MALESANISTORY: TRO­FEI, VIT­TO­RIE ED EC­CES­SI NELL’ERA TAN­ZI Ma co­me gio­ca­va quel Par­ma

Corriere dello Sport Stadio (Bologna) - - Calcio - Pao­lo Gros­si/ass 3 - con­ti­nua (le pun­ta­te pre­ce­den­ti - Ma­le­sa­ni al Chie­vo e a Fi­ren­ze - so­no usci­te sa­ba­to e ie­ri)

PAR­MA - For­mi­da­bi­li que­gli an­ni. Al­ber­to Ma­le­sa­ni di­ven­ta al­le­na­to­re del Par­ma nell'esta­te del 1998. E' il vi­ce­pre­si­den­te Ful­vio Ce­re­si­ni ad aver­lo vo­lu­to al­la gui­da del Par­ma, con­vin­cen­do la fa­mi­glia Tan­zi del­la ne­ces­si­tà di apri­re un nuo­vo ci­clo do­po la se­con­da, po­co bril­lan­te sta­gio­ne di Ancelotti in pan­chi­na. As­sie­me a Ma­le­sa­ni ,a rin­for­za­re un grup­po che com­pren­de già i va­ri Buf­fon, Sen­si­ni, Can­na­va­ro, Thu­ram, Cre­spo, Chie­sa, Sta­nic, ar­ri­va­no Ve­ron, Fu­ser, Vanoli, Bal­bo. In­som­ma, uno squa­dro­ne, che pas­sa dall'im­mu­ta­bi­le li­nea di­fen­si­va a quattro di Ancelotti a quel­la a tre di Ma­le­sa­ni.

Ar­ri­va pie­no di en­tu­sia­smo e an­che di adre­na­li­na. Par­te pia­no, con due pa­reg­gi in al­tret­tan­te gior­na­te, poi al­la ter­za bat­te 1-0 la Ju­ve ed esplo­de in una del­le sue pro­ver­bia­li esul­tan­ze. Tra le più ce­le­bri quel­la, che fe­ce ar­rab­bia­re Gal­lia­ni, per il gol de­ci­si­vo al­lo sca­de­re di Bo­ghos­sian con­tro il Mi­lan in Su­per­cop­pa e quel­la a ri­mor­chio di Cre­spo do­po l'in­cre­di­bi­le 1-1 in 9 con­tro 11 con­tro la Ju­ve. La squa­dra de­col­la, ed espri­me il più bel cal­cio mai vi­sto a Par­ma. Per for­za, di­co­no i log­gio­ni­sti del Tar­di­ni, gen­te che rim­pian­ge l'aplomb di Sca­la e Ancelotti, con quel po' po' di gio­ca­to­ri... In real­tà Ma­le­sa­ni ci met­te del suo, con una men­ta­li­tà of­fen­si­va che esal­ta Chie­sa e Cre­spo e coin­vol­ge mol­to gli ester­ni nel sup­por­to al­la ma­no­vra. Al­la fi­ne il Par­ma ar­ri­va quar­to e si qua­li­fi­ca per la Cham­pions. In com­pen­so vin­ce la Cop­pa Ita­lia pro­prio con­tro la Fio­ren­ti­na e al Fran­chi, e poi la Cop­pa Ue­fa a Mo­sca con­tro il Mar­si­glia. Per il gio­va­ne pre­si­den­te Ste­fa­no Tan­zi so­no i pri­mi tro­fei, Ma­le­sa­ni è su­gli al­ta­ri.

Nel frat­tem­po Ve­ron se n'è an­da­to e so­no ar­ri­va­ti Amo­ro­so, Or­te­ga e Mi­coud. Il Par­ma vo­la su­bi­to fuo­ri dal­la Cham­pions, fa­ta­le è il tur­no pre­li­mi­na­re con i Ran­gers Gla­sgow. Un col­po du­ro: la squa­dra fa un pun­to nel­le pri­me quattro ga­re, al­la fi­ne è an­co­ra quar­ta, ma al­la pa­ri con l'In­ter di Bag­gio e per­de lo spa­reg­gio di Ve­ro­na. L'an­no do­po è una ca­du­ta con­ti­nua, Ma­le­sa­ni si ro­ve­scia in mac­chi­na sull'au­to­stra­da, il Par­ma ha cam­bia­to vol­to, l'epi­lo­go, scon­fit­ta in ca­sa con la Reg­gi­na a gen­na­io, lo ve­de usci­re dal­la por­ta di ser­vi­zio, eso­ne­ra­to.

A Par­ma Ma­le­sa­ni non si è mai ar­ruf­fia­na­to nes­su­no, e non ave­va an­co­ra smus­sa­to cer­ti spi­go­li di ca­rat­te­re co­me for­se ha fat­to ne­gli an­ni a ve­ni­re. Fat­to sta che non ap­pe­na le co­se vol­go­no al brut­to la gen­te non ti per­do­na nien­te. Ed ec­co che quan­do s'è ri­tro­va­to con cam­pio­ni più vec­chi e con la pan­cia pie­na, quan­do ha vi­sto met­te­re in dub­bio la pre­pa­ra­zio­ne atletica, i ti­fo­si han­no co­min­cia­to a la­men­ta­re il suo an­di­ri­vie­ni da Ve­ro­na, do­ve il tec­ni­co tor­na­va a dor­mi­re la sera. La par­mi­gia­ni­tà è un ves­sil­lo: se non te lo fai pia­ce­re è a tuo ri­schio. Per co­se di po­co con­to tan­te gen­te ha fat­to trop­po pre­sto a di­men­ti­car­si il bel cal­cio e i trion­fi. Per­ché per lo scu­det­to, quel­lo che mol­ti lo ac­cu­sa­va­no di non aver vin­to con il Par­ma più for­te di sem­pre, sa­reb­be in real­tà ser­vi­ta una so­cie­tà di­ver­sa.

L’ab­brac­cio fra Cre­spo e Ma­le­sa­ni (Ap) do­po il gol che è pas­sa­to al­la sto­ria del Par­ma: il gol del pa­reg­gio con­tro la Ju­ve se­gna­to da Her­nan a tem­po sca­du­to, con il Par­ma in 9 con­tro 11. Era il 9 gen­na­io 2000

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.