IL CAM­BIO DI STAFF POR­TA UNA RI­VO­LU­ZIO­NE AN­CHE NEI MACROCICLI DI TRAI­NING La pre­pa­ra­zio­ne fi­si­ca, l’al­tro pro­ble­ma

Corriere dello Sport Stadio (Bologna) - - Calcio - c. ben.

BO­LO­GNA - L’or­di­ne di Al­ber­to Ma­le­sa­ni. « Vo­glio un Bo­lo­gna in­ten­so e l’in­ten­si­tà va al­le­na­ta tut­ti i gior­ni, per­ché una squa­dra non può es­se­re in­ten­sa la do­me­ni­ca se poi nel cor­so del­la set­ti­ma­na non sei in­ten­so ne­gli al­le­na­men­ti». Va det­to che cia­scun al­le­na­to­re e cia­scun pre­pa­ra­to­re atle­ti­co han­no un pro­prio me­to­do di la­vo­ro, e a ciò va ag­giun­to che non ce n’è uno sba­glia­to e uno giu­sto, ma è da­van­ti agli oc­chi di tut­ti co­me il Bo­lo­gna sia sta­to chia­ma­to a cam­bia­re mar­cia in que­sti gior­ni con il cam­bio del tec­ni­co, per­ché Fran­co Co­lom­ba e Yu­ri Bar­to­li ave­va­no un’idea e ora Ma­le­sa­ni e An­to­nio Ra­io­ne ne han­no un’al­tra. Ec­co, il pericolo in cer­ti ca­si è che il cam­bio di pre­pa­ra­zio­ne pos­sa crea­re al­cu­ni con­trat­tem­pi fi­si­ci, e pa­re pro­prio che sia so­prat­tut­to per que­sto mo­ti­vo che Ma­le­sa­ni ha con­ces­so due gior­ni e mez­zo di ri­po­so (in pra­ti­ca da sa­ba­to al­le 12 a do­ma­ni po­me­rig­gio al­le 14) do­po aver for­za­to il la­vo­ro dal mer­co­le­dì al ve­ner­dì. Un’in­di­scre­zio­ne: il Bo­lo­gna sta­reb­be pen­san­do di ag­giun­ge­re al pro­prio or­ga­ni­co un al­tro pre­pa­ra­to­re atle­ti­co. Be­ne, a og­gi nei suoi pen­sie­ri ci sa­reb­be Pao­lo Ber­tel­li, fio­ren­ti­no, un pas­sa­to da nuo­ta­to­re, clas­se ‘60, che ora co­me ora è l’uo­mo chia­ma­to a la­vo­ra­re con gli in­for­tu­na­ti al­la Ro­ma. Sem­bra che la so­cie­tà di Ca­stel­de­bo­le ab­bia già con­tat­ta­to Ber­tel­li, che si sa­reb­be ri­pro­mes­so di dar­le una ri­spo­sta en­tro tem­pi bre­vi, for­se già tra og­gi e do­ma­ni. AN­TE­NUC­CI OS­SER­VA­TO­RE - In­tan­to è rien­tra­to nei qua­dri del Bo­lo­gna An­ge­lo An­te­nuc­ci, una vi­ta pas­sa­ta co­me se­con­do di Clau­dio Ra­nie­ri (an­che al Va­len­cia e al Chel­sea). Que­sto tec­ni­co ori­gi­na­rio di Iser­nia at­tual­men­te è tra gli os­ser­va­to­ri del­la so­cie­tà ros­so­blù, vo­lu­to nel Bo­lo­gna da Car­mi­ne Lon­go, che lo co­no­sce dai tem­pi del Ca­glia­ri (guar­da ca­so al­le­na­to an­co­ra da Ra­nie­ri). Quan­do An­te­nuc­ci era sta­to a Bo­lo­gna? Lo ave­va por­ta­to sot­to le due tor­ri co­me suo se­con­do Si­ni­sa Mi­ha­j­lo­vic. Poi c’è da di­re che i due si so­no se­pa­ra­ti do­po l’eso­ne­ro, tan­to è ve­ro che il ser­bo sia nel­la sta­gio­ne pas­sa­ta a Ca­ta­nia che in que­sta sta­gio­ne nel­la Fio­ren­ti­na ha co­me suo vi­ce Da­rio Mar­co­lin. POR­CED­DA A FI­REN­ZE? - Do­ma­ni a Fi­ren­ze sul­le tri­bu­ne del “Fran­chi”, in oc­ca­sio­ne del­la par­ti­ta del­la na­zio­na­le ita­lia­na con­tro le Far Øer, ci sa­rà an­che Car­mi­ne Lon­go e non è esclu­sa la pre­sen­za del pre­si­den­te ros­so­blù Ser­gio Por­ced­da. E’ evi­den­te che la lo­ro spe­ran­za (di ora in ora sem­pre più con­cre­ta) è quel­la di ve­de­re all’ope­ra co­me ti­to­la­re az­zur­ro Emi­lia­no Vi­via­no. Per quan­to ri­guar­da la ri­pre­sa del­la pre­pa­ra­zio­ne, Ma­le­sa­ni ha da­to ap­pun­ta­men­to ai suoi gio­ca­to­ri per do­ma­ni po­me­rig­gio. Ol­tre al por­tie­ro­ne ros­so­blù, man­che­rà an­che Al­bin Ek­dal, im­pie­ga­to con la na­zio­na­le sve­de­se Un­der 21. Chiu­dia­mo con Ga­ston Ra­mi­rez: il gio­va­ne ester­no uru­gua­ia­no aspet­ta so­lo il trans­fer per pren­de­re il pri­mo vo­lo e sbar­ca­re a Bo­lo­gna. La so­cie­tà ros­so­blù ver­se­rà 1 mi­lio­ne e 860 mi­la eu­ro en­tro il 9 set­tem­bre e a quel pun­to con il trans­fer ar­ri­ve­rà per Ra­mi­rez an­che il per­mes­so di sog­gior­no.

Al­ber­to Ma­le­sa­ni e il suo staff: nuo­va fi­lo­so­fia e nuo­vi si­ste­mi di la­vo­ro per la squa­dra (Get­ty Ima­ges)

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.