom­ba si co­lo­ra di im­pre­ve­di­bi­li­tà e co­sì la squa­dra di­ven­ta un ve­ro la­bo­ra­to­rio Tan­to la­vo­ro a Ca­stel­de­bo­le, tut­ti coin­vol­ti: gio­va­ni e cal­cia­to­ri esper­ti pron­ti e at­ten­ti Ma­le­sa­ni sve­la i suoi Bo­lo­gna

So­no tre le so­lu­zio­ni im­ma­gi­na­te dal nuo­vo al­le­na­to­re ros­so­blù una di­ver­sa dall’al­tra e co­sì na­sce un qua­dro tec­ni­co dut­ti­le

Corriere dello Sport Stadio (Bologna) - - Calcio - di Clau­dio Beneforti

BO­LO­GNA - Ca­stel­de­bo­le è un can­tie­re aper­to, ora co­me ora Al­ber­to Ma­le­sa­ni sta la­vo­ran­do su tre Bo­lo­gna. O me­glio, su due al­me­no per il mo­men­to, quel­lo mo­del­la­to sul 3-52 e quel­lo mo­del­la­to sul 3-4-3, per­ché è ve­ro che ter­rà in gran­de con­si­de­ra­zio­ne an­che quel­lo che pre­ve­de la di­fe­sa a quattro ma è al­tret­tan­to ve­ro che fin qua non lo ha pro­va­to, vi­sto che il Bo­lo­gna co­no­sce già tut­ti i mo­vi­men­ti, aven­do­lo fat­to nell’ul­ti­ma an­na­ta. « Pri­ma ero più ri­gi­do, mol­to più ri­gi­do, ma nel cal­cio di og­gi bi­so­gna sa­per gio­ca­re in più mo­di e adat­tar­si via via al­le va­rie si­tua­zio­ni», una fra­se che è la chia­ve di let­tu­ra di quel­le che so­no le sue idee sul pia­no tat­ti­co. Co­sa vuo­le di­re Ma­le­sa­ni, do­ve vuo­le ar­ri­va­re? Che per an­ni e an­ni il suo cre­do era le­ga­to al 3-4-3, lo ha por­ta­to avan­ti nel Chie­vo, poi nel­la Fio­ren­ti­na e suc­ces­si­va­men­te per cer- ti ver­si an­che nel Par­ma, ma poi in cer­ti mo­men­ti ha pre­fe­ri­to ri­vi­si­tar­lo, vuoi per­ché quan­do ar­ri­vi in una squa­dra a gio­chi av­via­ti non puoi can­cel­la­re di col­po ciò che è sta­to pri­ma, vuoi per­ché le ca­rat­te­ri­sti­che dei gio­ca­to­ri a vol­te lo han­no in­vi­ta­to a but­tar­si su al­tre stra­de. Per quan­to ri­guar­da l’og­gi, la sen­sa­zio­ne è che que­sto 3-4-3 a lui tan­to ca­ro Ma­le­sa­ni non lo pro­por­rà en­tro tem­pi bre­vi, no­no­stan­te ci ab­bia la­vo­ra­to su nel cor­so del­la sua pri­ma set­ti­ma­na pas­sa­ta a Ca­stel­de­bo­le, e so­lo quan­do il Bo­lo­gna avrà im­pa­ra­to del tut­to i con­cet­ti di gio­co ec­co che il nuo­vo al­le­na­to­re ros­so­blù po­treb­be an­che pre­sen­tar­lo. L’AB­BON­DAN­ZA - Quan­do Ma­le­sa­ni par­la di con­cet­ti di gio­co si ri­fe­ri­sce al­le qua­li­tà che do­vrà ave­re il suo Bo­lo­gna, chia­ma­to a es­se­re ob­bli­ga­to­ria­men­te or­ga­niz­za­to, mol­to in­ten­so, di­spo­ni­bi­le al sa­cri­fi­cio e pos­si­bil­men­te an­che bel­lo. « Una vol­ta che avre­mo ben chia­ri que­sti prin­ci­pi nel­le no­stre te­ste, po­tre­mo por­ta­re avan­ti co­strut­ti­va­men­te qua­lun­que sche­ma», l’ag­giun­ta del tec­ni­co, che ora co­me ora de­ve so­lo de­ci­de­re se but­tar­si su una di­fe­sa a quattro col­lau­da­ta e che fa sen­ti­re tran­quil­li i suoi gio­ca­to­ri e su quel­la a tre (me­glio di­re a cin­que, con­si­de­ra­to che gli ester­ni di cen­tro­cam­po so­no due ter­zi­ni, Ga­rics a de­stra e Ru­bin a si­ni­stra), pro­va­ta a lun­go nel cor­so di que­sta set­ti­ma­na. Ora co­me ora è dif­fi­ci­le ca­pi­re quel­la che sa­rà la sua scel­ta sia per la par­ti­ta di do­me­ni­ca pros­si­ma a Ro­ma con­tro la La­zio che per quel­la suc­ces­si­va di Ro­ma con­tro la Ro­ma, ma non è esclu­so che l’ab­bon­dan­za che ha in mez­zo al cam­po por­ti Ma­le­sa­ni a per­cor­re­re la via che con­du­ce al 3-5-2 (o 1-1, con Gi­me­nez al­le spal­le di Di Va­io). Sì, il tec­ni­co ha pro­va­to nel cor­so di que­sta set­ti­ma­na Ca­sa­ri­ni tre­quar­ti­sta e chis­sà, po­treb­be an­che pro­por­lo all’Olim- pi­co, ma­ga­ri chie­den­do­gli di ren­de­re dif­fi­ci­le la co­stru­zio­ne di gio­co a Le­de­sma. Cer­to, que­sta so­lu­zio­ne tat­ti­ca con­sen­ti­reb­be an­che ai di­fen­so­ri di tro­va­re più spa­zi, con­si­de­ra­to che il Bo­lo­gna ha 5 cen­tra­li, Por­ta­no­va, Mo­ras, Espo­si­to, Bri­tos e Che­ru­bin. LA DI­FE­SA A QUATTRO - D’al­tra par­te è evi­den­te che un Bo­lo­gna di­se­gna­to a quattro die­tro po­trà per­met­te­re a Ma­le­sa­ni di por­ta­re avan­ti più so­lu­zio­ni in al­tre zo­ne del cam­po. A esem­pio quel­la del 4-5-1, quel­la del 4-2-3-1 o an­che quel­la del 4-3-3. « I mo­du­li non ti fan­no vin­ce­re le par­ti­te, ma a vol­te ti aiu­ta­no», l’as­si­cu­ra­zio­ne del tec­ni­co ros­so­blù, che si è sem­pre con­si­de­ra­to un or­ga­niz­za­to­re di gio­co e non un di­slo­ca­to­re o un ge­sto­re. Ca­so mai c’è da di­re che dif­fi­cil­men­te con Ma­le­sa­ni in pan­chi­na ve­dre­mo il Bo­lo­gna mo­del­la­to sul 4-4-2, uno sche­ma che pro­prio non rien­tra nei suoi pia­ni tat­ti­ci.

Al­ber­to Ma­le­sa­ni, 56 an­ni, sta la­vo­ran­do

a Ca­stel­de­bo­le per ri­co­strui­re un’iden­ti­tà al Bo­lo­gna. Il tec­ni­co,

una vol­ta dog­ma­ti­ca­men­te le­ga­to

al 3-4-3, ora la­vo­ra sen­za più pre­giu­di­zi

(Get­ty Ima­ges)

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.